Bere caffè riduce il rischio di diabete: lo dicono gli studiosi

Il consumo di caffè è associato ad una riduzione del rischio di sviluppare la forma di diabete più frequente

Il caffè ridurrebbe del 25% il rischio di sviluppare diabete di tipo 2, di gran lunga la forma di diabete più frequente (interessa il 90% dei casi). È quanto sostengono gli esperti dell'Institute for Scientific Information on Coffee (Isic), che nel corso dell'Annual Meeting della European Association for the Study of Diabetes (Easd) 2018 di Berlino hanno organizzato un evento satellite sul tema "Caffè e diabete di tipo 2: una revisione delle ultime ricerche". Durante il simposio, Mattias Carlström del dipartimento di Fisiologia e Farmacologia del Karolinska Institutet (Svezia) ha riesaminato le ultime ricerche scientifiche compresa la metanalisi "Consumo di caffè e riduzione del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2" che hanno riguardato 30 studi prospettici, su un totale di più di un milione di partecipanti. Kjeld Hermansen del dipartimento di Endocrinologia e Medicina interna, Aarhus University Hospital (Danimarca) ha esplorato i possibili meccanismi alla base dell'associazione inversa fra consumo di caffè e diabete di tipo 2, presentando i punti salienti delle ricerche svolte in quest'area.

Le evidenze suggeriscono che possono essere coinvolti vari fattori, inclusi un effetto antiossidante, un effetto antinfiammatorio, effetti termogenici (generati cioè dal calore) o la modulazione della diversità del microbioma (l'insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali della totalità dei microrganismi di un ambiente definito). Nella presentazione, Hermansen ha anche analizzato la sua stessa ricerca sui composti del caffè, come l'acido caffeico e il cafestolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caffè funziona da viagra: ecco come riduce l'impotenza 

Dai risultati della ricerca evidenziati durante la tavola rotonda è emerso che bere dalle 3 alle 4 tazze di caffè al giorno è associato a una riduzione del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 approssimativamente del 25%. L'associazione inversa fra il consumo di caffè e il diabete di tipo 2 è stata dimostrata sia negli uomini che nelle donne e le metanalisi hanno suggerito che sia il caffè normale che quello decaffeinato sono associati a una riduzione del rischio di diabete di tipo 2.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Massimiliano e Davide uccisi, lo strazio della sorella: "Mi sembra di impazzire"

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, le tre condizioni (secondo il virologo) per tornare alla "pseudo normalità"

  • Michelle Hunziker, famiglia XXL in quarantena: "Per me Goffredo e Sara due figli acquisiti"

Torna su
Today è in caricamento