Bus, metro e treni sporchi: gli italiani hanno paura di ammalarsi

Secondo un'indagine sul rapporto tra gli italiani e l'igiene, il 65% degli intervistati "ha sviluppato il timore di contrarre infezioni proprio mentre viaggia nella quotidianità". Vediamo perché

Un momento della sciopero dei mezzi pubblici a Torino, 26 ottobre 2018. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Prendere i mezzi pubblici è la soluzione scelta da milioni italiani per andare a lavorare, muoversi in città o viaggiare nel weekend. Spesso però le condizioni igieniche di autobus, metropolitane e treni lasciano molto a desiderare. E preoccupano i viaggiatori e i pendolari. Secondo un'indagine Doxa, promossa dall'azienda Initial con l'intento di scoprire il rapporto tra gli italiani e l'igiene, il 65% degli intervistati "ha sviluppato il timore di contrarre infezioni proprio mentre viaggia nella quotidianità".

Si tratta di una percentuale che aumenta "al 69% nella fascia di età di studenti e giovani lavoratori (18-34 anni) che trascorrono più tempo sui mezzi pubblici". Inoltre, la paura di contrarre malattie sui mezzi pubblici "è maggiormente diffusa al Sud (69% nel Mezzogiorno contro il 61% nel Settentrione)".

Gli italiani e i mezzi pubblici: cosa dice questa indagine

L'indagine è basata su 1.005 interviste online su un campione nazionale rappresentativo della popolazione italiana adulta (18-70 anni). Le interviste sono state condotte dall'11 al 14 maggio 2018. Di sicuro, come si evince dalla ricerca, "gli italiani sono tutti d'accordo (o quasi) sul fatto che la scarsa igiene sia la prima causa di malattie/infezioni (il 93%)". Questo dato viene rafforzato analizzando tutti gli aspetti che vengono associati al concetto di igiene. Il 72% degli italiani, infatti, vi associa la cura di sé e degli ambienti dove si vive e per il 61% igiene è sinonimo di sicurezza degli ambienti intesi come protetti da malattie, contagi e infezioni".

Mezzi pubblici sporchi: il 65% degli italiani ha paura di contrarre malattie

In generale, sono le nuove generazioni - in particolare nel Nord Italia - ad essere allarmate rispetto alla trasmissione di infezioni da batteri o virus, con percentuali che sono quasi sempre al di sopra della media nazionale. Ad esempio, "il 49% degli intervistati ritiene che la mancanza di igiene possa causare la trasmissione di problematiche dermatologiche anche gravi, e questo dato sale al 54% se si prende in considerazione la fascia d'età 18-24 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sciopero 8 marzo, trasporti in tilt per la Festa della donna: fermi treni, bus, aerei e taxi 

Allo stesso modo, il 47% degli italiani si fa spaventare dal rischio di contrarre micosi e verruche, contro il 53% dei più giovani", osserva l'indagine demoscopica. Inoltre, secondo i dati raccolti, emerge che c'è molta meno paura di quanto si creda delle punture o dei morsi di insetti e parassiti (28%) e ancora meno (il 15%) pensa che la spossatezza e la debilitazione fisica possano essere elementi che favoriscono lo sviluppo di infezioni (percentuale che sale al 27% se si considerano i giovani tra 18 e 24 anni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Coronavirus, anziani restano senza acqua: la figlia chiama il 112 dalla Germania

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

Torna su
Today è in caricamento