Cannabis contro le epilessie farmaco-resistenti: lo studio italiano

Nuovi risultati positivi ottenuti con un cannabinoide ancora poco conosciuto e studiato, la cannabidivarina. "E' importante proseguire le ricerche in modo da colmare il gap scientifico degli ultimi 40 anni", spiega il primo co-autore dello studio Pierangelo Cifelli

Le possibilità di curare l'epilessia con i medicinali sono aumentate negli ultimi anni, ma circa il 30% dei pazienti risulta farmaco-resistente. Per loro l'unico approccio possibile è quello chirurgico, con la rimozione del '"focus epilettogeno", ma si tratta di un intervento che si può effettuare solo in casi selezionati.

Nuovi risultati positivi, riporta AdnKronos Salute, sono stati ottenuti con un cannabinoide ancora poco conosciuto e studiato, la cannabidivarina. Sono emersi da un caso clinico che riguarda un ragazzo affetto da una forma molto grave di epilessia (encefalopatia epilettica) con decine di crisi epilettiche al giorno. Nessuna terapia farmacologica riusciva a risolvere la condizione, per cui il paziente è stato sottoposto a intervento chirurgico, senza però ottenere beneficio. I genitori del ragazzo hanno quindi deciso, in maniera indipendente, di provare a somministrare cannabis sotto forma di tisana come ultima terapia possibile. Nel giro di quattro giorni la condizione clinica del paziente ha evidenziato una significativa riduzione delle crisi epilettiche e un miglioramento delle performance cognitive.

Lo studio, di cui il ricercatore Pierangelo Cifelli è primo co-autore, indica come la somministrazione controllata di cannabis in un paziente fortemente farmaco-resistente sia stata in grado di ridurre in maniera significativa il numero e la gravità delle crisi epilettiche, migliorando la performance cognitiva, e questo senza effetti collaterali. Presso il reparto di epilettologia del Policlinico Umberto I di Roma vengono quindi effettuati i test per valutare le concentrazioni ematiche di diversi cannabinoidi, un'accurata valutazione elettroencefalografica e i test cognitivi.

"Dall'osservazione clinica - spiega Pierangelo Cifelli, ricercatore Ri.Med che grazie a un accordo con l'Università Sapienza di Roma svolge attualmente la propria ricerca presso il Dipartimento di Fisiologia e farmacologia dell'ateneo romano, dove sono già in cantiere ulteriori progetti - siamo passati alla fase sperimentale, riuscendo a mettere in evidenza un nuovo meccanismo di azione relativo alla cannabidivarina, molecola priva di effetti psicoattivi. I risultati di questo studio aprono interessanti prospettive. E' importante proseguire le ricerche sui potenziali terapeutici dei fitocannabinoidi, in modo da colmare il gap scientifico degli ultimi 40 anni".

"Intendiamo studiare le interazioni tra farmaci antiepilettici e fitocannabinoidi e il loro possibile utilizzo nelle epilessie infantili fortemente farmaco resistenti - prosegue Cifelli, primo co-autore dello studio - La ricerca è la base per cercare di elucidare i meccanismi di queste molecole, di guidare lo sviluppo di una terapia completa, basata su più farmaci; dovremo inoltre verificare i risultati su un campione di pazienti significativo: una strada percorribile solo grazie alla collaborazione tra ricerca di base e clinica". Cifelli presenterà in anteprima lo studio in occasione del decimo simposio scientifico annuale della Fondazione Ri.Med, in programma lunedì 17 ottobre a Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 14 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento