Romano l'uomo di Neanderthal più antico d'Europa

Uno studio dell'Ingv con i paleontologi delle Università della Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre ha permesso di datare alcuni reperti ritrovati lungo l'Aniene aprendo nuovi scenari sulle tappe dell'evoluzione dell'uomo e sui flussi migratori attraverso il Vecchio Continente

Ricostruzione dell'aspetto di un uomo di neanderthal (fonte: National History Museum)

Viveva a Roma la più antica comunità di Neanderthal di cui sia mai stata trovata traccia in Europa: lo dimostra la datazione di ossa umane e animali ritrovate lungo la valle dell'Aniene e risalenti ad almeno 250.000 anni fa. Li hanno analizzati i ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), in collaborazione con i paleontologi delle Università della Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre. I risultati, pubblicati sulla rivista Plos One, aprono nuovi scenari sulle tappe dell'evoluzione dell'uomo e sui flussi migratori attraverso il Vecchio Continente.

Lo studio conferma la datazione che era stata fatta del sito di Saccopastore dove negli anni '30 erano stati ritrovati due crani di Homo neanderthalensis. Studiando la correlazione tra cicli sedimentari e variazioni globali del livello del mare, si era capito che i terreni erano più antichi di quanto ipotizzato: 250.000 anni contro gli 80.000-125.000 delle stime precedenti. La conferma è venuta ora dal riesame dei resti fossili di daini appartenenti alla sottospecie Dama dama tiberina, raccolti insieme ai resti umani e conservati presso il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini di Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cammino di Homo Sapiens in un video

homo sapiens-2

La seconda novità dello studio riguarda alcuni frammenti di ossa umane rinvenuti insieme a resti faunistici e numerosi strumenti in selce in quattro località vicine: Ponte MammoloSedia del DiavoloCasal de' Pazzi e Monte delle Gioie. I ricercatori sono riusciti a stabilire l'età dei terreni in cui furono ritrovati, datandoli tra i 295.000 e i 245.000 anni fa.

''I resti della Valle dell'Aniene costituiscono la più antica evidenza diretta della presenza dell'uomo di Neanderthal sul continente europeo'', precisa Marra. ''Gli uomini di Neanderthal potrebbero essere stati pertanto i protagonisti di una nuova antropizzazione dell'Europa avvenuta più di 250.000 anni fa: anche allora passando attraverso un'Italia ospitale, almeno dal punto di vista climatico, dove proprio nella sua capitale avrebbero stabilito una delle prime comunità''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Katia e Ascanio 15 anni dopo, ecco l'irresistibile ritratto di famiglia con i figli

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento