Su Marte c'è acqua (e forse anche vita): scoperto un lago di 20 km

Dopo decenni di ricerche è arrivata la conferma definitiva: sul pianeta rosso c'è acqua salata. La straordinaria scoperta di un team di scienziati italiani

"Questa scoperta è una delle più importanti degli ultimi anni". Così il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, ha commentato la scoperta di un sorta di lago di acqua salata su Marte, realizzata dal radar italiano Marsis, installato a bordo della sonda europea Mars Express. Sul pianeta rosso dunque c'è acqua e potrebbe esserci vita. 

Quello che è stato scoperto su Marte è "una sorta di lago di acqua salata di circa 20 chilometri di diametro e che si trova ad una profondità di circa un metro" ha detto l'astrofisico dell'Inaf Roberto Orosei.

Orosei ha spiegato che "questo corrisponde ad una quantità di acqua di diverse centinaia di milioni di metri cubi di acqua". La 'nicchia biologica' , come l'hanno definita gli scienziati, "si trova a 81 gradi Sud, è vicina al Polo Sud di Marte" ha indicato Orosei.

Condizioni simili all'Antartide

Secondo la geofisica Elena Pettinelli, quella scoperta sul pianeta rosso è "una nicchia biologica perché sicuramente i batteri potrebbero vivere in queste condizioni, così avviene anche in Antartide con i batteri estremofili".  

Pettinelli, geofisica del Dipartimento di Fisica e Matematica dell'Universita' degli Studi di Roma Tre, ricorda l'esclamazione degli scienziati quando hanno capito di aver scoperto acqua liquida e salata su Marte. "'Accidenti questa è proprio acqua!' abbiamo urlato", riferisce Pettinelli.

"Sono decenni che il sistema spaziale italiano è impegnato nelle ricerche su Marte insieme a Esa e Nasa" ricorda Battiston. "I risultati di Marsis -afferma ancora il numero uno di Asi- confermano l'eccellenza dei nostri scienziati e della nostra tecnologia e sono un'ulteriore riprova dell'importanza della missione Esa a leadership italiana ExoMars, che nel 2020 arriverà sul Pianeta Rosso alla ricerca di tracce di vita".

La scoperta grazie a un team di scienziati italiani

E' la prima volta che si ottiene la prova che sotto la superficie di Marte c'è dell'acqua allo stato liquido e la straordinaria scoperta è arrivata grazie ad un team di scienziati italiani che hanno indagato, con un nuovo metodo, i dati forniti dal radar italiano Marsis che si trova a bordo della sonda europea Mars Express.

I dati di Marsis indicano che probabilmente l'acqua è salata poiché alla profondità di 1.5 chilometri, dove l'acqua è stata identificata, la temperatura è sicuramente ben al di sotto di 0°C. I sali, che probabilmente sono simili a quelli che la sonda Nasa Phoenix ha trovato nel ghiaccio della zona circumpolare nord, agiscono da "antigelo" aiutando a mantenere l'acqua allo stato liquido.

"Siamo a un passo dallo scoprire la vita"

"Tutto questo ci fa comprendere che le precondizioni per trovare vita su Marte ci sono" afferma all'Adnkronos Enrico Flamini, Chief Scientist dell'Agenzia Spaziale Italiana. "Ora sappiamo che Marte è più adatto ad ospitare vita di quanto pensavamo. Ora sappiamo che acqua liquida c'è ed è stabile da centinaia di milioni di anni. Siamo ad un passo, siamo più vicini a pensare che ci possa essere vita" sul pianeta rosso, scandisce Flamini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento