Hai cercato:

La ricerca ha prodotto 10000 risultati per 667 pagine

Ci sono altri 6683 risultati non mostrati
Link di questa ricerca
  • Giornate Cinema Lucano, Lisa Marzoli: "La mia Vita in diretta, tra lavoro e maternità" (VIDEOINTERVISTA)

    domenica, 28 luglio 2019

    Conduttrice della 'Vita in Diretta Estate', giornalista, ma soprattutto mamma. E' un'estate all'insegna del lavoro per Lisa Marzoli, 39 anni, che, insieme con Beppe Convertini, conduce ogni giorno il contenitore pomeridiano di Rai Uno. Ma come conciliare gli impegni professionali e la maternità? "Da cinque giorni Ginevra (avuta nel 2017 dal marito imprenditore Francesco Borrelli, ndr) è dai nonni, al mare, ed io ovviamente piango tutte le mattine - racconta a Today Lisa, a margine delle 'Giornate del Cinema Lucano', dove viene premiata come personaggio televisivo della stagione -  La lontananza per me è tragica, ma è giusto che lei vada a divertirsi: a Roma si annoierebbe. In compenso la raggiungo tutti i weekend, e poi facciamo lunghe videochiamate". Una dedizione alla professione che viene ripagata ogni giorno dall'affetto dei telespettatori: "Abbiamo raggiunto medie del 18.2 % di share, con cinque punti in più rispetto allo scorso anno". Tanto che per lei arriveranno presto nuovi progetti: "Ho ricevuto quattro proposte molto belle e legate alla cultura, darò risposta entro qualche giorno". 

  • Giornate Cinema Lucano, i mille volti di Elena Sofia Ricci: "Sarò madre 'diversa' nella nuova serie Vivi e lascia vivere" (VIDEOINTERVISTA)

    domenica, 28 luglio 2019

    Da Veronica Lario in 'Loro' di Paolo Sorrentino a Suor Angela di 'Che Dio ci aiuti'. Se c'è un'attrice che nel mondo dello spettacolo eccelle nella trasversalità di ruoli e generi, questa è Elena Sofia Ricci, 57 anni, di cui 40 di carriera, capace di unire le tante anime del pubblico italiano, tutte presenti per acclamarla alle 'Giornate del Cinema Lucano', dove si concede ad un bagno di folla. "I prossimi progetti? Interprerò una donna molto diversa dal solito nella nuova serie Rai 'Vivi e lascia vivere' di Pappi Corsicato (al suo debutto con un prodotto televisivo, ndr)", racconta a margine della kermesse cinematografica, "Mi auguro di continuare a variare sempre, altrimenti mi annoio". Si tratta di una madre ruvida, che fa scelte estreme per proteggere i propri figli, protagonista di un family drama tra suspence e giallo: "Qualcosa di innovativo per la nostra tv". Poi continua l'impegno a teatro con 'Vetri Rotti' di Arthur Muller per la regia di Armando Pugliese, e in seguito sarà la volta della sesta stagione di 'Che Dio Ci aiuti'. "La recitazione", spiega, "è come un gioco di vasi comunicati per le emozioni, è qualcosa che si impara vivendo. Un po' porto sul set mie emozioni, un po' faccio mie quelle che vivo durante le riprese". Tanti impegni, dunque, e un solo interrogativo: "Mi domando solo quando andrò in vacanza", scherza. Con lei alla serata lucana anche il marito Stefano Mainetti (padre della figlia Maria, 15, secondogenita dopo Emma, 23, avuta da Pino Quartullo), 61, direttore d'orchestra e compositore protagonista di una masterclass e di un omaggio dei musicisti Gilda Butta e Luca Pincini. 

  • Giornate Cinema Lucano, Massimiliano Morra: "Nuovi progetti e una nuova persona nel cuore" (VIDEOINTERVISTA)

    domenica, 28 luglio 2019

    E' un momento intenso per Massimiliano Morra, appagato sia sul versante professionale che dal punto di vista sentimentale. Ospite delle 'Giornate del Cinema Lucano' - la kermesse cinematografica in scena a Maratea dal 22 al 27 luglio - l'attore napoletano rivela a Today di avere in ballo "una fiction e un film", i cui dettagli al momento restano top secret. Altrettanto scaramantico quando il discorso  si sposta alla nuova persona che gli è vicino, di cui riusciamo a scoprire solamente che "non fa parte del mondo dello spettacolo" ma che "nonostante questo riesce a capire il mio ambiente e a tenere a bada la gelosia". Sogni nel cassetto? "Interpretare finalmente un personaggio negativo, perché mi hanno sempre affidato ruoli positivi, come il prete e il classico ragazzo della porta accanto", ma la passione più grande resta il teatro, "dove si riesce ad avere un contatto davvero diretto con il pubblico". E poi c'è il desiderio di riprovarci a 'Ballando con le stelle', esperienza scalfita a causa di un incidente stradale: "Tornerei anche domani, perché saper ballare è una dote utile anche a noi attori". 

  • Giornate Cinema Lucano, Paolo Genovese: "Perfetti Sconosciuti in America forse a gennaio" (VIDEOINTERVISTA)

    sabato, 27 luglio 2019

    'Perfetti Sconosciuti', con la sua "cena delle verità" in cui lo smartphone diventa vaso di Pandora dei segreti più incoffessabili tra coppie e tradimenti, entra nella storia raggiungendo quota 18 remake in giro per il mondo, dall'India alla Spagna. E' la pellicola con più rifacimenti di sempre nel cinema italiano. Paolo Genovese, 52 anni, è riuscito in quella che è la più grande sfida della cinematografia nostrana di oggi: l'internazionalizzazione. "Non serve andare a girare all'estero, né ingaggiare attori stranieri - spiega il regista romano a Today, a margine delle 'Giornate del Cinema Lucano - Premio Internazionale Basilicata 2019', dove è ospite della quarta serata - Si può raccontare un film anche in una stanza o in un ascensore, l'importante è parlare un linguaggio che sia comprensibile a chiunque nel mondo. Le dinamiche relazionali di questo film sono comuni a qualunque cultura, a prescindere dalla localizzazione geografica". A corteggiare Genovese anche l'America (Charlize Theron, secondo le indiscrezioni, ne sarebbe rimasta molto colpita, ndr): "Ma è una ipotesi che valuterò solamente a gennaio, insieme alla possibilità di un altro film in America, dopo aver portato a termine un'altra pellicola che già sto scrivendo sulle coppie, intitolata 'Supereroi'". Intanto, sempre a gennaio, cominciano le riprese della serie tv 'Tutta Colpa di Freud', tratta dall'omonimo film uscito nel 2014 ed in onda su Canale 5: "Sveleremo il cast dopo l'estate". 

  • Giornate Cinema Lucano, Stefano Mainetti: "Così nasce una colonna sonora. Elena Sofia Ricci? In casa un confronto artistico continuo" (VIDEOINTERVISTA)

    sabato, 27 luglio 2019

    Un bagaglio professionale trasversale, che va dagli horror di Lucio Fulci ('Zombie 3') alla collaborazione con Papa Giovanni Paolo II ('Tu Es Christus'). Compositore, direttore d'orchestra e autore di colonne sonore, Stefano Mainetti, 62, racconta a Today le suggestioni a cui, da oltre trent'anni, attinge per la costruzione delle musiche dei più grandi film della cinematografia italiana ed internazionale. "In molti casi comincio a lavorare in fase di sceneggiatura - spiega a margine delle 'Giornate del Cinema Lucano - Premio Internazionale Basilicata', dove sabato 27 luglio è protagonista di una Masterclass e poi di un omaggio con Gilda Butta e Luca Pincini, che interpretano al piano  e violoncello le sue composizioni - Poi seguo le riprese sul set, cerco di assimilare il più possibile e traduco le emozioni in note in modo che il pubblico, anche senza rendersene conto, venga accompagnato e coccolato durante la proiezione". La prossima sfida è uno spettacolo al Teatro alla Pergola di Firenze, mentre continua l'avventura di 'Rendering Revolution'. Da sedici anni, spettatrice d'eccezione del suo lavoro è l'attrice Elena Sofia Ricci, compagna e madre della figlia Maria: "A casa il confronto artistico è continuo. Io la aiuto nella creazione dei personaggi, lei ascolta ripetutamente le mie musiche".