Marker rossi sui sedili e "tariffe dinamiche": così si viaggia in treno nella "fase due"

Il comunicato del gruppo FS: per i viaggi di media e lunga percorrenza garantite 12 Frecce e 6 InterCity. A bordo resterà sospeso il servizio di ristorazione

Foto Gruppo FS

Da lunedì 4 maggio sono circa 3.800 i treni regionali programmati. Per i viaggi di media e lunga percorrenza 12 Frecce e 6 InterCity viaggeranno sulle principali direttrici del Paese. È quanto si legge in una nota del Gruppo FS Italiane che fa il punto sulla situazione del trasporto ferroviario per la così detta fase due.  Fondamentale sarà ancora una volta il "distanziamento sociale". Tutti i biglietti e gli abbonamenti Frecce e InterCity sono nominativi, così come indicato dalle Autorità competenti per garantire un maggior livello di sicurezza sanitaria consentendo, ad esempio, di essere avvisati nel caso in cui si sia condiviso il viaggio con un passeggero risultato successivamente positivo al virus.

Marker rossi sui sedili inutilizzabili

Su Frecce e InterCity, con biglietti e abbonamenti nominativi, il distanziamento fra le persone è garantito da un nuovo criterio di assegnazione dei posti, oltre alla presenza di marker rossi sui sedili riservati al distanziamento sociale.

La nuova funzione di prenotazione dei posti, attiva sulle Frecce dal 10 marzo, garantisce infatti il rispetto delle distanze di sicurezza prescritte dalle disposizioni in materia di prevenzione e diffusione del virus COVID-19. Inoltre, spiega il Gruppo Fs, il posto dovrà essere prenotato anche per chi è in possesso di un abbonamento.

Chi viaggia sugli InterCity Notte dovrà prenotare l’intero compartimento sia per i vagoni letto sia per le cuccette. A tutti i passeggeri Frecciarossa e Frecciargento sarà distribuito un welcome kit con mascherina, guanti, poggiatesta e gel disinfettante.

Trenitalia, sospesi i servizi di ristorazione a bordo

Sono sospesi i servizi di ristorazione a bordo (welcome drink, bar, ristorante e servizi al posto) per limitare contatti fra passeggeri e personale di bordo treno. Misure per garantire il distanziamento ed evitare il sovraffollamento negli ambenti di stazione sono state adottate anche per biglietterie, FrecciaLounge, FrecciaClub e SalaFreccia. Le distanze di sicurezza sono garantite sui treni regionali con marker rossi sui sedili non utilizzabili. Al momento, non è consentito viaggiare in piedi.

Separate le porte di entrata e quella di uscita

Inoltre, su tutta la flotta di Trenitalia le porte di entrata e quelle di uscita dai treni, indicate da apposita segnaletica, sono separate per evitare incroci fra i viaggiatori. A bordo treno una segnaletica a terra indicherà ai viaggiatori quale porta usare per uscire dal treno.

Tariffe dinamiche

Trenitalia ha inoltre sperimentato a partire da marzo 2019 un nuovo sistema di tariffe dinamiche per le persone che viaggiano sui treni regionali. Prima sulla linea Vicenza – Schio e poi fra Siena e Grosseto, i passeggeri hanno potuto acquistare biglietti di corsa semplice regionale a tariffa economica ridotta del 50% per chi parte tra le 9.01 e le 16.59 e tra le 20.01 e le 5.59, tutti i giorni compresi i festivi. Una misura che "ha permesso di differenziare il costo dei biglietti negli orari di punta e in quelli dove l’affluenza di persone che utilizzano i treni regionali è minore".

Sono inoltre allo studio nuove iniziative e forme di biglietti e abbonamenti per i viaggi regionali che rispecchino le nuove esigenze dei passeggeri. 

Sanificate le stazioni ferroviarie

"Nelle stazioni - si legge ancora nel comunicato - Rete Ferroviaria Italiana ha adottato misure adeguate per separare i flussi dei passeggeri in entrata e in uscita e per garantire, sui marciapiedi, il distanziamento fra i viaggiatori in arrivo e in partenza. RFI, secondo quanto previsto dal DPCM del 26 aprile 2020, sta attrezzando le stazioni con pannelli informativi e dispenser per gel igienizzante in prossimità dei binari oltre al potenziamento della segnaletica che indica i percorsi. Attivati anche presidi sanitari per controlli ai viaggiatori con termo scanner, acquistati dal Gruppo FS Italiane".

Le stazioni sono sanificate con interventi di pulizia specifici mentre le sale d’attesa sono chiuse per rispettare il divieto di assembramento e le distanze di sicurezza definite dai decreti governativi. Le stesse attività sono state eseguite anche per biglietterie, self service, FrecciaDesk, FrecciaLounge, FrecciaClub e SalaFreccia.

Trenitalia ha anche potenziato le procedure per l’igiene e la sanificazione dei treni. "Le nuove attività di pulizia (nebulizzazione e vaporizzazione degli spazi) fatte con moderni strumenti, attestate da un ente esterno" permettono secondo l'azienda "un’igiene profonda di sedili, bagagliere, tavolini e di tutte le superfici a contatto con i passeggeri". Interventi particolari sono stati dedicati alla pulizia e sanificazione degli impianti di climatizzazione dei treni, all’installazione di dispenser di gel disinfettante per mani nei bagni e nei vestiboli dei convogli e l’igienizzazione di superfici e ambienti durante le soste più lunghe dei treni in stazione. Le attività proprie del pulitore viaggiante, infine, sono state potenziate per tutta la flotta di Trenitalia.

Biglietto gratuito per le bici pieghevoli

Sono state poi prese delle misure per incentivare la mobilità sostenibile. A bordo dei treni regionali il biglietto è gratuito per le bici pieghevoli (elettriche e no).

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Una energy company all’insegna della sostenibilità

  • "Introduciamo l'infermiere scolastico": chi è e che cosa farebbe

  • Una scuola possibile: idee da tutto il mondo (Italia compresa) per affrontare l'emergenza e ripartire

  • Come trasformare una normale bici in una bicicletta elettrica

  • L'estate ai tempi del covid, vacanze brevi e in Italia: in crisi le città d'arte

  • Lavoro, effetto Covid in pausa pranzo: 1 lavoratore su 3 preferisce mangiare da solo

Torna su
Today è in caricamento