"Quanto ci mancano il caffè e la colazione al bar": le idee dei giovani baristi per ripartire

Da nord a sud i giovani baristi italiani guardano al futuro e sono già al lavoro per ripartire con nuove idee nel segno della qualità di uno dei prodotti simbolo del made in Italy. Dall'espresso porta a porta, ai tutorial sui social per non perdere il contatto con i clienti, passando per l’espresso truck su ape: i giovani baristi non mollano e guardano già alla riapertura

"Con il cliente abituale si crea un rapporto di amicizia e tutti in questo momento mi scrivono quanto manchi loro l'espresso e il cappuccino al bar, insieme al mio sorriso al mattino. Perché l'espresso italiano è fatto da prodotti eccellenti e un barista competente e socievole che li sa mettere insieme. Così deve restare". E' la voce di Alessandro Gegnoso, giovane barista titolare di un bar a Maddaloni, in provincia di Caserta. Come lui sono tanti in Italia i giovani baristi e imprenditori del settore che in questo periodo si stanno rimettendo in gioco, da un lato per superare il forte danno economico, dall'altro per non disperdere la formazione messa in atto per arrivare a realizzare con la qualità assoluta uno dei prodotti made in Italy più famosi nel mondo, l'espresso italiano.

L'Istituto Espresso Italiano (Iei) ha raccolto le voci di alcuni giovani professionisti che in questi giorni stanno già guardando al dopo Covid-19, con ottimismo nonostante la loro attività sia talvolta ferma e senza prospettive di breve termine. Dall'ape del caffè per il take away al caffè porta a porta, sono molte le idee con cui i giovani baristi continuano a preparare, o prepareranno, il caffè. L'espresso italiano, infatti, manca a tutti e i baristi si stanno già mettendo all'opera per non fare mancare ai propri clienti le colazioni.

Il comparto bar è un settore che traina l’economia italiana. Con oltre 149mila bar sparsi in Italia, ogni giorno vengono serviti in media 175 caffè, cioè il 32,5% di fatturato del bar. Il mercato del caffè (bar, ristoranti e hotel) sfiora i due miliardi di euro all’anno. In sei regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Campania) si concentrano i due terzi delle imprese del settore. Il 54,2% di queste imprese è una ditta individuale e la variabilità regionale intorno a questo valore è assai sostenuta. La forbice va dal valore minimo dell’Umbria (43,1%) a quello massimo della Calabria (77,3%). Il 31,3% delle imprese sono società di persone, mentre la quota delle società di capitale è di poco al di sopra del 13%. Ma la chiusura dei bar non è solo una perdita economica per migliaia di imprenditori, tra bar e indotto del mondo del caffè in particolare. 

Coronavirus, oltre la crisi: caffè e colazione, le idee dei giovani baristi per ripartire

"Il bar per vivere ha bisogno di persone e noi nel tempo abbiamo creato un bellissimo rapporto con i nostri clienti e tutti mi dicono quanto ci manchi la colazione al bar. Ho quindi un desiderio: creare una caffetteria ambulante e portare il mio espresso nei paesi limitrofi a casa dei clienti con un'ape o un mezzo fornito delle attrezzature professionali per portare la colazione direttamente dalle famiglie", dice Chiara Yan Jin, barista di Città Chiuro (Sondrio). Stessa idea è nata a Carolina Mezzacasa, ad Agordo (Belluno), per accontentare gli appassionati della montagna che torneranno in alta quota: "Avevamo già creato un chiosco itinerante a norma dedicato esclusivamente alla caffetteria col progetto di offrire sulle piste sciistiche espresso e cioccolata calda. Con macchina da caffè, bicchieri di carta e prodotti di qualità. Il nostro progetto è quello di mettere in moto questo chiosco quando arriverà il momento. L'espresso del bar manca a tutti, come momento della giornata da gustare per fermarsi e pensare, per gioire e poi ripartire".

"Proseguiamo con il servizio a domicilio per i nostri prodotti da forno e abbiamo la risposta anche per espresso e cappuccino con la possibilità da parte del cliente di ritirarli anche fuori dal nostro bar in piena sicurezza, in bicchierini monouso pagando anche con modalità digitali in modo da ridurre al minimo i contatti", spiega Daniela Giordani, titolare di un bar a Città Riolo Terme, in provincia di Ravenna.

Un'altra bella storia viene da Barletta, dove Lucia Franco ha il suo bar: "Tutte le mattine consegniamo a domicilio la colazione con espresso e cappuccino, lo facciamo in maniera sostenibile peraltro, avendo acquistato una bici elettrica per gli spostamenti". Consegna a domicilio di prodotti da forno anche per Pan Hoi San, a Santa Lucia del Piave (Treviso), "e insieme alla brioches - sottolinea - regaliamo anche un pacchettino di caffè con un biglietto e una dedica per portare ai nostri clienti il ricordo della colazione al bar promuovendo, e lo faremo sempre più, prodotti italiani: molti dei nostri clienti sono infatti produttori agricoli e quindi cerchiamo tutti di sostenerci a vicenda". "Continuerò a puntare sulla qualità perché da lì bisogna ripartire: dall'espresso italiano certificato e l'erogazione perfetta. Nel frattempo, ci muoviamo con la comunicazione on line per stare vicino alla nostra comunità e stiamo pianificando agevolazioni e servizio a domicilio per fare evitare affollamenti al bar", conclude Robin Alam raccontando la sfida nel suo bar a Bologna.
 

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Gli effetti del coronavirus sul costo di lettini e ombrelloni: "Rincari fino al 30%"

  • Una energy company all’insegna della sostenibilità

  • Fase 3, perché si riaprono le frontiere con la Cina ma non con gli Stati Uniti

  • "Introduciamo l'infermiere scolastico": chi è e che cosa farebbe

  • Una scuola possibile: idee da tutto il mondo (Italia compresa) per affrontare l'emergenza e ripartire

  • Ripartire dal bosco: sei nuovi paradisi verdi per "respirare"

Torna su
Today è in caricamento