Vacanze "sacre", metà degli italiani non rinuncia alle ferie (nonostante il coronavirus)

A tracciare l'identikit dei turisti italiani nell'estate 2020 dell'emergenza da Covid-19 è la ricerca condotta da Quorum/YouTrend per Wonderful Italy: 9 su 10 scelgono l'Italia, mare più della montagna, e la casa in affitto (soprattutto per questioni sanitarie) è la soluzione preferita

Vacanze? Certo, nei modi consentiti dai cambiamenti che il coronavirus ha già imposto alla nostra vita quotidiana. Gli italiani non rinunciano alle vacanze nonostante la pandemia. Uno su due ha già deciso che andrà in ferie, scegliendo una soluzione comoda, rilassante e all'insegna della sicurezza sanitaria. Poi una quota consistente, un altro 25% , ci sta riflettendo in questi giorni. Solo un intervistato su 4 al momento esclude di voler o poter far ferie. Nove su su dieci rimarranno in Italia e poco meno della metà sceglierà una casa-vacanza dove è più facile avere giardino o piscine e controllare il distanziamento sociale. A tracciare l'identikit dei turisti italiani nell'estate 2020 dell'emergenza da Covid-19 è la ricerca condotta da Quorum/YouTrend per Wonderful Italy.

"La ricerca conferma quanto stiamo verificando nella realtà in questi giorni, c'è una grandissima richiesta da parte delle famiglie italiane di case in affitto per la prossima estate", spiega Michele Ridolfo, Ceo di Wonderful Italy.

Saranno vacanze tricolori quasi per tutti. Tra le mete infatti l'Italia stravince: quasi 9 rispondenti su 10 la indicano come meta più probabile, e possibilmente al mare (66%), mentre la montagna è ambita dal 22,4% del campione. Le città d'arte richiamano solo il 6% del campione. Per 6 su 10 la vacanza è in famiglia, mentre per il 52% fa rima con coppia e per il 23% con gli amici. Solo 7 su cento andrebbero in vacanza da soli. Sull'intenzione di andare in vacanza hanno le idee chiare gli under 35 e gli over 55 che rispettivamente con 56% e il 52% hanno dichiarato che andranno sicuramente in vacanza. Al di sotto della media nazionale è invece la risposta della popolazione compresa tra i 35 e i 54 anni, che per ora è ferma al 40%. Il dato anagrafico è coerente anche con l'occupazione di chi ha preso già la decisione di andare in vacanza, visto che il dato generale è spinto da studenti (56%), pensionati (56%) e lavoratori autonomi (58%).

Il sondaggio prende anche in considerazione gli effetti del coronavirus chiedendo quale sarebbe l'alloggio ideale per fare una vacanza. Ebbene, il 44% preferisce una casa, una soluzione che viene considerata più sicura dal punto di vista sanitario e che consente maggiori garanzie sul distanziamento sociale, mentre uno su tre andrà in albergo e solo poco meno del 7% in campeggio e ancora meno in villaggio (3%). "Quest'anno abbiamo deciso di porre tutta l'attenzione possibile sul tema della sicurezza sanitaria e abbiamo appositamente realizzato il protocollo di sicurezza WITH (Wonderful Italy Travel Health) - continua Ridolfo - che identifica tutte le azioni, ad iniziare dalla totale santificazione degli ambienti, che permettano di vivere una vacanza gioiosa in piena sicurezza".

Gli intervistati chiedono soprattutto sicurezza e pulizia (oltre 80%) nonché distanziamento sociale (66%) ma anche luoghi più autentici e di piccole dimensioni (51%). Per quanto riguarda il tipo di attività, il 54% degli intervistati vorrebbe una vacanza all'insegna della natura e una percentuale simile si è espresso a favore dell'enogastronomia, seguite dalla cultura (48%) e dallo sport (41%).

Vacanze scaccia Covid: un italiano su due in viaggio ma solo per pochi giorni 

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Una energy company all’insegna della sostenibilità

  • Fase 3, perché si riaprono le frontiere con la Cina ma non con gli Stati Uniti

  • "Introduciamo l'infermiere scolastico": chi è e che cosa farebbe

  • Una scuola possibile: idee da tutto il mondo (Italia compresa) per affrontare l'emergenza e ripartire

  • Come trasformare una normale bici in una bicicletta elettrica

  • Lavoro, effetto Covid in pausa pranzo: 1 lavoratore su 3 preferisce mangiare da solo

Torna su
Today è in caricamento