Vivi Live, a Roma il primo concerto post Covid: cento sedie (distanziate) e tanti artisti

L'evento, organizzato da Agostino Penna, per dimostrare che lo spettacolo dal vivo può ripartire. A esibirsi attori e cantanti, tra cui Francesco Pannofino, Stefano Fresi, Massimo Di Cataldo, Lidia Schillaci e Mariella Nava

Vivi Live, foto @Cosimo Sinforini

La musica e lo spettacolo sono tornati dal vivo sotto il cielo di Roma. E' andato in scena a Piazza del Popolo il concerto-spettacolo VIVI Live, primo evento post Covid con presenza di pubblico, rigorosamente contingentato e con le sedute sistemate alla giusta distanza, come normativa anticontagio vuole. Cento sedie occupate da esponenti del settore spettacolo, organizzatori, autori televisivi e teatrali, tecnici, musicisti, tutti trainati da Agostino Penna, ideatore dell'evento-simulazione che si fa portavoce delle maestranze di categoria, sostenuto da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e NUOVO IMAIE - Collecting di Musica e Audiovisivo fondata e gestita da Artisti.

Un evento che, come ha più volte ricordato Penna durante la serata, vuole spronare gli addetti ai lavori a ricominciare, perché "il live si può fare, seguendo le regole". Questa la richiesta partita dal palco naturale posto ai piedi dell'obelisco dell'iconica piazza romana, dove la band composta da Gino Mariniello, Salvatore Leggieri, Aldo Perris, Luca Scorziello e Luciano Zanoni, insieme ad un instancabile Agostino Penna, ha accolto i tanti artisti presenti a sostegno della causa. 

Dopo i saluti di rito e i sorrisi ritrovati tra colleghi, ad esibirsi per prima è Valeria Altobelli in duetto con Penna su "Il Mio Canto Libero" nell'omaggio a Lucio Battisti, a cui è seguita "Chi Fermerà La Musica", con Stefano Fresi, Tiziana Rivale e Cristiana Polegri al Sax suonato per tutta la serata. Una dedica al mondo del doppiaggio con i due specialisti Emanuela Rossi e Francesco Pannofino, che hanno eseguito uno stralcio del sempre commovente "Forrest Gump". Con Fresi e Penna, insieme ad uno scatenato Marcello Cirillo, risuona l'emozionante "La Musica Che Gira Intorno", a cui poi ha fatto eco la rivisitazione di "Sono Solo Canzonette", eseguita da Claudio "Greg" Gregori. 

L'appello: "Il web non può sostituire il live"

Al tramonto si alzano i cartelli per un flash mob dedicato agli operatori di settore ed alle loro famiglie. Alle spalle delle prime file riservate agli artisti Claudio Lippi, Eva Grimaldi, Imma Battaglia, Massimo Di Cataldo, Maurizio Battista, Tony Esposito, Lidia Schillaci, Mariella Nava, Enrico Lo Verso, Domenico Fortunato e Roberto Ciufoli, tutti pronti ad andare in scena, si sono alzate le file occupate dalle maestranze e dai tanti volti noti giunti per sostenere un messaggio che chiama un ritorno ad una normalità lavorativa, seppur contingentata ma comunque fuori dal web. "Non possiamo pensare che i dispositivi digitali sostituiscano quella sacralità e quell'emozione che ci dona lo spettacolo dal vivo. Sono grato a tutti per aver partecipato e spero che questa esperienza possa esser replicata in altri quartieri di Roma, così come in altre città, come esempio che il live si può e si deve fare, anche seguendo le regole", dichiara Agostino Penna al termine della serata, in cui ha preso vita una vera e propria simulazione pratica di spettacolo dal vivo, dove la realtà fuori dagli schermi ha ripreso a scorrere. 

Tra gli ospiti anche Ninetto D'Avoli, il Maestro Gianni Mazza, Pino Ammendola e Maria Letizia Giorga, il Maestro Leonardo De Amicis con Sabrina Marinangeli, poi ancora Alessia Fabiani - arrivata con gli amici attori Priscilla Micol Marino e Daniele Quistelli -, la coreografa Cristina Pensiero e il gruppo di attori Agnese Lorenzini, Roberta Garzia, Alma Manera, Francesca Ceci, Maria Grazia Nazzari, Angelica Giusto e Settimo Palazzo, poi la giornalista Monica Giandotti arrivata con l'autrice Maeba Bardelli.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Una energy company all’insegna della sostenibilità

  • Fase 3, perché si riaprono le frontiere con la Cina ma non con gli Stati Uniti

  • "Introduciamo l'infermiere scolastico": chi è e che cosa farebbe

  • Una scuola possibile: idee da tutto il mondo (Italia compresa) per affrontare l'emergenza e ripartire

  • Come trasformare una normale bici in una bicicletta elettrica

  • Lavoro, effetto Covid in pausa pranzo: 1 lavoratore su 3 preferisce mangiare da solo

Torna su
Today è in caricamento