Juventus-Allegri: è divorzio, non sarà più l'allenatore bianconero

L'annuncio in una nota ufficiale sul sito del club bianconero: "Allegri non sarà l'allenatore nella prossima stagione"

Massimiliano Allegri (FOTO ANSA)

Massimiliano Allegri non sarà  l'allenatore della Juventus nella prossima stagione 2019/2020. Dopo diversi giorni di trattative e incontri con la proprietà bianconera è arrivato l'annuncio del divorzio con il tecnico che ha vinto gli ultimi cinque scudetti. 

Ecco la nota ufficiale pubblicata sul sito della Juventus: 

“L’allenatore e il Presidente, Andrea Agnelli, incontreranno insieme i media in occasione della conferenza stampa, che si terrà domani, sabato 18 maggio, alle ore 14 presso la sala conferenze dell’Allianz Stadium”.

Negli ultimi tre giorni Allegri si era incontrato con Agnelli per decidere il suo futuro, oggi era in programma una nuova riunione, ma invece è arrivata l'inaspettata notizia della separazione consensuale, con Allegri che riceverà una buonuscita per l'anno di contratto restante. Domani, alla viglia della partita contro l'Atalanta, il tecnico e il presidente Agnelli parleranno in conferenza stampa per spiegare i motivi dell'addio.

Da quanto riporta SportMediaset, Allegri avrebbe voluto mettere in atto una piccola rivoluzione per avere una squadra più competitiva in tutte le competizioni, così da realizzare il sogno Champions, inseguito e mai raggiunto nelle ultime stagioni. Allegri lascia dopo cinque anni di grandi successi in cui, oltre ai cinque scudetti, sono arrivate quattro coppe Italia e due supercoppe italiane. 

Juve, parte il toto-allenatore

Se Allegri non sarà l'allenatore della Juve nella prossima stagione, chi sarà il prossimo allenatore bianconero? Un ritorno di Antonio Conte, accostato negli ultimi giorni all'Inter, sembra un'opzione percorribile ma per nulla scontata, sia per le 'scaramucce' derivate dal divorzio con l'ex allenatore del Chelsea, sia per l'interesse del club nerazzurro. Zidane, altro nome in orbita Juve, è tornato sulla panchina del Real Madrid e sembra improbabile un nuovo cambio. Resta in lizza anche il nome di un altro francese ed ex juventino, Didier Deschamps, attualmente ct della nazionale francese. Meno probabile, ma da non sottovalutare, la candidatura di Gasperini, anche se i veri sogni della società bianconera restano Pochettino e Guardiola, attualmente sulle panchine di Tottenham e Manchester City. E Allegri? Per lui sembra profilarsi un futuro all'estero, magari in Premier League o al Psg.

La carriera di Allegri

Classe 1967, dopo una carriera da calciatore nel ruolo di centrocampista, il livornese Allegri nel 2003 comincia la carriera da allenatore, prima panchina l'Aglianese, per poi proseguire con Spal, Grosseto, Udinese e Lecco fino alla guida del Sassuolo, stagione 2007-2008. L'anno successivo l'approdo al Cagliari che avrà modo di guidare per due stagioni. Nel 2010 il Milan, in rossonero Allegri vince uno scudetto nella prima stagione e una Supercoppa italiana restando in totale 4 anni prima dell'arrivo alla Juventus al posto di Antonio Conte. Tanti i successi in 5 stagioni all'ombra della Mole, oltre ai 5 scudetti, 4 Coppa Italia e 2 supercoppe italiane.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza? No, grazie. La geniale trovata di Carlo per non lavorare

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • SuperEnalotto, estratto un 5+1 da mezzo milione di euro. I numeri vincenti di Lotto e 10eLotto

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Reddito di cittadinanza, sospensione temporanea: chi riguarda e come funziona

  • Eleonora Daniele, nozze con emozionante “intoppo”: la sorpresa del marito (con la complicità di Al Bano)

Torna su
Today è in caricamento