Emiliano Sala, la Fifa ha deciso: "Il Cardiff dovrà pagare"

E' arrivata la decisione della Commissione Fifa sul trasferimento del calciatore argentino, deceduto in un incidente aereo mentre era in viaggio da Nantes al Galles. Il club della Premier dovrà versare 6 milioni di euro

Emiliano Sala

Dopo una riunione tenutasi lo scorso 25 settembre, la Commissione sullo status dei calciatori della Fifa ha deciso che il Cardiff dovrà pagare al Nantes la somma 6 milioni di euro per l'acquisto di Emiliano Sala, il giocatore argentino morto lo scorso 21 gennaio in un incidente aereo proprio mentre stava raggiungendo la città gallese dopo l'ufficialità del suo trasferimento al club della Premier League. 

I 6 milioni di euro corrispondono alla prima rata della somma complessiva dovuta dal Cardiff al Nantes in base all'accordo raggiunto dai due club per il trasferimento di Sala. Il contenzioso risale allo scorso marzo, quando il Cardiff aveva chiesto alla Fifa di non considerare valido l'accordo con i francesi ritenendo di non dover pagare i circa 18 milioni di euro stabiliti per "inadempienza contrattuale".

"La Commissione sullo status dei calciatori della Fifa, che nelle sue deliberazioni sulla controversia non ha mai perso di vista le circostanze specifiche e uniche di questa tragica situazione, si è astenuto dall'imporre costi procedurali alle parti", si legge in una nota dell'organismo. La decisione è stata comunicata oggi ai due club, che ora avranno dieci giorni di tempo per chiedere le motivazioni. La sentenza può essere impugnata davanti al Tas di Losanna. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Il concorso per lavorare in Senato (e non serve la laurea): posti disponibili e requisiti 

Torna su
Today è in caricamento