(nessun video da visualizzare)

Italia-Brasile 3-2, la partita più bella di sempre in un racconto eccezionale

La più grande partita mai giocata su un campo di calcio. Un match che per Piero Trellini - autore del libro “La partita, il romanzo di Italia Brasile” - diventò fin da subito un’ossessione. Ripercorriamo con lui quell'indimenticabile 5 luglio 1982

 

E' il 5 luglio del 1982. E' il giorno più caldo del secolo e nessuno avrebbe mai creduto che quel pomeriggio di 37 anni fa avrebbe scolpito nella memoria di tutto il mondo la più grande partita mai giocata su un campo di calcio. Sono i Mondiali di Spagna. Siamo al Sarrià di Barcellona. Si gioca Italia-Brasile. Chi vince entra in semifinale. Contro l’Italia c’è un destino che sembra già scritto. Ma il gioco mirabolante di Falcao, Zico e Cerezo si infrange contro la tripletta di Paolo Rossi alias Pablito, contro la grinta di Cabrini, Tardelli, Conti, Zoff, sono per citarne alcuni. E poi il fischio finale delle 19: è il grido di vittoria contro quel destino. L’Italia vince e strappa al Brasile l’ingresso degli azzurri di Berzot nell’Olimpo.

Italia-Brasile 3-2 ai Mondiali di Spagna 1982: il libro di Piero Trellini

La più bella partita di sempre che per Piero Trellini, autore del libro “La partita, il romanzo di Italia-Brasile” (edito da Mondadori), diventò fin da subito un’ossessione. Da 12 anni ha raccolto informazioni, fotografie, cimeli impensabili di quel giorno. Ripercorriamo insieme a lui quell’indimenticabile 5 luglio. Una partita che sembrava già decisa, invece entrò nella storia per non uscirne più. I novanta minuti più emozionanti del calcio.

Una partita che abbiamo amato e che che amiamo. Perché non dimenticheremo quel pomeriggio sul prato del Sarrià di Barcellona dove tutto è sembrato possibile.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento