Libia, libia

  • Migranti, in oltre 5mila sono finiti in centri di detenzione in Libia

  • La Libia continua a non essere un posto sicuro, l'appello di Msf: "Evacuare e chiudere i centri"

  • Fuga dalla Libia, migranti evacuati in Italia: per l'Onu oltre 3mila persone ad alto rischio

  • L'allarme di Msf dalla Libia: “Migliaia di famiglie in fuga, 3mila migranti bloccati in zone a rischio”

  • Libia, la situazione peggiora rapidamente: i video dai "campi dei migranti"

  • Guerra in Libia, 15mila in fuga: 130 morti, 35 erano bambini

  • Migranti, la guerra in Libia aggrava la crisi: autorizzato lo sbarco dalla Alan Kurdi

  • In Libia bombe sull'aeroporto, le Ong: "Subito corridoi umanitari, migranti in trappola"

  • Che cosa può significare per l'Italia una Libia sull'orlo della guerra civile

  • Haftar getta la Libia nel caos, l'Onu: "Nessuno può più definirla porto sicuro"

  • Niente Ong, niente sbarchi ma nuovi video di torture mostrano il destino dei migranti

  • Migranti, tornano le carrette del mare: in 82 sbarcano a Lampedusa, 100 salvati in mare

  • A Palermo nessun accordo: nella Libia tra guerra e pace l'incubo di 700mila migranti

  • Via alla Conferenza per la Libia: c'è anche Al Sisi (e l'ombra di Giulio Regeni)

  • Libia, un Paese fuori controllo: "Ci sono 200mila miliziani stipendiati dallo Stato"

  • Libia, solo ombre sulla Conferenza di Palermo: manca persino la lista degli ospiti

  • Libia, Onu: "Raggiunto l'accordo per il cessate il fuoco a Tripoli"

  • Incubo Libia, ribelli pronti all'assalto: che cosa sta succedendo

  • Torture in Libia, ecco cosa ha fatto inorridire Papa Francesco

  • Aquarius di nuovo in mare: "Salviamo vite umane, nessuno sarà riportato in Libia"

  • Migranti, la Guardia costiera italiana: "Non chiamateci più, rivolgetevi a Tripoli"

  • Migranti, dalla Libia l'appello all'Italia: "Fermi le Ong"

  • Toninelli: "Guardia Costiera sta recuperando 500 naufraghi, aspettiamo segnale dalla Ue"

  • Libia, in un video l'esecuzione di 2 civili

  • L’iniziativa francese sulla Libia: tanto fumo e (di nuovo) poco arrosto