Così Google pulisce internet

Un ex-dipendente racconta le ore passate a visionare materiale terribile, caricato dai malati della rete

Le persone mettono cose terribili su internet. E' quindi compito di qualcuno scovarle e fare in modo che nessuno (o il minor numero di persone) possano vederle. Il lavoro di questo qualcuno è terribile e crea comprensibili fastidi alle molte persone che lo fanno. Il sito Buzzled, ad esempio, ha parlato con un ex-dipendente di Google che ha raccontato la sua terribile esperienza. La persona spiega che il suo lavoro consisteva nel passare ore ed ore a guardare contenuti osceni come decapitazioni, pornografia infantile, feticismo estremo. Sarebbe difficile per chiunque tant'è che l'ex-dipendente andò anche in terapia.

C'è da dire che chi fa questo lavoro può rimanere sul progetto solo per un anno. In caso contrario dovrebbero farlo a tempo pieno e Google non vuole questo. Alla fine dell'anno l'azienda lascia decidere il lavoratore se restare o andare via, l'ipotesi più seguita finora (almeno stando a quello che racconta Buzzled). La prossima volta che vi incavolate con Google pensate a quelle persone che rendono il web un posto meno viscido di quello che è.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento