Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Gdf blocca componenti respiratori diretti in Grecia

A Napoli sequestrata ditta che produceva igienizzante non a norma

 

Ancona, 24 mar. (askanews) - Un carico di oltre 1.800 dispositivi medici, tra cui strumenti necessari in terapia intensiva per la ventilazione di pazienti con difficoltà respiratorie, stava per essere imbarcato ad Ancona su un traghetto diretto in Grecia. Il carico, circuiti respiratori composti da tubo, pallone, valvola e maschera respiratoria, è stato scoperto e sequestrato a bordo di un autoarticolato dalla Guardia di Finanza del capoluogo delle Marche in collaborazione con l'agenzia delle Dogane e Monopoli. Il Capitano della Gdf Francesca Campanaro ha spiegato che "il sequestro dei circuiti respiratori è significativo perché si tratta di componenti fondamentali per i respiratori usati in terapia intensiva. L'attività di indagine scaturita fa parte del piano di controlli finalizzato al rispetto dell'ordinanza della Protezione civile che vieta la cessione all'estero di questo tipo di dispositivi medici".

Il titolare è stato denunciato, tutto il materiale consegnato alla Protezione civile che lo distribuirà agli ospedali italiani.

A Napoli invece, sempre la Gdf nell'ambito dei controlli rafforzati per l'emergenza coronaviurs, ha sequestrato a Sant'Antimo una fabbrica di detersivi e saponi e oltre 400 litri di igienizzante per mani, che veniva prodotto senza alcuna autorizzazione ministeriale e dunque senza valutazione sulla sua efficacia e non tossicità.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento