Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dl rilancio, Franceschini: 1 miliardo per spettacolo e cultura

Fondi per enti e privati; piattaforma per streaming a pagamento

 

Roma, 14 mag. (askanews) - Un miliardo complessivo di fondi per lo spettacolo e la cultura, altro settore congelato e distrutto dal coronavirus: in conferenza stampa via Zoom il ministro Dario Franceschini ha dettagliato le misure per cinema, musica di tutti i generi e teatri per cui riprendere l'attività in sicurezza è particolarmente complesso.

Intanto un fondo di 210 milioni di euro per le imprese e le istituzioni culturali private, che servirà a sostenere il mondo del libro e dell'editoria, gli spettacoli, i grandi eventi, le fiere, i congressi e le mostre annullate a causa del coronavirus. Stanziati per il 2020 anche 100 milioni di euro per il sostegno ai musei del Mibact rimasti chiusi due mesi. Inoltre "Viene ampliato da 130 a 245 milioni di euro il fondo per lo spettacolo e il cinema che si aggiunge alla scelta di consentire che il tax credit cinema e il Fus quest'anno vengano usati anche in deroga ai criteri che prevedono un certo utilizzo in modo che il mondo del cinema e dello spettacolo arrivi a circa un miliardo di risorse".

Fra i finanziamenti previsti ci sono altri 100 milioni per un fondo investimenti per il patrimonio che sarà aperto anche ai contributi di privati; delle modalità straordinarie di erogazione per il Fondo Unico per gli Spettacoli per gli enti lirico sinfonici e i teatri; la creazione di una Piattaforma digitale della cultura per lo streaming a pagamento degli spettacoli dal vivo.

E poi crediti d'imposta per teatri e cinema, e viene allargata la platea per la cassa integrazione e per i 600 euro mensili per i lavoratori autonomi.

"Infine, la scelta che mi pare doverosa, Parma che è stata capitale della cultura in questo sfortunato 2020 lo resterà anche nel 2021".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento