Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dl rilancio, Franceschini: 4 mld al turismo, è settore strategico

Tax credit vacanze da 2,4 miliardi di euro

 

Roma, 14 mag. (askanews) - E' di 5 miliardi l'intervento previsto nel decreto rilancio per il settore del turismo e della cultura, ha detto il ministro per i Beni Culturali e il Turismo, Dario Franceschini, nella sua prima videoconferenza via Zoom.

"Possiamo parlare di 5 miliardi di interventi, 4 miliardi per il turismo e 1 miliardo per la cultura che impattano in modo significativo e dimostrano che c'è la consapevolezza in Italia, emersa purtoppo nel corso di questa emergenza, dell'importanza strategica dei due settori, oltre al valore economico, un valore di caratterizzazione del sistema Paese".

Tra le misure più importanti per il settore turismo, ha spiegato il ministro, c'è "il tax credit vacanze" che vale 2,4 miliardi. Un contributo per fare le vacanze in Italia da spendere in tutte le strutture ricettive (con codice Ateco 55), dagli alberghi ai campeggi, per i cittadini con reddito Isee fino a 40mila euro: 500 euro per famiglie con più di tre persone, 300 euro per due persone, 150 euro per una persona sola; da spendere nel periodo tra il primo luglio e il 31 dicembre 2020.

Inoltre, annunciati un fondo per la promozione turistica di 20 milioni di euro, l esenzione Irap per le imprese con ricavi fino a 250 milioni valida anche per quelle turistiche e l'esenzione dell Imu per la prima rata del 2020 per stabilimenti termali, balneari, immobili di strutture alberghiere ed extra-alberghiere a condizione che le imprese proprietarie siano i gestori delle attività.

C'è anche un fondo turismo che nasce con una dotazione iniziale di 150 milioni di euro utilizzati, anche con cassa depositi e prestiti, per le acquisizioni, le ristrutturazioni e la valorizzazione di immobili destinati ad attività turistiche e ricettive; 25 milioni andranno invece per sostenere agenzie di viaggio e tour operator; mentre le imprese e gli operatori che hanno avuto un grande calo di fatturato riceveranno un contributo a fondo perduto per il 2020 proporzionale alle perdite.

Sulla polemica con l'Ue per i possibili accordi bilaterali tra aree geografiche che abbiano situazioni epidemiologiche simili, Franceschini ha aggiunto.

"Sui corridoi privilegiati c'è un fiorire di notizie più o meno infondate. Noi, un mese fa, con iniziative singole, come Italia, e con diversi colloqui bilaterali che ho avuto con i miei omologhi Ue e con il commissario europeo al Turismo e con documenti scritti, abbiamo chiesto che non ci siano accordi bilatarali tra Paesi, ma regole uniformi a livello Ue per il passaggio delle frontiere non solo dei turisti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento