Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Europa e ambiente, le battaglie di quelli "Nati dopo l'89"

Foto-reportage al Goethe Institut: Dresda, Bonn, Bari e Trieste

 

Roma, 8 nov. (askanews) - Il volto scelto per la locandina della mostra-reportage "Nati dopo l 89" è quello di Hannah, una studentessa di Bonn di 18 anni. Per lei, che ama il film cult sulla Stasi "Le vite degli altri", la Ddr e la Guerra fredda "sono vicende irrealistiche, quasi storie fantasy". Hannah è uno dei 20 giovani, tutti under 30, ritratti nella mostra all istituto di Via Savoia a Roma, e in contemporanea in altre 10 città italiane (da Venezia a Palermo), che fanno parte di un progetto del Goethe Institut realizzato dal fotografo Ignacio Maria Coccia e dal giornalista Matteo Tacconi per raccontare la generazione post-Muro in Germania e in Italia, 30 anni dopo la caduta del Muro di Berlino.

Quattro le città scelte per scovare i ragazzi, studenti o lavoratori: Dresda, nella ex Germania dell Est, Bonn, nell Ovest, nonché ex capitale della Germania occidentale, Trieste, città di frontiera multiculturale e Bari, più a Sud, sempre sull Adriatico, al tempo della Guerra fredda un muro d acqua.

La cosa che appare più evidente, è che i giovani intervistati non sono più influenzati dalla storia del Muro di Berlino. Le loro battaglie, 30 anni dopo la caduta, sono l Europa e l ambiente. Joshua, giovane giornalista di Bonn, ad esempio, ha tentato di vivere tre mesi senza plastica.

Non ci è riuscito, la plastica è ovunque. Anche il suo collega di Dresda, ad esempio, David (ragazzo con la bandiera europea*), è un ambientalista convinto, e anche a Bari, la studentessa universitaria Agata, organizza i Fridays for Future (la terza ragazza di Bari, quella seduta sulla panchina).

In Italia l'89 è più lontano, più sfumato. A Trieste si avverte di più il 91, per esempio, l anno del crollo della Jugoslavia. Per Nikola (Ragazzo di Trieste NR 2), membro della comunità serba: "Mentre i tedeschi e gli europei nell 89 guardavano con ottimismo al futuro, in Jugoslavia si viveva il clima cupo che precedette la guerra".

A Bari l'89 è ancora più lontano. Per i giovani un momento spartiacque è la crisi economica del 2008-2009. E forse è anche per questo che l Europa non fa più sognare come una volta. Ma resta comunque necessaria. Philip, architetto 23enne di Dresda, ha capito l importanza di far parte dell Unione Europea di fronte alle difficoltà burocratiche della sua ragazza albanese in Germania; mentre per Luca, giornalista barese di 22 anni, l'Europa è frontiere aperte ma anche sfide e ostacoli.

La mostra è anche interattiva ed è un progetto per le scuole, tutte le informazioni al link

https://www.goethe.de/ins/it/it/kul/sup/d89.html

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento