Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Greta e i suoi compagni bullizzati, dalla generazione del '68"

Giansoldati (Messaggero): "Oggi per fortuna ci sono molte Grete"

 

Roma, 9 ott. (askanews) - Le Grete di oggi sono tante. Greta Thunberg è solo l'epifenomeno. Ne è convinta Franca Giansoldati, vaticanista del Messaggero e autrice del volume "L'alfabeto verde di Papa Francesco" (edizione San Paolo): un decalogo sull'Enciclica verde, Laudato Sii" di Bergoglio, accompagnato dal suo impegno ambientalista, che si ripercuote non solo sull'aspetto spirituale e sociale.

"Le generazioni future probabilmente saranno quelle che salveranno il Pianeta. Lo vediamo con Greta, che è l'epifenomeno. Ma accanto a Greta ci sono tantissimi altri ragazzi, in India, in Canada, ne abbiamo anche in Italia. Le Grete sono tante perché probabilmente i ragazzi sono quelli che avvertono con maggiore determinazione, anche con una certa preoccupazione, un orizzonte che per loro non è così sereno".

Proprio in questi giorni un fantoccio di Greta è stato impiccato in un ponte di Roma. Giansoldati denuncia: "Mi dispiace tantissimo che questi ragazzi vengano presi sottogamba, vengano criticati, dileggiati. Mi dispiace vedere offesa e bullizzata Greta e mi dispiace perché chi sta criticando questa generazione appartiene alla generazione del '68, che voleva cambiare il mondo, voleva rivoluzionarlo. Adesso si trova di fronte a quelli che lo vogliono rivoluzionare e li vogliono mettere da parte, neutralizzare e questo ci fa capire che c'è bisogno di un patto generazionale".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento