Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nanda Vigo, architetto della luce: uno spazio anche interiore

L'architetto, designer e artista scomparsa a 83 anni

 

Milano, 18 mag. (askanews) - E' morta a 83 anni Nanda Vigo, architetto, designer e artista che ha attraversato la scena italiana a partire dagli anni Sessanta, muovendosi con disinvoltura e talvolta anche con spregiudicatezza nel sistema dell'arte, in primis quello milanese.

Dal 1964, data in cui elaborò il Manifesto Cronotopico, Vigo ha lavorato sulla relazione tra lo spazio e la luce e in questo ambito ha poi costruito i suoi lavori più importanti, giungendo a una accattivante e consapevole idea di espressione che poggiava sulle basi del grande concettualismo, ma assumeva forme contaminate dal design e dalla riflessione sull'architettura.

"Il concetto che esprimo - ci aveva raccontato in un'intervista di qualche anno fa - è sempre quello: la luce, la luce protagonista non solo dello spazio, ma anche di noi stessi, Quindi la parte centrale è in noi stessi".

Come si vede, l'idea concettuale era presente, ma, per sua stessa ammissione, spesso l'architettura aveva avuto, nella sua vita, un peso maggiore rispetto all'arte. E proprio in questo dialogo tra le discipline, forse più che nelle sculture luminose, possiamo individuare oggi la lezione più interessante di Nanda Vigo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento