Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti contro tutti sul Mes. Maggioranza e opposizione spaccate

Salvini: Parlamento dirà no. Renzi: M5s digerirà anche Mes

 

Roma, 30 giu. (askanews) - Sia la maggioranza sia l'opposizione sono spaccate sul Mes, il prestito Ue da 36 miliardi per la Sanità invocato dal Pd e da Forza Italia, ma non da Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d'Italia. In una intervista al Corriere della Sera, la viceministra dell'Economia, Laura Castelli, esponente di spicco dei 5 Stelle, ha sottolineato oggi come per Conte adesso il Mes non serve, e noi "abbiamo fiducia in lui". Il premier è diviso tra il pressing del Pd e quello del Movimento Cinque Stelle che sul tema minaccia una scissione.

Ieri il segretario del Pd aveva lanciato una sorta di ultimatum ai 5 Stelle: "Basta tergiversare", ha scritto Nicola Zingaretti.

Il senatore pentastellato Primo Di Nicola ha a sua volta intimato, parlando a Repubblica, a finirla "con il no ideologico al Mes, altrimenti il governo rischia davvero". Un invito rivolto ai suoi colleghi di partito. "se ne abbiamo bisogno e dovesse rivelarsi conveniente, perché no?" ha dichiarato.

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, è convinto che i soldi del Mes alla fine saranno presi e il Movimento 5 Stelle accetterà: "Avete presente gli 80 euro? Li chiamavano 'mancia elettorale'. Dopo anni di critiche ci hanno messo qualche euro in più ed è diventata la loro 'grande rivoluzione'. Con il Mes andrà allo stesso modo".

Sul versante dell'opposizione Matteo Salvini ha ribadito la sua avversione al prestito: "Portino in aula un voto sul Mes e vediamo cosa voterà il Parlamento che è sovrano. Io penso che la maggioranza sia assolutamente a favore dell'interesse nazionale".

Per il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è invece impensabile rinunciare a quei fondi: "Sarebbe un assoluto masochismo per noi ed anche un imperdonabile sfregio all'Europa".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento