rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
L'invenzione green / Kenya

L'ingegnere che realizza mattoni dalla plastica riciclata

Nzambi Matee, un ingegnere meccanico e ambientalista keniota, è conosciuta per le sue battaglie e per la capacità di riciclare materiali

Riciclare la plastica creando materiale edile sostenibile e allo stesso tempo creare opportunità di lavoro in un territorio difficile come Nairobi. È l’impresa in cui è riuscita Nzambi Matee, un ingegnere meccanico e ambientalista keniota. La donna è nota per il suo attivismo e per i suoi modi innovativi e creativi di convertire i rifiuti in materiali sostenibili. Lo ha fatto con la plastica riuscendo a creare anche una start up, Gjenge Makers, che si occupa di riciclare la plastica. Il progetto non è solo quello di smaltire l’enorme quantità di materiale in plastica che si produce nel Paese: Nzambi Matee è riuscita anche a dare una seconda vita a questo materiale trasformandolo in blocchi da costruzione più resistenti e di certo più sostenibili del cemento.

Solo a Nairobi si producono circa 500 tonnellate metriche di rifiuti di plastica ogni giorno e solo una piccola parte viene riciclata. Ma quello della plastica non è un problema ristretto solo al Kenya, anzi. Il mondo intero fa i conti con un notevole scarto di prodotti in plastica e con la difficoltà di smaltirli. Matee è partita da qui. La sua società Gjenge Makers oggi produce circa 500-1000 mattoni al giorno realizzati riciclando quasi 500 chilogrammi di rifiuti di plastica al giorno. Si tratta in principal modo di quei rifiuti che non possono più avere una nuova vita, così li usa lei. I mattoni vengono realizzati con una combinazione di plastica e sabbia e sarebbero più durevoli delle loro equivalente in calcestruzzo. A volte la materia prima viene reda disponibile gratuitamente: o trovata agli angoli delle strade oppure sono le fabbriche che donano materiali che altrimenti dovrebbero smaltire.

In questo modo la start up riesce a ridurre il prezzo del prodotto finito che può essere anche utilizzato per le scuole o anche per i privati che non hanno particolari disponibilità economiche. Finora la società Gjenge Makers ha riciclato più di 20 tonnellate di plastica, ma non solo. Questa attività ha permesso anche di creare posti di lavoro, ben 112, nella comunità di Nairobi. Anche per questo Matee è stata nominata Young Champion of the Earth dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep).

La sua invenzione è stata premiata perché insegna a “ripensare al modo in cui si fabbricano i prodotti industriali e ad occuparcene anche quando sono alla fine del loro ciclo di vita”. Il premio "fornisce finanziamenti iniziali e tutoraggio a promettenti ambientalisti mentre affrontano le sfide più urgenti del mondo". L’ingegnere 29enne ha spiegato che “la plastica è un materiale spesso usato in modo improprio, ha un incredibile potenziale, ma le conseguenze del suo dopo vita possono essere disastrose”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ingegnere che realizza mattoni dalla plastica riciclata

Today è in caricamento