rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Nazioni Unite

Storico accordo all'Onu per proteggere gli oceani e la biodiversità

Dopo 15 anni di difficili negoziati si è raggiunta un'intesa definita "storica" dall'Unione europea. Greenpeace: "Gli stati lo ratifichino in fretta, non c'è tempo da perdere"

Ci sono voluti ben 15 anni di trattative, ma alla fine i negoziatori di oltre 100 Paesi hanno completato un trattato delle Nazioni Unite per la protezione degli oceani, un passo atteso da tempo che, secondo i gruppi ambientalisti, contribuirà a invertire la perdita di biodiversità marina e a garantire uno sviluppo sostenibile. Il patto giuridicamente vincolante per la conservazione e l'uso sostenibile della biodiversità oceanica, è stato finalmente concordato dopo cinque lunghi cicli di negoziati sotto la guida dell'Onu che si sono conclusi ieri a New York, un giorno dopo la scadenza originaria. "La nave ha raggiunto la riva", ha dichiarato Rena Lee, presidente della Conferenza delle Nazioni Unite, al termine di una maratona finale di colloqui, visibilmente commossa.

Il trattato è considerato una componente cruciale degli sforzi globali per proteggere il 30% della terra e del mare del mondo entro la fine del decennio, un obiettivo noto come "30 by 30" concordato a Montreal a dicembre. Gli interessi economici sono stati uno dei principali punti critici dell'ultimo ciclo di negoziati, iniziato il 20 febbraio, con i Paesi in via di sviluppo che hanno chiesto una quota maggiore del bottino della "economia blu", compreso il trasferimento di tecnologia. Anche l'accordo per la condivisione dei benefici delle "risorse genetiche marine" utilizzate in industrie come la biotecnologia è rimasto un'area di contesa fino alla fine.

La Commissione europea ha parlato di "momento storico". "Con l'accordo sul Trattato delle Nazioni Unite sugli alti mari, facciamo un passo avanti fondamentale per preservare la vita marina e la biodiversità che sono essenziali per noi e per le generazioni future", ha dichiarato Virginijus Sinkevicius, commissario per l'Ambiente, gli oceani e la pesca. Secondo Greenpeace, per raggiungere l'obiettivo è necessario proteggere 11 milioni di chilometri quadrati di oceano ogni anno fino al 2030. Pochissime zone d'alto mare sono soggette a protezione e l'inquinamento, l'acidificazione e la pesca eccessiva rappresentano una minaccia crescente.

"I Paesi devono adottare formalmente il trattato e ratificarlo al più presto per farlo entrare in vigore e quindi garantire i santuari oceanici protetti di cui il nostro pianeta ha bisogno", ha dichiarato Laura Meller, attivista di Greenpeace per gli oceani che ha partecipato ai colloqui. "Il tempo stringe per realizzare il 30 per 30. Abbiamo ancora mezzo decennio a disposizione. Ci resta mezzo decennio e non possiamo essere compiacenti".

La Svezia, che ha partecipato ai negoziati in quanto detentrice della presidenza di turno dell'Ue, ha dichiarato che l'accordo è "il più importante accordo internazionale sull'ambiente" dopo l'accordo di Parigi del 2015 sulla lotta ai cambiamenti climatici. "È anche una vittoria per le Nazioni Unite e per il sistema globale il fatto che siamo riusciti a raggiungere un accordo così importante in un momento molto difficile", ha dichiarato il ministro degli Esteri svedese Tobias Billstrom in un comunicato scritto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storico accordo all'Onu per proteggere gli oceani e la biodiversità

Today è in caricamento