Lunedì, 15 Luglio 2024
Ambiente Parma

Prosciutto crudele, video shock dall'allevamento di maiali: "Lasciati morire di stenti"

"Dietro ad un marchio considerato un'eccellenza del made in Italy - si legge su Prosciuttocrudele.it - può nascondersi una realtà terribile di sofferenza: maiali agonizzanti, lasciati morire di stenti, atti di cannibalismo e un comportamento brutale degli operatori". La replica del Consorzio Prosciutto di Parma: "Situazione estrema e delinquenziale, verso la quale la nostra Organizzazione ha tolleranza zero"

Il team investigativo della Ong Essere Animali per 6 mesi ha monitorato costantemente le condizioni dei maiali in un grande allevamento intensivo fornitore del Prosciutto di Parma. Il video ha sollevato polemiche feroci. "Dietro ad un marchio considerato un'eccellenza del made in Italy - si legge su Prosciuttocrudele.it - può  nascondersi una realtà terribile di sofferenza: maiali agonizzanti, lasciati morire di stenti, atti di cannibalismo e un comportamento brutale degli operatori. Di fronte a queste immagini è importante capire che le nostre scelte sono fondamentali per aiutare questi animali".

Le immagini sono davvero toste. I maiali malati, che non sopravviverebbero fino al giorno previsto per la macellazione, sono lasciati morire di stenti nei corridoi e vengono privati per giorni di cibo e acqua aspettano la morte con una lenta agonia. 

VIDEO "PROSCIUTTO CRUDELE" (SCONSIGLIATO A UN PUBBLICO FACILMENTE IMPRESSIONABILE)

In un ambiente privo di stimoli gli animali tendono a sfogare le frustrazioni sui propri simili. Per limitare il cannibalismo ai maialini appena nati viene spesso amputata la coda, senza anestesia. Ma nonostante questa crudele pratica, permessa anche dalla legge, i maiali tendono comunque a procurarsi ferite e vistose infezioni mordendosi a vicenda ciò che rimane della coda e le orecchie. Per legge i maiali dovrebbero avere lo spazio idoneo per potersi alimentare tutti contemporaneamente, in modo da evitare le "lotte per il cibo" e permettere anche agli individui più deboli di nutrirsi. In questo allevamento fornitore del prosciutto di Parma le mangiatoie utilizzate sono illegali: gli animali si avventano sul cibo, ma non tutti riescono a mangiare.

Il Consorzio del Prosciutto di Parma in un comunicato "si dichiara sconcertato per la situazione mostrata, che considera riprovevole, e condanna fortemente simili comportamenti. Il Consorzio è intervenuto immediatamente nei confronti dei Servizi Veterinari competenti, chiedendo di adottare esemplari provvedimenti sanzionatori. Al contempo, chiarisce che quanto mostrato non è assolutamente rappresentativo degli allevamenti suinicoli italiani". "Quella fatta vedere nel video è una situazione estrema e delinquenziale, verso la quale la nostra Organizzazione ha tolleranza zero - dice il presidente di Confagricoltura Mario Guidi -. Ma quello che rifiuto categoricamente è che questo allevamento venga associato a tutti quelli intensivi che operano in condizioni di assoluta legalità". 

"Prendiamo atto della nota con cui il Consorzio del Prosciutto di Parma si dissocia dai maltrattamenti - commenta l'Ente nazionale protezione animali (Enpa). Auspichiamo, tuttavia, che alle parole del comunicato stampa seguano i fatti e che il Consorzio non solo rompa ogni legame con la struttura in questione, ma si costituisca parte civile in un eventuale iniziativa legale contro di essa. Noi, ove ne ricorrano i presupposti, siamo pronti a intervenire con il nostro ufficio legale. Questa vicenda dimostra, ancora una volta l'urgenza di installare telecamere all'interno degli allevamenti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prosciutto crudele, video shock dall'allevamento di maiali: "Lasciati morire di stenti"
Today è in caricamento