rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Il caso / Trento

Aggressione in Trentino, l'orso Mj5 potrebbe essere ucciso. Gli animalisti: "Sconcertati"

Si tratta di un maschio di 18 anni che finora non aveva mai dato problemi

Il destino di Mj5 sembra segnato. L'orso che lo scorso 5 marzo ha aggredito un uomo che camminava in Val di Sole, in Trentino, verrà probabilmente catturato e ucciso. Si tratta di un maschio di 18 anni, nato nel 2005 dagli orsi sloveni Maja e Joze che finora non si sarebbe mai reso responsabile di comportamenti aggressivi. L'indicazione della Provincia, per quanto una decisione non sia stata ancora presa, pare sia quella di abbattere il plantigrado, visto ormai come problematico. 

Gli animalisti però non ci stanno e sono pronti a dare battaglia. "Nessuno si permetta di toccare l’orso Mj5" afferma Massimo Vitturi, responsabile Lav, Animali Selvatici, che attacca il governatore Fugatti, "incapace di informare ed educare i suoi concittadini alla convivenza, esponendoli consapevolmente ai rischi di incidenti”.

A giudizio della Lav, "i rilievi eseguiti sul luogo dell’incidente hanno evidenziato che lo scontro con la persona coinvolta è avvenuto in prossimità di un punto cieco del sentiero, fatto che ha causato sorpresa e spavento sia all’uomo che all’orso. No a qualsiasi ipotesi di uccisione, si proceda esclusivamente con la radiocollarizzazione dell’orso e successivo monitoraggio", come previsto dal piano Pacobace. "Siamo pronti a denunciare chiunque dovesse macchiarsi dell’uccisione non necessitata dell’orso Mj5" mette in chiaro Vitturi.

Dall'Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) definiscono "sconcertanti le dichiarazioni odierne del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, intenzionato a chiedere un parere positivo all’Ispra che gli consenta di abbattere l’orso che domenica scorsa ha ferito un escursionista in Val di Rabbi con quello che con ogni probabilità è stato un 'falso attacco' per proteggersi". 

L’orso, specifica l'associazione animalista, è stato identificato con un esame genetico. Mj5 è "un orso anziano" che "finora non ha mai manifestato aggressività nei confronti dell’uomo. Condannarlo a morte per un unico incidente è plausibile?" domanda l'Oipa. Che si appella "al buon senso e al rispetto per la fauna del ministro dell’Ambiente Pichetto Fratin che solo una settimana fa evocava il dovere imprescindibile di tutelare la fauna selvatica e all’obiettività dell’Ispra".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione in Trentino, l'orso Mj5 potrebbe essere ucciso. Gli animalisti: "Sconcertati"

Today è in caricamento