rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Il voto a settembre / San Marino

A San Marino è illegale abortire: referendum per cancellare la legge vecchia di 150 anni

Domenica 26 settembre i cittadini della Repubblica sono chiamati a decidere se legalizzare e depenalizzare l'interruzione volontaria di gravidanza, oggi punita col carcere

Dopo 150 anni, San Marino prova a rivoluzionare le norme sull'aborto. Nella piccolissima e riservatissima Repubblica incastonata tra Emilia Romagna e Marche l'interruzione volontaria di gravidanza è un reato punibile con sino a 6 anni di carcere dal lontano 1865, e il prossimo 26 settembre i suoi cittadini saranno chiamati a decidere se legalizzarlo e depenalizzarlo, una svolta storica in un periodo in cui il tema è sempre più attuale.

Il referendum è stato indetto dall’Unione Donne Sammarinesi, che al 31 maggio del 2021 hanno presentato 3.028 firme autenticate e 251 firme di residenti e sostenitori. Il quesito referendario recita: “Volete che sia consentito alla donna di interrompere volontariamente la gravidanza entro la 12a settimana di gestazione, e anche successivamente se vi sia il pericolo per la vita della donna o se vi siano anomalie e malformazioni del feto che comportino grave rischio per la salute fisica o psicologica della donna?”.

A San Marino, a oggi, l’aborto è illegale senza eccezioni e punito con il carcere: l’interruzione volontaria di gravidanza non è consentita in alcun caso, nemmeno per salvare la donna in grave e immediato pericolo di vita, se la gravidanza è conseguenza di incesto o stupro o se le condizioni del feto sono incompatibili con la vita. Il codice penale di San Marino, rimasto più o meno invariato dal 1865, prevede all’articolo 153 che “la donna incinta che si procura l'aborto e chiunque vi concorra sono puniti con la prigionia di secondo grado (non meno di tre anni di carcere, ndr). Alla stessa pena soggiace la persona che procura l'aborto alla donna maggiore degli anni ventuno col libero e consapevole consenso di lei”. All’articolo 154 si disciplina il cosiddetto “aborto per motivo d’onore”, stabilendo che “la donna incinta che per motivo d'onore si provoca l'aborto o vi consente è punita con la prigionia di primo grado. Chiunque concorre nel misfatto per fine di lucro è punito con la prigionia di secondo grado. Se il compartecipe esercita una professione sanitaria si applica altresì la relativa interdizione di quarto grado”.

Referendum sull'aborto a San Marino: come ci si è arrivati

L’Unione Donne Sammarinesi aveva intrapreso a inizio anno un percorso per arrivare alla legalizzazione e depenalizzazione dell’aborto, deliberando il 7 gennaio in favore del referendum. A marzo del 2021 il Collegio Garante di San Marino aveva emesso la sentenza di ammissibilità del quesito referendario, e a maggio erano state consegnate le firme: “Arrivarci, per la cittadinanza ed Unione Donne Sammarinesi, non è stato facile - era stato il commento dell’Uds - Perché, si sa, le lotte per la parità di genere sono lotte lunghe, difficili, che cambiano la società, la cultura e che segnano la storia di un Paese. Ci siamo arrivate con un percorso rispettoso della legge e delle istituzioni. Non abbiamo fatto scioperi o manifestazioni. Non abbiamo bruciato reggiseni in piazza, sebbene nell’immaginario di qualcuno le femministe sono ancora così. Non abbiamo attaccato i partiti contrari o lodato quelli favorevoli alle nostre rivendicazioni. Non abbiamo offeso chi non la pensava come noi, anche se a noi non è stato riservato lo stesso trattamento. Abbiamo girato la testa dall’altra parte ad ogni provocazione”.

“Abbiamo percorso tutte le strade che l’ordinamento prevede per la democrazia diretta - ricorda l’associazione - negli ultimi 18 anni abbiamo presentato innumerevoli Istanze d’Arengo regolarmente bocciate o, peggio ancora, approvate e lasciate in un cassetto, oltre a ben due progetti di legge di iniziativa popolare, fermi da anni alla prima lettura. Abbiamo pazientato nel 2019 quando la caduta del governo ha bloccato l’iter del nostro ultimo progetto di legge. Abbiamo pazientemente messo in stand-by lo stesso progetto di legge nel 2020, con la massima responsabilità nei confronti di una pandemia che bloccava ogni iniziativa civile. Quando tutte le vie di democrazia diretta non hanno dato risultati, quando la politica, per l’ennesima volta, ha disatteso le richieste delle proprie cittadine e dei propri cittadini con scuse non più accettabili, abbiamo deciso di percorrere la strada del Referendum. Adesso saranno le cittadine ed i cittadini a decidere su un tema sensibile, un tema che tocca la libertà delle donne, o meglio, che finalmente trasforma le donne in persone”.

Referendum sull’aborto, i precedenti (e chi torna indietro nel tempo)

Il referendum di San Marino ricalca quello già votato a Gibilterra, dove l’aborto era ugualmente illegale. Con una popolazione di circa 34.000 persone, equiparabile a quella sammarinese, il piccolo territorio d’oltremare del Regno Unito si è presentato alle urne per decidere se depenalizzare l’aborto, reato punibile con l’ergastolo, e con il 62% dei voti ha vinto il “sì”.

Stessa cosa era accaduta nel 2018 in Irlanda, Paese estremamente cattolico e severamente contrario all’aborto, tanto da sancirne il divieto nella Costituzione: il referendum aveva visto il 66,4% dei voti a favore della legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza. C'è poi chi invece sembra voler tornare indietro nel tempo, come il Texas: lo stato più conservatore degli Stati Uniti ha promulgato una legge (che ha di fatto ricevuto l’avvallo della Corte Suprema, che ha deciso di non stopparla) che vieta l'aborto e lo rende illegale superate le 6 settimane di gravidanza.

La “Senate Bill 8”, diventata la legge più restrittiva in materia negli Stati Uniti. E mentre oltreoceano (ma non solo) le associazioni per i diritti delle donne, umani e civili insorgono promettendo battaglia, rischia di passare quasi sotto traccia quanto sta accadendo in Italia, nella piccolissima e riservatissima Repubblica di San Marino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A San Marino è illegale abortire: referendum per cancellare la legge vecchia di 150 anni

Today è in caricamento