Mercoledì, 20 Gennaio 2021
Italia

Immuni, italiani sempre più scettici: "Io in quarantena con una notifica"

Mentre i sondaggi rilevano come l'opinione pubblica guardi ancora con crescente sospetto all'approccio tecnologico per la lotta al coronavirus, a Bari una 63enne è finita in isolamento dopo un contatto sospetto. "Tapone negativo, torno libera"

Gli italiani sono sempre più incerti rispetto all'utilizzo di Immuni, l'applicazione di tracciamento dei movimenti personali creata per localizzare e isolare i possibili nuovi focolai di coronavirus in Italia. Ad oggi l'app Immuni è stata scaricata da circa 3,3 milioni di italiani (poco più del 6% della popolazione adulta). Ma cala la fiducia nell'approccio tecnologico alla lotta al coronavirus: solo il 39% del campione rappresentativo della popolazione maggiorenne si dichiara disponibile a scaricare e dunque utilizzare (era il 44% a fine maggio, poco prima dell'avvio della sperimentazione in alcune regioni).

Questi i risultati di un sondaggio realizzato da Emg Acqua per conto di Public Affairs Advisors. Per l'istituto demoscopico guidato da Fabrizio Masìa cresce la quota di coloro i quali affermano che ''certamente la scaricheranno'' (il 22% invece del 16% registrato il 29 maggio) ma cala di parecchio la quota di coloro i quali ''probabilmente la scaricheranno'' (dal 28% di fine maggio al 17% registrato oggi), mentre la percentuale di coloro i quali ''probabilmente non la scaricheranno'' sale dal 16% al 24%.

''Gli Italiani sono ancora scettici sull'uso di Immuni - dichiara Giovanni Galgano, managing director di Public Affairs Advisors - Il campione è sostanzialmente spaccato a metà ma dal panel completo di risposte trapela tanta incertezza''.

Non giova certo la storia di una 63enne barese che era stata messa in quarantena dall'Asl, dopo che aveva avvisato il suo medico di aver ricevuto la notifica da parte dell'App Immuni di un contatto sospetto con un positivo al coronavirus. Il tampone è risultato negativo è di nuovo in "libertà" ma sulle pagine de La Gazzetta del Mezzogiorno è stato pubblicato il suo sfogo in cui assusa di essere stata posta ai domiciliari "senza ragione". 

Lo ha confermato il professor Pierluigi lopalco, a capo della Task Force Epidemiologica della Regione Puglia, nel corso del programma Centocittà in onda su Rai Radio1 e condotto da Gianluca Semprini e Duccio Pasqua. Lopalco ha spiegato che ci sono state anche altre segnalazioni errate nei giorni: "In un caso - dice  si trattava di un messaggio di Android scambiato per messaggio di avvenuto contagio, in un altro caso ci hanno detto che si trattava di un errore tecnico. In una fase di rodaggio come questa è importante mantenere sul telefonino il messaggio, possibilmente fare lo screenshot in maniera da verificare ogni volta che si tratti di un vero positivo e di un errore di interpretazione".

L'epidemiologo, nel corso del programma, ha anche spiegato la situazione epidemiologica in Italia, dopo la fase acuta dell'epidemia: "Grazie a tutte le misure di prevenzione - dice - , il virus oggi circola in un'altra popolazione. Quindi non è oggi che il virus attacca il giovane, ma abbiamo messo in sicurezza gli anziani, gli ospedali,  la popolazione più fragile e quindi il virus trova spazio per circolare, ormai a bassa intensità, in una popolazione più sana, che è quella più giovane. Quindi - ha aggiunto Lopalco - ecco perché oggi il virus sembra indebolito, è perché questa è la coda dell'epidemia effetto misure di prevenzione". Di conseguenza molti positivi hanno "una carica bassa" e molto spesso, rimarca l'epidemiologo, "si tratta di persone che non sono nemmeno contagiose". 

Coronavirus, il bollettino di oggi: 23 morti e 221 nuovi casi (ma pochi tamponi)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immuni, italiani sempre più scettici: "Io in quarantena con una notifica"

Today è in caricamento