rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
I nuovi dati

Si è fermata la discesa dei nuovi casi Covid: "È successo qualcosa"

Per dodici settimane consecutive avevamo assistito a una discesa costante e inesorabile. La settimana che si è conclusa sabato, invece, ha fatto registrare una quantità di nuovi infetti sostanzialmente uguale alla settimana precedente

In molti Paesi europei, tra cui l'Italia, la curva discendente dei contagi si è invertita: nell'ultima settimana i casi di Covid sono cresciuti più del previsto e in maniera vistosa in Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia, Irlanda, Norvegia, Portogallo, Regno Unito e Spagna. Il dato emerge dalle ultime tabelle previsionali del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

Secondo le stime del centro previsionale Covid dell'Ecdc, tra il 26 giugno e il 3 luglio in Spagna avrebbero dovuto esserci 21.743 casi, invece ce ne sono stati oltre il doppio, 51.405. In Italia, 5.222 invece di 3.909. In Belgio, le previsioni dell'Ecdc davano per la stessa settimana 1.960 nuovi casi, ce ne sono stati oltre 4 mila.

Fan ben sperare la curva dei decessi che resta invece tutto sommato stabile: in Spagna 13 in più in una settimana rispetto alle previsioni, in Italia 26 in più, in Belgio 8 in meno. Nel Regno Unito, dove i contagi hanno ripreso a crescere dall'ultima settimana di maggio, i morti sono stati 118 invece dei 164 stimati.

"È successo qualcosa"

"È successo qualcosa che ha arrestato il calo delle nuove infezioni da Covid. Lo dice la matematica del virus". Così intervistato da La Repubblica Roberto Battiston, professore all'Università di Trento, che da mesi analizza l'andamento della pandemia in Italia con metodi di analisi come quelli usati in fisica fondamentale e in astrofisica.

"Per dodici settimane consecutive avevamo assistito a una discesa costante e inesorabile. La settimana che si è conclusa sabato, invece, ha fatto registrare una quantità di nuovi infetti sostanzialmente uguale alla settimana precedente", spiega il fisico, per il quale è evidente che "è intervenuto qualcosa a bloccare il calo innescato dalla campagna vaccinale. Variante Delta? Dal mio punto di vista è possibile e anche probabile. Sembra che questa diffusione cominci ad essere visibile anche nel numero di nuovi infetti. La seconda ondata si è esaurita, ma è troppo presto per dire se la terza è in incubazione. Certo è un segnale cui va prestata grande attenzione", conclude Battiston.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si è fermata la discesa dei nuovi casi Covid: "È successo qualcosa"

Today è in caricamento