Domenica, 7 Marzo 2021
Attenzione alle multe

L'autocertificazione per gli spostamenti dall'11 gennaio nella zona gialla e arancione

Torna il sistema di restrizioni basato sulle fasce di rischio e rimane il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5. È vietato spostarsi tra regioni. Ecco il modulo in pdf

Il modulo di autocertificazione per gli spostamenti in zona gialla e arancione

Da oggi, lunedì 11 gennaio, in Italia tornano in vigore le restrizioni anti coronavirus basate sulle fasce di rischio: sono in zona arancione Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Sicilia e Calabria, mentre le altre regioni sono in giallo "rafforzato". Per circolare è necessario, in caso di controlli delle forze dell'ordine, avere con sé il modulo di autocertificazione, quel documento introdotto con l'inizio dei lockdown per la pandemia da coronavirus. A chi è sprovvisto del modulo ne viene fornito uno da compilare per giustificare - con dichiarazioni vere - il motivo dello spostamento. I cittadini devono infatti ricordarsi, come specifica il sito del Viminale, che "l'autodichiarazione è in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo". Il firmatario deve dichiarare che il proprio spostamento è determinato da:

  • esigenze di lavoro; 
  • motivi di salute; 
  • altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio.

Sarà inoltre necessario indicare nel modulo di autocertificazione: il proprio abituale domicilio, un contatto telefonico valido, di non essere sottoposti alla misura della quarantena ovvero di non essere risultato positivo al covid-19 (fatti salvi gli spostamenti disposti dalle autorità sanitarie), di essere "consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale" regolate dall'articolo 495 del Codice di procedura penale. Chi non è in regola rischia una multa da 400 a 1000 euro, come previsto dal decreto.

Quando serve l'autocertificazione per gli spostamenti in zona gialla

Secondo l’ultimo decreto del governo, in vigore fino a venerdì 15 gennaio, "sono vietati tutti gli spostamenti verso una regione o provincia autonoma diversa dalla propria, ad eccezione di quelli dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità". Rimane anche in vigore la chiusura notturna dalle 22 alle 5. A chi si trova nelle regioni in giallo "rafforzato" l’autocertificazione serve quindi se si ha necessità di spostarsi per lavoro, salute o necessità in un’altra regione oppure tra le 22 e le 5 del mattino.

Quando serve l'autocertificazione per gli spostamenti in zona arancione

Nelle zone arancioni l’autocertificazione, come per le zone in giallo "rafforzato", serve se si ha la necessità di spostarsi in un’altra regione oppure durante la chiusura notturna. In queste regioni però il modulo deve essere compilato anche per gli spostamenti in un comune diverso da quello in cui si risiede, mentre non è necessario compilarla per muoversi all’interno del proprio comune tra le 5 e le 22.

Qui potete scaricare il modulo di autocertificazione per gli spostamenti in Pdf.

autocertificazione spostamenti modulo-2

Zona arancione da oggi per 5 regioni: cosa si può fare

Zona arancione da oggi lunedì 11 gennaio per 5 regioni in attesa delle misure del nuovo Dpcm. Calabria, Emilia-Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto cominciano la settimana con il colore e le regole che hanno caratterizzato l'ultimo weekend in tutta Italia. Si torna dunque alla distinzione tra regioni di colori diversi anche se per tutte resta il coprifuoco che scatta alle 22 e dura fino alle 5. Le nuove ordinanze sono state firmate dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia che si è riunita l'8 gennaio 2021.

In zona arancione sono vietati gli spostamenti al di fuori del comune e tra le regioni se non per motivi di lavoro, di necessità e di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. Bar e ristoranti devono limitarsi all'asporto e alla consegna a domicilio, nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autocertificazione per gli spostamenti dall'11 gennaio nella zona gialla e arancione

Today è in caricamento