Lunedì, 12 Aprile 2021

Benzina e diesel alle stelle, brutte sorprese nell'uovo di Pasqua

Alla vigilia di una serie di Ponti, da quello di Pasqua a quello del Primo Maggio, si registra una serie di rialzi sui prezzi dei carburanti: gli ultimi aggiornamenti

Non ci sono buone notizie per chi deve spostarsi in auto durante i prossimi giorni. Alla vigilia di una serie di Ponti - da quello di Pasqua a quello del Primo Maggio - si registra una serie di rialzi sui prezzi dei carburanti spinti anche dall'andamento dei prodotti raffinati in Mediterraneo che ieri hanno chiuso con la benzina a 465 euro per mille litri (+1 euro), diesel a 483 euro per mille litri (+2).

Oggi, secondo la rilevazione di Staffetta Quotidiana, Q8 ha aumentato di un centesimo al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio. Per IP si registra invece un rialzo di 0,5 cent/litro su entrambi i prodotti. Le medie dei prezzi praticati dell'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico vedono la benzina self service a 1,612 euro/litro (pompe bianche 1,590), diesel a 1,504 euro/litro (pompe bianche 1,480). Gpl self service a 0,620 euro/litro e metano self service 0,996 euro/kg.

Prezzi benzina, quanto "pesano" Iva e accise

In un ventennio circa prezzi della benzina sono cresciuti del 75,9%, il diesel ha registrato un rialzo del 47,7% e il gpl del +49,9%. Pesante – sottolinea Uecoop – l’impatto delle tasse che nell’ultimo anno hanno inciso per il 63% sul prezzo al dettaglio della benzina e per il 59,5% per quello del gasolio: in pratica ogni volta che un automobilista si ferma alla stazione di servizio per un pieno da 55 litri lo Stato si mette in tasca oltre 48 euro sul diesel e più di 55 euro sulla benzina, fra accise e Iva. Il taglio delle accise, promesso in campagna elettorale da più parti, resterà con ogni proabilità solo sulla carta ancora a lungo. Aprile, come da previsioni, si conferma un mese nero sul fronte carburanti.

Perché sta aumentando il prezzo della benzina

Qual è il vero motivo per cui il prezzo della benzina aumenta? Il prezzo tendenzialmente aumenta a livello internazionale quando aumenta il costo del petrolio. Ma quando sale il costo del petrolio, il costo della benzina aumenta lentamente, e quando scende il prezzo del petrolio, il prezzo della benzina scende lentamente. A incidere davvero parecchio in Italia sul costo finale sono in realtà le accise e l'Iva.

Riducendo tasse e accise il costo a litro sarebbe più basso, simile ad altri Paesi europei, anche senza arrivare al "mitologico" 0,50 centesimi a litro (prezzo depurato da tasse e accise) . Anche all'estero sono pesanti le tasse sui carburanti, ma l'Italia resta in testa alla classifica per il peso fiscale a litro: circa 1 euro in più a litro, secondo una interessante e articolata indagine di Federcontribuenti di qualche mese fa.

Benzina, "incubo" nuovi aumenti per Pasqua

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina e diesel alle stelle, brutte sorprese nell'uovo di Pasqua

Today è in caricamento