Sabato, 5 Dicembre 2020
Italia

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 19 ottobre: 9.338 nuovi casi e 73 morti, ecco la mappa dei nuovi focolai

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi lunedì 19 ottobre 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: aggiornamenti in diretta dalle regioni

L'ultimo bollettino coronavirus di oggi 19 ottobre 2020

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi lunedì 19 ottobre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2 che hanno portato il numero dei pazienti Covid a oltre quota 134mila attualmente positivi, livelli mai raggiunti durante la prima ondata. Oggi si registrano bene 9.338 su un numero inferiore di tamponi 98.862: i casi testati sono appena 65.824 e uno su sette ha confermato la positività. Il tasso di positività rispetto ai tamponi effettuati è ufficialmene decolatto: solo guardando ai risultati del lunedì questa settimana si registra il 9.4% rispetto al 5.4% della scorsa settimana e al 2.4% di un mese fa.  

Coronavirus, raddoppiati i contagi

Per fare un confronto lunedì scorso, sempre con meno tamponi della media (allora furono 85mila) i casi erano 4.619, quindi nell'arco di una settimana c'è stato un raddoppio secco. La regione con più casi oggi è ancora la Lombardia (+1.687), seguita da Campania (1.593), Toscana (986), Lazio (939) e Piemonte (933). 

L'ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri domenica 18 ottobre registrava 11.705 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore e 69 vittime. Picco di casi in Lombardia che segnalasi tremila positivi, seguita da Campania, Lazio e Piemonte. 

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 19 ottobre 2020​​

  • Nuovi casi: 9.338 
  • Casi testati: 65.824
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 98.862
  • Attualmente positivi: 134.003 (+7.766)
  • Deceduti: 36.616 (+73)
  • Ricoverati: 7.676 (+545)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 797 (+47)
  • Totale casi positivi: 423.578
  • Dimessi/Guariti: 252.959

Il bollettino coronavirus di oggi 19 ottobre 2020 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 19 ottobre 2020-3

  • Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde. 

Oggi in Lombardia si sono registrati 1.687 casi di coronavirus su 14.577 test, di cui 111 hanno dato esito 'debolmente positivi' e 12 a seguito di test sierologico. Purtroppo si contano anche 6 morti mentre i pazienti covid in terapia intensiva raggiungono quota 113 (+3), mentre i ricoverati 1.136 (+71). 

In Campania nuovo forte aumento dei contagi e ben 21 morti. Oggi su 12.695 tamponi sono stati rilevati 1.593 positivi, di cui 79 sintomatici. Il report dei posti letto complessivi indica in 85 quelli di terapia intensiva occupati (su 113 complessivi), in 884 quelli di degenza occupati (su 925 complessivi). Criticità per i posti di degenza Covid nelle strutture della Asl Napoli 1, quella della città di Napoli, sono tutti pieni. Lo apprende l'ANSA da fonti qualificate dell'Asl. Nessuna criticità ancora per i posti in terapia intensiva e sub-intensiva. L'agenzia di stampa riporta come si attende l'attuazione del piano da 1651 posti letto e che serva un pronto soccorso alternativo per assistere i pazienti che hanno chiamato l'urgenza non per covid. Risultato dell'emersione di 1.000 i nuovi casi di contagio a Napoli città negli ultimi tre giorni. 

Molto negativi i dati in Toscana dove si registrano 986 i casi su 10.557 tamponi. Purtroppo si contano anche dodici morti, sei uomini e sei donne, età media 87 anni a Firenze (4), Pistoia (2), Massa Carrara (1) ed Arezzo (2). Su 10.851 persone malate, la quasi totalità, 10.340, si trova in isolamento a casa, perché non ha bisogno di particolari cure sanitarie. Sono 511 i ricoverati in ospedale, nei reparti Covid, 71 in più rispetto a ieri. Di questi 62 sono in terapia intensiva, 7 in più rispetto a ieri.

Nel Lazio diminuisce il numero dei nuovi positivi: su oltre 17mila tamponi si registrano 939 casi. Sono 15.191 i casi attualmente positivi a Covid-19, 1.130 i ricoverati, cui si aggiungono 111 pazienti in terapia intensiva, e 13.950 in isolamento domiciliare. I guariti sono arrivati a 9.703, i decessi a 1.033 e il totale dei casi esaminati è pari a 25.927. Questo il bollettino aggiornato della Regione Lazio. A Roma 226 i pazienti ricoverati allo Spallanzani positivi al tampone. 41 i pazienti in terapia intensiva, mentre i pazienti dimessi o trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 891. Nella Asl Roma 1 sono 168 i casi e si tratta di centocinquantasei casi isolati a domicilio e dodici da ricovero. Nella Asl Roma 2 sono 228 i casi e si tratta di sessantanove casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto e centosette i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano tre decessi di 76, 77 e 82 anni con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 66 i casi e si tratta di trentasette casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto. Si registra un decesso di 93 anni con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 55 i casi e si tratta di sei casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto e sei i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 5 sono 41 i casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto. Nella Asl Roma 6 sono 49 i casi e si tratta di trentuno casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto. Si registra un decesso di 91 anni con patologie. Nella Asl di Latina sono ottantuno i nuovi casi e si tratta di casi con link familiari o contatto di un caso gia' noto. Si registra un decesso. Nella Asl di Frosinone si registrano centoquattro nuovi casi. Nella Asl di Viterbo si registrano centoquattordici nuovi casi e si tratta di trentaquattro casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto e venticinque i casi con link al cluster presso la casa di riposo San Francesco di Farnese dove e' in corso l'indagine epidemiologica. Si registrano due decessi di 68 e 69 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano trentatre nuovi casi e sono casi con link familiari o contatto di un caso gia' noto.

In Piemonte sono 933 i nuovi casi, di cui 532 asintomatici. Si registrano 5 decessi. I ricoverati in terapia intensiva sono 61 (+6 rispetto a ieri), non in terapia intensiva 883 (+103 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 9.663, mentre i tamponi diagnostici finora processati sono 868.770 (+9.564), di cui 466.505 risultati negativi.

In Veneto oggi si registrano 502 nuovi casi e nessuna nuova vittima. Negli ospedali continuano a crescere i degenti, 496 (+19) nei reparti non critici, dei quali 396 positivi; nelle terapie intensive restano 52 i pazienti ricoverati, con 44 positivi. Scendono nettamente a 13.061 gli isolamenti fiduciari, 748 in meno, dei quali 4.920 (-183) sono positivi. II presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha sottolineato che il piano sanitario regionale è pronto ad attivare 1.016 postazioni di terapia intensiva ad integrare i 494 oggi disponibili e di cui il 10% è occupato da pazienti covid. Il problema è "la penuria di medici", spiega poi Zaia, chiarendo che al momento "non abbiamo i medici per le 1.016 terapie intensive". In sostanza, ci sono i letti e sono stati individuati gli spazi, ma se davvero dovessero servire tutte le 1.016 terapie intensive a cui il Veneto può arrivare, non ci sarebbero comunque medici per curare tutti i pazienti. 

++ sezione aggiornata alle ore 18:23, clicca qui per aggiornare la pagina ++

Qui di seguito le altre regioni.

numero contagi coronavirus oggi 19 ottobre 2020-2

Non si ferma la crescita del numero di casi positivi al coronavirus in Valle d'Aosta: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 130 i nuovi contagiati su 453 test. Il totale dei casi positivi sale così a 658.

In Liguria sono 323 i nuovi positivi a fronte di 1.871 tamponi: il maggior numero di casi è ancora nell'asl3 genovese: sono 210, di cui 87 sono da contatto caso confermato, 121 da attività screening e 2 provengono da una struttura sociosanitaria. Aumentano di 29 unità gli ospedalizzati: sono 470di cui 34 in terapia intensiva. Il carico maggiore è sul policlinico San Martino, con 134 ricoveri in medio-bassa intensità di cura e 11 in terapia intensiva. Cinque i deceduti, tre uomini e due donne, tra i 73 e gli 84 anni. Nelle ultime 24 ore, dalle 14 del 18 ottobre 2020 alle 14 del 19 ottobre 2020, sono stati comunicati dalle direzioni sanitarie altri 7 decessi di pazienti tra i 75 e i 92 anni. Prime criticità negli ospedali di Genova dove si è verificato un sovraffollamento nei Pronto soccorso dell'area metropolitana per l'arrivo di numerosi pazienti con sintomatologia Covid da residenze sociosanitarie. Attivati posti letto extra-ospedalieri sul territorio genovese a supporto dei pazienti covid positivi che, superata la fase acuta, possono essere dimessi in sicurezza ma necessitano di una medio- bassa complessità assistenziale prima del loro rientro al domicilio.

In Trentino sono 77 i nuovi contagi diagnosticati a fronte di 1521 tamponi analizzati. 

In Alto Adige registrati 85 nuovi casi positivi su 1.279 tamponi e un decesso. Il numero delle persone positive al coronavirus sale a 4.904. Sono 67 i pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre 23 sono i pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco. Invariato il numero dei pazienti ricoverati in reparti di terapia intensiva che sono sette.

In Friuli Venezia Giulia rilevati 90 nuovi contagi (1.281 tamponi eseguiti) e tre decessi da Covid-19: una donna del 1927 di Pulfero, un uomo del 1943 di Monfalcone e una donna del 1936 di Valvasone Arzene. Nel dettaglio, per quel che riguarda le residenze per anziani si registra la positività al Covid di una donna del 1933 ospite dell'Asp di Tolmezzo, mentre si segnala un focolaio nella struttura mista residenziale e semi-residenziale per disabili di Ragogna dove sono stati rilevati 10 casi tra operatori e ospiti. Sul fronte delle scuole sono stati trovati positivi al tampone un'educatrice della scuola primaria di Vajont dell'Istituto comprensivo M. Turoldo, un corsista dello Ial di Trieste, due alunni dell'European School di Trieste e due focolai familiari (con figli in età scolare) nei comuni di Gradisca d'Isonzo e Martignacco. Infine si registra il caso di un professionista sanitario a Palmanova.

Ancora in crescita i ricoveri per coronavirus in Emilia Romagna. Attualmente sono 70 i pazienti in terapia intensiva , più 3 rispetto a ieri, e 481 con un aumento di 42 pazienti sempre rispetto a ieri, quelli ricoverati negli altri reparti Covid. Sul territorio, le persone ricoverate in terapia intensiva sono così distribuite: 7 a Piacenza (uno in meno di ieri), 4 a Parma (uno in meno rispetto a ieri), 3 a Reggio Emilia (+1 rispetto a ieri), 8 a Modena (stabile rispetto a ieri ), 31 a Bologna (1 in piu' di ieri); 1 a Imola (stabili rispetto a ieri), 3 a Ferrara (+1 rispetto a ieri); 2 a Ravenna (stabile rispetto a ieri), 3 a Forli' (+1 rispetto a ieri), 2 a Cesena (numero invariato rispetto a ieri) e 6 a Rimini (1 in piu' di ieri). I casi attivi, cioe' il numero di malati effettivi, a oggi sono 9.670 (507 in piu' di quelli registrati ieri). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 9.119 (+462 rispetto a ieri), il 94% dei casi attivi. 

Nelle Marche i nuovi positivi sono 98, il 14,1% rispetto ai 694 tamponi processati nel percorso per le nuove diagnosi: 16 in provincia di Macerata, 57 in provincia di Ancona, 13 in quella di Pesaro-Urbino, 4 nel Fermano, 5 nel Piceno e 3 relative a persone non residenti nelle Marche; questi casi comprendono 13 soggetti sintomatici, 21 contatti in ambiente domestico, 15 contatti stretti di positivi, 17 all'interno di comunita', 2 riscontrati dallo screening realizzato nel percorso sanitario, 3 contatti in ambito lavorativo, 12 contatti in ambiente di divertimento, 2 contatti in setting assistenziale, 5 rilevati in ambiente scolastico e per 8 si stanno effettuando le indagini epidemiologiche. Sempre ieri, sono stati effettuati anche 523 test nel percorso guariti. 

In Umbria sono 167 i nuovi casi di coronavirus su 1.028 tamponi. Gli attuali positivi sono 2.574 (+138 rispetto a ieri). Salgono purtroppo a 93 (+1) i decessi complessivi conteggiati dall'inizio della pandemia. In aumento anche quello delle persone in isolamento contumaciale, che ora sono 2.428 2.307 (+121), mentre nei 'Covid Hospital' umbri sale a 146 (+17) il numero complessivo dei pazienti ricoverati e a 15 (+1) il totale di quelli in terapia intensiva. 

In Abruzzo sono 159 i nuovi casi di coronavirus dall'analisi di 2.176 tamponi. Il totale regionale dei pazienti affetti da Covid-19 sale a 6.353. Gli attualmente positivi al virus arrivano a quota 2.669. Dei nuovi casi - 85 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti - 80 riguardano la provincia dell'Aquila, 55 quella di Teramo, otto il Pescarese, otto il Chietino e tre pazienti residenti fuori regione, mentre per cinque sono in corso verifiche sulla provenienza. Tra le località con più casi vi sono L'Aquila (30), Avezzano (15), Montorio al Vomano (14), Bellante (8), Teramo e Celano (7), Pescara (6), Isola del Gran Sasso (5). Dei nuovi pazienti, il più giovane è un bimbo di un anno dell'area peligna e il più anziano è una 92enne dell'Aquila. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 37: 18 in provincia dell'Aquila, due in provincia di Pescara, tre in provincia di Chieti e 14 in provincia di Teramo. Non si registrano decessi. Del totale delle persone attualmente positive al virus, 197 pazienti (+27 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 13 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva. Gli altri 2.459 (+129) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti sono 3.190 (+3).

In Puglia sono 321 i nuovi casi di Covid a fronte di soli 2.446 test effettuati. Due i ricoveri in terapia intensiva, 20 nei reparti Covid. Sono stati registrati 4 decessi: 2 in provincia di Foggia, 1 nella Bat, 1 in provincia di Taranto. Le province con il maggior numero di contagi sono Bari (165) e Foggia (63). A seguire: 31 nella Bat, 24 Brindisi, 20 Lecce, 13 Taranto, 2 residenti fuori regione, 3 con provincia di residenza non nota. Situazione difficile in particolare a Foggia: Gilda Cinnella, a capo dell'unità operativa di terapia intensiva del Policlinico, spiega a La Repubblica che le rianimazioni sono piene e in ospedale non ci sono più posti letto liberi nelle terapie intensive e difficoltà si registrerebbero anche nelle terapie intensive per i pazienti No Covid.

In Basilicata si registrano 80 nuovi casi su 1.330 tamponi. Deceduta una persona residente a Moliterno. I lucani attualmente positivi sono 595 e di questi 543 si trovano in isolamento domiciliare. Sono 52 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane: all'ospedale San Carlo di Potenza 17 persone sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 18 nel reparto di Pneumologia, 3 nel reparto di Medicina d'Urgenza, 1 nel reparto di Terapia Intensiva; a Matera 13 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale `Madonna delle Grazie'.

In Calabria 108 nuovi casi e nessun decesso. Territorialmente dall'inizio dell'epidemia i casi positivi sono cosi' distribuiti: Catanzaro casi attivi 119 (20 in reparto; 3 in terapia intensiva; 96 in isolamento domiciliare); casi chiusi 310 (276 guariti, 34 deceduti). Cosenza casi attivi 269 (19 in reparto; 1 in terapia intensiva, 249 in isolamento domiciliare); casi chiusi 578 (542 guariti, 36 deceduti). Reggio Calabria casi attivi 523 (27 in reparto; 1 in terapia intensiva; 495 in isolamento domiciliare); casi chiusi 437 (416 guariti, 21 deceduti). Crotone: casi attivi 10 (10 in isolamento domiciliare); casi chiusi 148 (142 guariti, 6 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 22 ( 22 in isolamento domiciliare); casi chiusi 114 (108 guariti, 6 deceduti). Altra Regione o Stato estero: casi attivi 227 (213 in isolamento domiciliare); casi chiusi 112 (111 guariti, 1 deceduto).

In Sicilia sono 362 i nuovi positivi al Covid19 su 6390 test. Salgono così a 7.019 gli attuali positivi e passano a 593 i ricoverati in ospedale con un incremento di 30 ricoveri rispetto a ieri. Di questi 72 si trovano in terapia intensiva, 2 in più rispetto a ieri, mentre sono 521 i ricoveri in regime ordinario, 28 in più di ieri. Sono 6.426 le persone in isolamento domiciliare. Purtroppo si registrano 3 decessi che portano il totale a 368. Ospedali sotto stress a Palermo per l'aumento di contagi da Covid. All'ospedale Civico il pronto soccorso è ormai dedicato ai malati di coronavirus e i pazienti affetti da altre patologie che si presentano in ospedale vengono smistati nelle aeree di emergenza di Villa Sofia, Policlinico, Ingrassia e Buccheri La Ferla.

In Sardegna si registrano 159 nuovi casi su 2.306 test. Sono invece 210 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+2 rispetto al dato di ieri), mentre è di 33 (+4) il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 3.259. Sul territorio, dei 6.255 casi positivi complessivamente accertati, 1044 (+46) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 896 (+32) nel Sud Sardegna, 486 (+2) a Oristano, 932 (+23) a Nuoro, 2.897 (+56) a Sassari. 

Salgono a 36 i casi di positività attuali al coronavirus nella Repubblica di San Marino, quattro si trovano ricoverate in ospedale: una cittadina di nazionalità ucraina di 60 anni, ricoverata nel reparto di semintensiva, due donne e di un uomo (rispettivamente di 82, 76 e 54 anni) ricoverati nelle stanze di isolamento in Medicina con un quadro prevalentemente polmonare. 

casi coronavirus oggi da twitter lmtredici-2
Dati da Twitter @lmtredici

Ecco infine le ultime notizie sulla pandemia raccolte nelle ultime 24 ore

Coronavirus, le ultime notizie

Da oggi è in funzione il collegamento tra le app di tracciamento tedesca Corona-Warn-App, l'irlandese COVID Tracker e l'italiana Immuni.  

Intanto in Cina anche oggi non sono stati riportati nuovi casi di COVID-19 trasmessi localmente. Lo ha dichiarato oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel suo resoconto giornaliero che riporta di 13 casi importati, cinque a Shanghai, tre nel Guangdong, due ciascuno a Tianjin e nello Shaanxi e uno nello Shanxi. Fino al termine della giornata di ieri sono stati segnalati in Cina continentale 3.123 casi importati totali. Di questi, secondo la commissione 2.887 sono di persone dimesse dopo essere guarite e 236 di persone in cura negli ospedali mentre non sono stati segnalati decessi. Il totale dei casi confermati in Cina continentale ieri è arrivato a 85.685, con 249 pazienti ancora in cura, quattro dei quali erano in condizioni gravi, 80.802 persone dimesse dopo essere guarite e 4.634 deceduti per la malattia. La commissione ha affermato che in Cina continentale risultano tre casi sospetti del virus, aggiungendo che 7.851 contatti ravvicinati sono ancora posti sotto osservazione medica, da cui ieri sono state dimesse 1.127 persone

Nina Zilli positiva al coronavirus: "L'ho preso a una cena, non andate al ristorante" 

Che cosa dobbiamo aspettarci dai contagi per questa settimana in Italia 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 19 ottobre: 9.338 nuovi casi e 73 morti, ecco la mappa dei nuovi focolai

Today è in caricamento