Martedì, 13 Aprile 2021
Italia

Coronavirus, il bollettino di oggi: 23 morti e 221 nuovi casi (ma pochissimi tamponi)

Tutti gli aggiornamenti sulla emergenza coronavirus in Italia nel bollettino della Protezione Civile aggiornato ad oggi, lunedì 22 giugno 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: le ultime notizie sulla pandemia

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 22 giugno 2020. Come di consueto alle 18:00 conosceremo l'andamento epidemiologico dell'epidemia di coronavirus in Italia con i nuovi casi di contagio, i morti e l'andamento dei ricoveri. 

A oggi, 22 giugno, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 238.720, con un incremento rispetto a ieri di 218 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 20.637, con una decrescita di 335 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 127 sono in cura presso le terapie intensive, con un decremento di 21 pazienti rispetto a ieri. 2.038 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 276 pazienti rispetto a ieri. 18.472 persone, pari al 90% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i morti sono 23 e portano il totale a 34.657.

Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 183.426, con un incremento di 533 persone rispetto a ieri. Nell'ultimo bollettino coronavirus diffuso ieri erano stati segnalati alla protezione civile 24 morti e 224 nuovi casi, in deciso calo rispetto alle 24 ore precedenti. 

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 22 giugno 2020

  • Attualmente positivi: 20.637
  • Deceduti: 34.657 (+23, +0,1%)
  • Dimessi/Guariti: 183.426 (+533, +0,3%) 
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 127 (-21, -14,2%)
  • Tamponi: 5.013.342 (+28.972)
  • Totale casi: 238.720 (+221, +0,1%)*
    la Regione Marche ha effettuato un ricalcolo dei casi totali, aggiungendo tre casi precedentemente non inseriti.

Con 23 decessi il bollettino di oggi segna il numero più basso di vittime da marzo scorso. 127 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, con 21 letti occupati in meno nelle ultime 24 ore. Oggi in sette regioni non si registrano nuovi casi di coronavirus. Sono Basilicata, Valle d'Aosta, Sardegna, Umbria, Sicilia, Friuli Venezia Giulia e Puglia. 

  • Lombardia: 13.638 attualmente positivi, +143 rispetto a ieri
  • Piemonte: 1.970, +7
  • Emilia-Romagna: 1.154, +22
  • Veneto: 585, +2
  • Toscana: 360, + 1
  • Liguria: 250, +8
  • Lazio: 945, +8
  • Marche: 505, +3
  • Campania: 133, +7
  • Puglia: 218, +0
  • Provincia autonoma di Trento: 53, +1
  • Friuli Venezia Giulia: 72, +0 
  • Abruzzo: 394, +1
  • Sicilia: 141, +0
  • Provincia autonoma di Bolzano: 89, +11
  • Umbria: 13, +0
  • Sardegna: 28, +0
  • Valle d’Aosta: 5, +0
  • Calabria: 33, +1
  • Molise: 43, +3
  • Basilicata: 8, +0

Il contagio da coronavirus provincia per provincia (PDF)

bollettino coronavirus oggi 22 giugno 2020-2

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 13.638 in Lombardia, 1.970 in Piemonte, 1.154 in Emilia-Romagna, 585 in Veneto, 360 in Toscana, 250 in Liguria, 945 nel Lazio, 505 nelle Marche, 133 in Campania, 218 in Puglia, 53 nella Provincia autonoma di Trento, 72 in Friuli Venezia Giulia, 394 in Abruzzo, 141 in Sicilia, 89 nella Provincia autonoma di Bolzano, 13 in Umbria, 28 in Sardegna, 5 in Valle d’Aosta, 33 in Calabria, 43 in Molise e 8 in Basilicata.

Coronavirus, i dati regione per regione

In Lombardia i morti dall'inizio dell'emergenza coronavirus sono complessivamente 16.573, con un aumento di 3 nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dai dati odierni diffusi dalla Regione Lombardia. Il totale complessivo dei positivi riscontrati nella Regione dall'inizio della pandemia a oggi è di 93.111, i nuovi casi sono 143 di cui 64 a seguito di test sierologico. Tra i nuovi casi, 83 vengono classificati come "debolmente positivi". Attualmente i positivi sono 13.638 (-205). Calano le persone ricoverate in terapia intensiva: attualmente sono 51, 2 in meno nelle ultime 24 ore. Diminuiscono anche i ricoverati non in terapia intensiva: sono 1.047, -213 rispetto a ieri secondo i dati forniti dalla Regione

In Liguria sono 8 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore, tre i decessi. Gli ospedalizzati ad oggi sono 59, 2 in meno di ieri, di cui 1 ancora in terapia intensiva. I guariti con doppio test consecutivo negativo sono 6789, 66 in più di ieri. 

Nel Lazio sono 8 i nuovi casi di coronavirus a Roma con i sanitari che devono fare i conti ancora con i casi spinosi della clinica San Raffaele Pisana e di un Istituto Religioso, il Teresianum, dove ieri sono stati trovati 4 positivi e oggi altri due: si tratta di un giardiniere e una suora. Sempre nella Asl Roma 1 è stato riscontrato positivo anche un infermiere e, secondo quanto si apprende, è riferito alla coda del focolaio del San Raffaele Pisana che raggiunge così un totale di 119 casi. Ricoverato al Policlinico Umberto I un paziente proveniente da Dacca (Bangladesh) che riferisce di essere stato sintomatico già alla partenza del volo che lo ha portato fino a Fiumicino. A Latina la Asl considera chiusi i cluster di Priverno e della Rsa San Michele.

Sale l'allerta in Emilia Romagna e nello specifico nel Bolognese dove sono stati individuati due nuovi focolai uno riguarda una comunità a Casalecchio, un altro riguarda un'azienda. "I casi positivi di questi giorni sono riconducibili a questi cluster: intensificheremo le indagini per chiudere il prima possibile questi piccoli focolai" . Così l'assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, durante la visita di questa mattina al Policlinico Sant'Orsola. "Bisogna tenere altissima la guardia perché il virus c'è ancora". In tutta la regione si segnalano 4 decessi e 22 nuovi casi positivi.

In Campania tornano a salire i positivi al Covid dove si registrano 6 casi di positività ma nessun nuovo decesso. Predisposto un cordone sanitario a Mondragone dopo l'individuazione di 5 casi di contagio in un'area di caseggiati popolari.

In Calabria preoccupa il focolaio di Palmi dove è stata disposta un'area rossa dopo l'individuazione di 8 casi di contagio. 

In Toscana registrato un nuovo caso di positività al coronavirus (in provincia di Arezzo) mentre i guariti raggiungono quota 8.752. Gli attualmente positivi sono oggi 360, mentre purtroppo si registrano 4 nuovi decessi: 2 uomini e 2 donne, con un'età media di 71,8 anni.  Complessivamente, 333 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (meno 4 rispetto a ieri, meno 1,2%). Sono 2.822 (meno 31 rispetto a ieri, meno 1,1%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl centro 1.218, nord ovest 1.557, sud est 47).

Nelle Marche sono tre i nuovi positivi nelle Marche, tredici i ricoverati, nessuno in terapia intensiva e 5275 i dimessi/guariti dall'inizio dell'emergenza ad oggi su un totale di 6774 positivi. Il numero dei decessi è invariato e fermo a 994.

Zero nuovi positivi e zero decessi in Puglia mentre salgono a 3.769 i pazienti guariti (+4 rispetto a ieri). Sono 218 i casi attualmente positivi (-4), 33 i pazienti covid ricoverati in ospedale. Appena mille i test eseguiti nelle ultime ore.

Meno contagiati, più guariti e nessun decesso in Sicilia. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 192.138 (+4.269 rispetto a venerdì 19 giugno), su 159.796 persone: di queste sono risultate positive 3.072 (+2), mentre attualmente sono ancora contagiate 141 (-9), 2.651 sono guarite (+11) e 280 decedute (0). Degli attuali 141 positivi, 26 pazienti (0) sono ricoverati - di cui 6 in terapia intensiva (+1) - mentre 115 (-9) sono in isolamento domiciliare.

++ Articolo in aggiornamento dalle ore 18:00, clicca qui per aggiornare la pagina ++

curva coronavirus-5-27

Coronavirus, le ultime notizie

Saranno ripristinate domani nella regione della capitale portoghese Lisbona diverse misure di confinamento destinate a frenare la diffusione del coronavirus allo scopo di contenere i focolai di diffusione della malattia. Ad annunciarlo è stato oggi il premier Antonio Costa. Tra queste misure figura il divieto di raduni con la partecipazione di più di 10 persone e la chiusura dei bar e degli esercizi commerciali alle 20.

"Alcuni Paesi che avevano soppresso con successo la pandemia stanno assistendo a una ripresa dei casi mentre riaprono le loro società ed economie". Lo ricorda il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra annunciando come ieri siano stati segnalati all'Oms oltre 183.000 nuovi casi di Covid-19, il più alto numero finora in un solo giorno. "Tutti i Paesi si trovano ad affrontare un delicato equilibrio, tra la protezione della propria popolazione e la riduzione al minimo del danno sociale ed economico".

Sono più di 8,8 milioni di casi segnalati a oggi all'Oms e oltre 465.000 persone hanno perso la vita.

Il coronavirus non aspetta l'inverno: previsioni sbagliate, seconda ondata in Corea

Roma, caso positivo dal Bangladesh: "Era sintomatico già alla partenza"

Coronavirus, focolaio nel Reggino: istituita una nuova zona rossa 

Va a partorire e scopre di avere il coronavirus: zona rossa a Mondragone

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di oggi: 23 morti e 221 nuovi casi (ma pochissimi tamponi)

Today è in caricamento