Giovedì, 3 Dicembre 2020
Italia

Coronavirus, il bollettino di oggi giovedì 22 ottobre: 16.079 nuovi casi e 136 morti, ecco la mappa dei focolai

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi giovedì 22 ottobre 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: aggiornamenti in diretta dalle regioni

L'ultimo bollettino coronavirus di oggi 22 ottobre 2020

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi giovedì 22 ottobre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2 che hanno portato il numero dei pazienti Covid a oltre quota 169mila attualmente positivi, livelli mai raggiunti durante la prima ondata. Oggi si registrano 16.079 nuovi casi di cui 4.125 in Lombardia, 1.550 in Piemonte, 1.541 in Campania, 1.325 in Veneto, 1.251 nel Lazio, 1.145 in Toscana. Degli oltre 169mila attualmente positivi 9.694 sono ricoverati in ospedale, 992 in terapia intensiva.

L'ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri mercoledì 21 ottobre registrava ben 15.199 nuovi casi (record di nuovi positivi) e 127 morti. Erano complessivamente 926 i pazienti ricoverati in terapia intensiva (+56) e 9.057 nei reparti Covid (+603). Quanto alle regioni si registravano 4.125 nuovi casi in Lombardia, 1.799 in Piemonte, 1.760 in Campania, 1.219 nel Lazio. Quanto ai 1.422 casi del Veneto si tratta di un ricalcolo che tiene conto di positivi che non erano stati conteggiati nei giorni scorsi. Tra lunedì e mercoledì questa settimana si registrano 35.411 nuovi casi, il 295% in più di un mese fa a fronte del 49% dei tamponi in più.

Coronavirus, il bollettino di oggi giovedì 22 ottobre 2020​​

  • Nuovi casi: 16.079
  • Casi testati: 104.872
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 170.392
  • Attualmente positivi: 169.302
  • Deceduti: 36.968 (+136, ieri 127)
  • Ricoverati: 9.694 (+637)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 992 (+66)
  • Totale casi positivi: 465.726
  • Dimessi/Guariti: 259.456

Il bollettino coronavirus di oggi giovedì 22 ottobre 2020 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 22 ottobre 2020-4

Quanto alle evidenze regionali oggi si registrano: 

  • Lombardia: 138.729 casi totali (33.518 attualmente positivi) (4.125 nuovi)
  • Piemonte: 49.668 (14.780) (1.550)
  • Emilia-Romagna: 43.477 (11.663) (889)
  • Veneto: 39.590 (12.608) (1.325)
  • Campania: 32.025 (22.561) (1.541)
  • Lazio: 29.621 (18.531) (1.251)
  • Toscana: 26.611 (13.261) (1.145)
  • Liguria: 20.581 (5.066) (690)
  • Sicilia: 14.586 (8.540) (796)
  • Puglia: 12.810 (6.279) (485)
  • Marche: 10.192 (2.624) (321)
  • P.A. Trento: 7.319 (969) (153)
  • Abruzzo: 7.091 (3.376) (306)
  • Friuli Venezia Giulia: 7.075 (2.225) (220)
  • Sardegna: 6.886 (3.993) (243)
  • Umbria: 5.860 (3.270) (407)
  • P.A. Bolzano: 5.549 (2.318) (247)
  • Calabria: 3.286 (1.537) (187)
  • Valle d'Aosta: 2.219 (905) (87)
  • Basilicata: 1.481 (828) (83)
  • Molise: 1.070 (450) (28)

Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde. 

In Lombardia si registrano 4.125 nuovi casi con 35.715 tamponi effettuati, 29 i morti mentre il numero dei ricoverati in terapia intensiva ha raggiunto le 156 unità (+22), 174 i nuovi posti occupati negli ospedali. Con il superamento oggi quota 150 letti occupati in terapia intensiva è stato deciso di riattivare l'ospedale in Fiera a Milano. Negli ospedali dove nel giro di 3 giorni è cambiato completamente il tipo di paziente Covid che si presenta nei pronto soccorso di Milano. "Abbiamo osservato un peggioramento della gravità dei malati che arrivano negli ospedali. E, fra quelli che vengono ricoverati, diversi hanno bisogno di un supporto importante in termini di ossigenoterapia. Per capirci hanno bisogno del casco Cpap, non solo di un po' di ossigeno, perché presentano un'insufficienza respiratoria grave" spiega Andrea Gori, primario di Malattie infettive del Policlinico di Milano. L'epidemia è partita da una popolazione giovanile e abbiamo avuto un 80% di contagi in ambito familiare, ora quello che sta cambiando è per esempio che l'età media dei pazienti sta decisamente salendo e conseguentemente il grado di compromissione che la malattia comporta. Quanto ai numeri dai territori si contano oggi 2.031 nuovi casi nel Milanese e 917 a Milano città. Numeri in aumento rispetto a ieri quando i contagi nell'hinterland erano stati 1.858 e 753 a Milano. In provincia di Bergamo si sono registrati 129 casi, in quella di Brescia: 194, in quella di Sondrio 95, nel Comasco 328, nel Cremonese e nel Lecchese 70, nel Lodigiano 79. A Mantova 83, Monza e Brianza 298. Nel Pavese 167 positivi, nel Varesotto 95. 

In Piemonte spno undici i decessi di persone positive al Coronavirus e 1.550 i nuovi contagi: il 52% dei nuovi contagi è asintomatico. In calo i tamponi, sono 11.565 quelli effettuati nelle ultime 24 ore, aumentano i ricoverati: sono 79 quelli in terapia intensiva (+5), 1.226 non in terapia intensiva (+115). 

In Campania sono 1.541 i nuovi positivi al Sars-Cov-2 in 24 ore su 12.001 tamponi, di cui 88 sintomatici. Si registrano anche 6 decessi (deceduti tra il 20 e il 21 ottobre, ma registrati ieri) e 75 guariti. Per quanto riguarda il report dei posti letto su base regionale: quelli in terapia intensiva complessivi sono 227, di cui 94 occupati mentre per la degenza sono 1100 quelli complessivi e 1.037 gli occupati.

In Veneto si registrano 1325 i casi in più rispetto a ieri. Praticamente invariato il numero delle persone in isolamento domiciliare (13.676), i sintomatici si confermano il 3,32% del totale dei positivi. Cinque i decessi registrati rispetto a ieri, ma rimangono sostanzialmente stabili i ricoveri in terapia intensiva, che sono 66 con 59 pazienti positivi e sette negativizzati, e anche i ricoveri in area non critica, che sono 588 di cui 500 positivi e 88 negativizzati. Vicenza, con +315, è la provincia che ha registrato l'aumento maggiore da ieri. 

Nel Lazio si registrano 1251 nuovi casi e 16 decessi. L'Rt cresce a 1.38. Allo Spallanzani di Roma sono 223 i pazienti positivi al tampone. Quarantuno pazienti necessitano di terapia intensiva. Nella Asl Roma 1 sono 179 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi in pazienti di 92 e 96 anni con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 319 i casi nelle ultime 24, di cui centoquarantasei con link familiare o contatto di un caso già noto e centoventicinque casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano cinque decessi di 71, 74, 80, 84 e 90 anni con patologie - prosegue D'Amato - Nella Asl Roma 3 sono 125 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di ottantotto casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl Roma 4 sono 61 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di quarantaquattro casi con link familiare o contatto di un caso già noto, undici i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Due i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 5 sono 115 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di 53 casi con link familiare o contatto di un caso già noto e tre individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Si registrano due decessi entrambi di 86 anni con patologie. Nella Asl Roma 6 sono 82 i casi nelle ultime 24ore e si tratta di venticinque casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 68, 70 e 85 anni con patologie. Nella Asl di Latina sono 89 i nuovi casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 88 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 199 nuovi casi e si tratta di 184 casi isolati a domicilio e 15 ricoverati. Nella Asl di Viterbo si registrano 69 nuovi casi e si tratta di 34 casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 73, 91 e 97 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 18 nuovi casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto.

In Toscana crescono i contagi: sono 1145 i nuovi casi su 7270 tamponi diagnostici. Otto i decessi 8 tamponi. Aumentano di 6 i posti letto occupati in terapia intensiva, 21 nei reparti Covid. Positivi anche sette ospiti della struttura di accoglienza per migranti della parrocchia di Vicofaro (Pistoia) che ospita 120 persone.

++ sezione aggiornata alle ore 18:34, clicca qui per aggiornare la pagina ++

Qui di seguito le altre regioni.

casi coronavirus oggi da twitter lmtredici-3

In Valle d'Aosta si registrano tre decessi e 905 i casi positivi, in aumento di 74 rispetto a ieri. Di questi 48 sono ricoverati in ospedale, 3 in terapia intensiva, e 854 in isolamento domiciliare. I casi positivi totali da inizio epidemia sono 2.219, i guariti 1.165, i tamponi effettuati 36.671. Lo rileva il bollettino di aggiornamento regionale della Valle D'Aosta. Gli ultimi decessi in Valle D'Aosta si erano verificati il 18 giugno. 

In Liguria sono circa 690 i positivi al covid-19 individuati nell'ultima giornata in Liguria, di cui quasi cinquecento a Genova, su 5.039 tamponi molecolari e circa duemila test antigenici rapidi. La Liguria registra 17 nuovi decessi di età comprese tra i 55 e i 95 anni: 14 negli ospedali di Genova e altri 3 tra Sestri Levante, il San Paolo di Savona e l'ospedale di Sarzana. Sono attualmente 574 (-4) i ricoverati, 34 dei quali in terapia intensiva (ieri erano 31). 

In Alto Adige 247 nuovi casi su 1131 casi testati. Un nuovo ricovero in Terapia Intensiva, 10 i ricoveri.

In Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 220 nuovi contagi (mai così tanti) su 5.510 tamponi eseguiti. Si registra inoltre un decesso da Covid-19: si tratta di una donna nata nel 1942 residente a Trieste, deceduta alla Rsa San Giusto e precedentemente ospite della Casa di riposo Residenza "Le Magnolie". Scendono a 14 i pazienti in cura in terapia intensiva e salgono a 83 i ricoverati in altri reparti. 

In Emilia Romagna sono 889 le nuove diagnosi su 16179 tamponi e 6 i morti. Si registra anche un aumento di 40 posti letto occupati da pazienti covid negli ospedali.  

Nelle Marche rilevati 321 positivi su 1.707 tamponi testati: 122 in provincia di Macerata, 76 in provincia di Ancona, 40 in provincia di Pesaro Urbino, 58 in provincia di Fermo, 23 in provincia di Ascoli Piceno e 2 fuori regione. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (52 casi rilevati), contatti in setting domestico (85), contatti stretti di casi positivi (74), 12 casi registrati nel setting lavorativo, contatti in ambiente di vita/divertimento (8 casi rilevati), 4 rientri dall'estero (Albania e Bangladesh), 6 casi rilevati nel setting assistenziale, contatti in setting scolastico/formativo (15) e 2 casi riscontrati nello screening realizzato in ambito sanitario. Per il diciottesimo giorno consecutivo e' cresciuto il numero di coloro che sono in isolamento volontario nella propria abitazione: 7.296 (+214), tra i quali 1.006 (+73) con i sintomi del 'Covid-19'; gli operatori sanitari in quarantena sono 209 (+17).  Sono complessivamente 129 i posti letto di terapia intensiva disponibili ad oggi nelle Marche, mentre nel picco massimo dell'emergenza ne erano serviti 237. Quelli attivi prima dell'inizio della pandemia erano 115 ai quali se ne sono aggiunti 14 a conclusione della prima ondata, rispetto ai 105 previsti nel decreto legge 34. Ai 129 posti si potranno aggiungere i 42 del Covid Hospital di Civitanova Marche, il presidio nel padiglione della fiera che verra' riaperto solo parzialmente, con 14 posti letto di semi-intensiva. Nei prossimi giorni verranno completati gli allestimenti di altri 10 posti di terapia intensiva a Pesaro (Marche Nord), dove se ne prevedono altri 31 entro fine anno, mentre i primi 10 a Torrette saranno pronti alla fine di novembre ed altri 28 entro 4-6 mesi; sono previsti anche 7 rinforzi a Jesi, 5 a San Benedetto del Tronto e 14 a Fermo. 

Nuovo balzo di casi in Umbria, 407 in un solo giorno su 4.006 test. In aumento anche i ricoverati, 193, 21 in più rispetto a ieri, mentre passano da 20 a 22 i pazienti in terapia intensiva. Segnalati due nuovi morti. Il commissario regionale per l'emergenza segnala "difficoltà di tracciamento" dei nuovi casi e di "prendere in carico volumi così elevati. Significa 8 mila persone che in un giorno dovrebbero essere prese in carico. I servizi sono sotto pressione ma in ogni caso il tracing è impossibile".

In Abruzzo si registrano 306 nuovi casi di cui 145 riferiti a tracciamenti di focolai già noti. Deceduta una 75enne di Pescara. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 3376, 208 pazienti (-4 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva, 16 (+2 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 3152 (+287 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

In Molise 27 nuovi casi su 684 test. Tre nuovi ricoveri.

In Basilicata 99 nuovi casi su 1256 tamponi. Tre i decessi, due della casa di riposo di Brienza e uno della casa di riposo di Marsicovetere, posta sotto sequestro con l'accusa di pandemia colposa. Dei 99 tamponi positivi, 15 riguardano cittadini pugliesi residenti in Puglia e due persone residenti in altre regioni ma in isolamento in Basilicata. Degli 82 lucani positivi, 20 sono a Potenza, 8 a Brienza e riguardano la casa di riposo, 5 ad Avigliano, 3 a Matera e gli altri sparsi a macchia di leopardo in diversi comuni. Sono 52 i ricoverati negli ospedali lucani: al San Carlo di Potenza 17 si trovano nel reparto di malattie infettive, 18 in pneumologia, 3 in medicina d'urgenza e uno in terapia intensiva; a Matera 10 si trovano in malattie infettive e tre in terapia intensiva.  

In Calabria nuovo record di contagi: +187 casi nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 120). I tamponi da ieri sono saliti a a 3.020 per 2.991 soggetti controllati. Il totale da inizio pandemia sale a 246.034 persone sottoposte a test per un totale di tamponi eseguiti di 248.178. I casi attivi sono 1.537 (+157) mentre quelli da inizio pandemia sono 3.286. Stabili i ricoverati in rianimazione (6) mentre quelli in malattie infettive sono 86 (+5) e gli isolati a domicilio 1.443 (+150). I casi confermati oggi sono suddivisi: Cosenza: 82, Catanzaro 28, Vibo Valentia 5, Reggio Calabria 65. Tra i nuovi contagi ci sono 14 anziani ospiti dell'alloggio per anziani "L'incontro" di Casali del Manco (Cosenza), e due operatori della stessa struttura, sono risultati positivi al Covid19. I casi sono stati accertati dopo la positività riscontrata sulla titolare della comunità di Spezzano Piccolo del Comune dichiarato "zona rossa" dalla Regione Calabria.  

In Puglia oggi si registrano 485 nuovi casi su 5651 tamponi. Si registra anche un decesso in provincia di Bari mentre salgono di 8 unità i posti letto occupati in terapia intensiva, e di 10 quelli nei reperti covid. Da lunedì saranno chiuse le scuole per gli alunni degli ultimi 3 anni delle superiori: con una ordinanza del governatore Emiliano è stata disposta la didattica a distanza.  

Sono 796 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia e otto i morti. Salgono così a 8.540 gli attuali positivi e sono 98 le persone dimesse o guarite. Nell'isola sono stati effettuati  7.732 tamponi. 

In Sardegna si registrano 243 nuovi casi, un decesso e 28 nuovi ricoveri in ospedale.

Ecco infine le ultime notizie sulla pandemia raccolte nelle ultime 24 ore

curva coronavirus oggi 22 ottobre 2020-2

Coronavirus, le ultime notizie

Il direttore generale dell'Aifa, Magrini ha oggi fatto il punto sulle cure disponibili contro il Covid-19 specificando che la terapia del plasmaiperimmune "non sappiamo ancora se funziona e in chi". I farmaci per Aids abbiamo visto che non sono da utilizzare, perché troppo pesanti per i pazienti; la clorochina non ha mostrato dati positivi. Invece il cortisone rappresenta oggi uno dei cardini della terapia: uno studio inglese ha mostrato che riduce la mortalità. E l'eparina è diventato altro pilastro del trattamento".

Raddoppiano contagi e decessi, crescono le terapie intensive

Così è saltato l'argine del tracciamento" 

Verso un nuovo lockdown? La stretta nelle regioni: tutte le regole in vigore 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di oggi giovedì 22 ottobre: 16.079 nuovi casi e 136 morti, ecco la mappa dei focolai

Today è in caricamento