Coronavirus, il bollettino di oggi mercoledì 23 settembre: 1640 nuovi casi e 20 morti, la mappa dei nuovi focolai

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi mercoledì 23 settembre 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: aggiornamenti in diretta dalle regioni

L'ultimo bollettino coronavirus di oggi 23 settembre 2020

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi mercoledì 23 settembre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2. Oggi i nuovi contagi salgono a quota 1.640 (+248) ma con un nuovo incremento dei tamponi che superano la soglia dei 100mila. Purtroppo si registrano anche 20 decessi (+6). Gli attualmente contagiati salgono a 46.114 (+625) con 2.658 pazienti ricoverati con sintomi (+54) e 244 in terapia intensiva (+5). Sono in isolamento domiciliare 43.212 pazienti (+566) mentre sono stati dimessi o sono guariti 995 persone. La regione che registra più contagi è la Campania (248), seguita da Lombardia (196) e Lazio (195).

L'ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri martedì 22 settembre registrava 1.392 nuovi casi e 14 morti, 239 i pazienti in stato critico che necessitano del ricovero in terapia intensiva (+7), 2.604 il numero di ricoverati (+129). Numeri preoccupanti se accostati al cambiamento dell'epicentro dell'epidemia che si sposta a Sud: il Lazio è l'unica regione che supera i 200 nuovi casi (+238), seguita dalla Lombardia (+182) e Campania (+156). Sempre nel Lazio il numero dei pazienti in terapia intensiva è triplicato nelle ultime due settimane e i nuovi casi continuano ad aumentare molto più che nel resto del Paese.

Vediamo ora nel dettaglio tutti i dati dell'ultimo bollettino. In coda all'articolo la sezione aggiornata con le ultime notizie in arrivo dalle regioni per far luce sui nuovi focolai di coronavirus e le ultime notizie sull'epidemia di Covid-19 in Italia 

Coronavirus, il bollettino di oggi mercoledì 23 settembre 2020​​

  • Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 
  • Attualmente positivi: 46.114 (+625)

  • Ricoverati: 2.658 (+54)

  • Ricoverati in terapia intensiva: 244 (+5)

  • Tamponi: 103.696

  • Totali casi: 302.537, nuovi casi: 1.640

Il bollettino coronavirus di oggi 23 settembre 2020 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 23 settembre 2020-3

Quanto alle evidenze territoriali si registrano:

  • Lombardia: 105.226 casi totali (9.104 attualmente positivi) (196 nuovi casi)
  • Emilia-Romagna: 34.612 (4.613) (101)
  • Piemonte: 34.575 (2.418) (95)
  • Veneto: 26.154 (3.155) (150)
  • Lazio: 14.975 (6.184) (195)
  • Toscana: 14.060 (3.054) (90)
  • Liguria: 12.769 (1.593) (108)
  • Campania: 10.907 (5.067) (248)
  • Marche: 7.801 (686) (32)
  • Puglia: 7.231 (2.222) (89)
  • Sicilia: 6.234 (2.412) (89)
  • P.A. Trento: 5.783 (560) (22)
  • Friuli Venezia Giulia: 4.461 (710) (57)
  • Abruzzo: 4.249 (760) (22)
  • Sardegna: 3.405 (1.745) (49)
  • P.A. Bolzano: 3.366 (476) (37)
  • Umbria: 2.266 (468) (19)
  • Calabria: 1.887 (505) (19)
  • Valle d'Aosta: 1.284 (58) (2)
  • Basilicata: 669 (192) (17)
  • Molise: 623 (132) (3)

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni

Record giornaliero di casi in Campania dove oggi sono 248 i nuovi casi di coronavirus in Campania a fronte di 4.901 tamponi. Il totale positivi sale a 10.907. Nessun nuovo decesso, mentre i guariti sono 136, e portano il totale dall'inizio della pandemia a 5.383. 

Lazio sorvegliata speciale: da giorni la Regione è in vetta alla triste classifica dei contagi giornalieri. Dopo il record di 238 nuovi positivi registrati ieri, oggi numeri in decrescita con 195 casi su oltre 9 mila tamponi. Di questi 195 nuovi casi, ben 135 sono a Roma. Si registrano purtroppo anche tre decessi. Nell'Asl Roma 1 sono 55 i casi e di questi cinque sono di rientro, tre con link dalla Sardegna, uno dalla Francia e uno dalla Romania. Ventotto sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato. Nella Asl Roma 2 sono 49 i casi e tra questi tre sono i casi con link alla comunità del Peru'. Sei sono i contatti di casi già noti e isolati e dieci individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 31 i casi e si tratta di undici casi di rientro, uno con link dalla Sardegna, due dalla Romania, uno dalla Repubblica Ceca, uno dalla Spagna, due dalla Campania e quattro con link alla comunita' del Peru'. Quattordici sono i contatti di casi gia' noti e isolati. Nella Asl Roma 4 sono 6 i casi e si tratta di contatti di casi gia' noti e isolati. Nella Asl Roma 5 sono 19 i casi e si tratta di due casi individuati in fase di pre-ricovero e quindici sono i contatti di casi gia' noti e isolati. Nella Asl Roma 6 sono 20 i casi e si tratta di diciotto contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Latina sono quattro i casi e si tratta di un caso di rientro dalla Romania e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl di Frosinone si registra un caso. Nella Asl di Rieti si registrano sei casi e si tratta di tre casi con link ad un cluster noto e isolato e un caso di rientro dalla Romania. Nella Asl di Viterbo si registrano quattro casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. A Roma intanto sono 110 i pazienti positivi ricoverati allo Spallanzani, 14 necessitano di terapia intensiva. Scoperto un focolaio al Centro Diurno dedicato ai disabili (Anffas): a quanto apprende l'agenzia di stampa Dire sarebbero nove i positivi rilevati all'interno della struttura, sei utenti e tre operatori. A Fiumicino tocca il picco contagi in crescita tra i residenti nel comune costiero. "I numeri continuano a salire in maniera preoccupante - spiega il sindaco Esterino Montino - e oggi registriamo 30 positivi e 27 persone in sorveglianza attiva". "Non abbiamo mai toccato queste cifre, neanche nel periodo del lock down".

In Emilia-Romagna 101 positivi, di cui 50 asintomatici, su 10.061 tamponi. Oggi risultano in calo i casi attivi: sono 20 in meno, per un totale di 4.613 persone. Diminuiscono anche le persone in isolamento a casa, che sono in tutto 4.406 (20 in meno), ossia il 96% dei casi attivi. Cala anche il numero di pazienti in terapia intensiva, che oggi sono 20, due in meno rispetto a ieri, mentre ci sono due persone in piu' negli altri reparti covid (187 nel complesso). Dei 101 nuovi casi (età media 46 anni), 46 erano già in isolamento al momento del tampone e 69 sono legati a focolai già noti. Sono nove i nuovi contagi collegati a rientri dall'estero, a cui se ne aggiungono due da altre regioni. Oggi si registra inoltre il decesso di un uomo di 98 anni della provincia di Modena. Per quanto riguarda la situazione nei territori, in provincia di Bologna sono 17 i nuovi positivi: due hanno fatto il tampone perche' categoria professionale a rischio, mentre 15 casi sono stati rilevati per presenza di sintomi. A Parma e provincia sono invece 14 i nuovi casi: otto a seguito di attività di contact tracing, tre sono pazienti sintomatici, uno e' un caso di rientro dalla Romania, uno di ritorno dalla Sardegna e un altro è stato diagnosticato grazie ai test pre-ricovero. In provincia di Reggio Emilia, su 12 nuovi casi positivi, sei sono legati a focolai gia' noti, di cui cinque in ambito familiare, tre sono di ritorno dall'estero (due dall'Ucraina e uno dal Marocco), due sono stati individuati in focolai lavorativi e uno e' classificato come sporadico. Per quanto riguarda le altre province, a Piacenza oggi si registrano due nuovi casi (entrambi sintomatici), nove a Modena (tre sintomatici), nove a Imola (quattro sintomatici), nove a Ferrara (tre sintomatici), otto a Ravenna (due sintomatici), sei a Forli' (tre sintomatici), sette a Cesena (quattro sintomatici) e otto a Rimini (tre sintomatici). 

In Valle d'Aosta sono 10 i nuovi casi positivi al Covid in Valle D'Aosta. I casi positivi attuali salgono così a 58, di cui 4 ricoverati in ospedale e 54 in isolamento domiciliare. Da inizio pandemia i casi positivi sono 1284. I guariti sono 1079, i tamponi finora effettuati sono 27.977. Lo comunica il bollettino di aggiornamento trisettimanale della Regione.

In Piemonte 95 nuovi casi, registrato anche un decesso. I nuovi guariti sono invece 35, con altri 399 in via di guarigione. I ricoverati in terapia intensiva sono 8, uno in più rispetto a ieri, 163 quelli non in terapia intensiva, uno in meno rispetto a ieri. Le persone in isolamento domiciliare sono 2.247.

In Veneto sono 107 le persone positive al coronavirus. Nessun decesso nella notte. Continua a gravitare attorno a quota 8 mila il numero delle persone in isolamento domiciliare (8.173).

In Trentino 22 nuovi casi positivi su 2.227 tamponi. Nessun minorenne fra di loro ed un solo contagiato è riferibile alle indagini epidemiologiche avviate a seguito dell'individuazione di una serie di cluster legati alla filiera dell'agroalimentare e della lavorazione di prodotti di consumo. I pazienti in cura sono sempre 13, nessuno è in rianimazione

In Alto Adige accertati 37 nuovi casi positivi su 1.462 tamponi. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 20, mentre uno è ricoverato in terapia intensiva. In isolamento nella struttura di Colle Isarco si trovano attualmente 47 pazienti. Altre 1.733 persone sono in isolamento domiciliare. Fra esse, 59 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta.

In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati rilevati 57 nuovi contagi. Sei pazienti sono in cura in terapia intensiva, mentre 16 sono ricoverati in altri reparti. Non sono stati registrati nuovi decessi (350 in totale). Tra i nuovi casi: sette richiedenti asilo (5 a Gorizia); a Udine alcuni focolai familiari e uno a Sappada con sei positivi; a Trieste tre focolai familiari; a Pordenone due operatori di una Rsa e due focolai nell'area di Meduno e Spilimbergo; nell'isontino un focolaio a San Pier d'Isonzo. I totalmente guariti ammontano a 3.395, i clinicamente guariti sono 6 e le persone in isolamento 688. I deceduti sono 197 a Trieste, 77 a Udine, 69 a Pordenone e 7 a Gorizia. 

In Liguria sono 108 i nuovi positivi su 3766 tamponi. In ospedale sono ricoverate 167 persone, 2 in più di ieri. Di queste, 18 sono in terapia intensiva. Due sono i decessi registrati nelle ultime 24 ore: due donne di 81 e 98 anni, decedute ad Albenga e a Sarzana. Nello spezzino scende il numero dei ricoveri ospedalieri: sono 79, meno 6 rispetto a ieri, tra Sarzana e La Spezia. In terapia intensiva ci sono 8 persone dei 18 ricoverati a livello regionale.

In Toscana sono 90 i nuovi casi di cornavirus: il 70% è risultato asintomatico, il 18% pauci-sintomatico. Delle 90 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero. 1 caso è ricollegabile a rientri da altre regioni italiane (Sardegna). Il 51% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I guariti crescono dell'1% e raggiungono quota 9.853 (70,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 694.204, 7.502 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 3.054, -0,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 121 (2 in più rispetto a ieri), di cui 24 in terapia intensiva (3 in più). Oggi si registra 1 nuovo decesso: un uomo di 80 anni, a Prato. 

Nelle Marche sono 32 i nuovi casi di 'Covid-19' accertati su 829 tamponi (ieri erano 18). I nuovi positivi sono stati individuati 12 in provincia di Pesaro-Urbino, 12 in provincia di Ascoli Piceno, 3 in provincia di Ancona, 2 in provincia di Macerata, 1 in provincia di Fermo e 2 fuori regione; questi casi comprendono 3 rientri da Macedonia, Romania e Afghanistan, 11 contatti in ambito domestico, 4 soggetti sintomatici, 6 contatti stretti di casi positivi, 3 casi riscontrati dallo screening realizzato nel percorso sanitario, un caso rilevato dallo screening effettuato in ambiente lavorativo, un caso registrato in contesto assistenziale, un caso da fuori regione e 2 casi in fase di verifica. Quattro il numero dei ricoveri in Terapia intensiva mentre in tutto i degenti passano da 27 a 28. Oltre ai quattro in Intensiva, ci sono: un paziente in Clinica pediatrica ad Ancona, 14 persone assistite nel reparto di Malattie infettive ad Ancona (+1), quattro a Marche Nord (-1) e cinque a Fermo. Nel consueto bollettino giornaliero il Gores annota l'aumento di positivi in isolamento domiciliare (da 633 a 659; +26) e di persone isolate in casa per meri contatti con contagiati (da 2.324 a 2.442; +118; 229 hanno sintomi, 61 sono operatori sanitari. Cresce anche il numero di guariti da 6.120 a 6.125).

In Abruzzo sono 22 i nuovi casi su 1848 tamponi mentre si registrano anche due nuovi decessi, un 60enne e un 70enne della provincia di Chieti, che portano il totale delle morti a 477. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 760 (+18 rispetto a ieri). Del totale dei casi positivi, 600 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+4 rispetto a ieri), 1007 in provincia di Chieti (+9), 1820 in provincia di Pescara (+9), 787 in provincia di Teramo (+4), 33 fuori regione (+2) e 2 (-4) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. In terapia intensiva si conta oggi un paziente in meno (4 il totale), mentre i ricoverati in ospedale sono 55 (+1); in isolamento domiciliare si trovano 701 persone (+18 rispetto a ieri).  

In Puglia sono 89 i nuovi casi su 4014 tamponi: ventinove dei nuovi casi sono stati rilevati in provincia di Bari, 2 nell'area brindisina, 11 nella Bat, 35 in provincia di Foggia, 2 in Salento, 6 in provincia di Taranto e 4 sono residenti fuori regione. Segnalati anche due decessi: uno in provincia di Bari e uno nel tarantino. I positivi accertati sono 2222. Restano chiuse tre scuole a Barletta (in Puglia l'anno scolastico inizia domani) perché alcuni docenti sono risultati positivi al Coronavirus. Si tratta delle scuole primarie "San Domenico Savio" e "Gianni Rodari" e della secondaria di primo grado "Rita Levi Montalcini". I docenti erano stati sottoposti al test ed erano risultati positivi, il tampone ha poi confermato i contagi.  

In Basilicata sono 17 i nuovi casi di coronavirus su 569 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19. Nella stessa giornata sono state registrate le guarigioni di una persona residente a Lauria (Potenza) e di una persona di nazionalità estera e proveniente da Stato estero in isolamento in Basilicata. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 120 e di questi 109 si trovano in isolamento domiciliare. Sono 13 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane.

In Calabria registrati 19 contagi su 1.893 tamponi effettuati. Tre pazienti risultano ricoverati in terapia intensiva a Cosenza, uno a Catanzaro. Dall'inizio dell'emergenza le persone controllate sono state 187.925, le persone risultate negative sono 186.038. I decessi in tutta la regione sono 98 le guarigioni sono 1.284.  

In Sicilia sono 89 i nuovi casi di coronavirus e si registrano tre nuovi decessi. La Regione Siciliana precisa che nove degli 89 nuovi positivi sono ospiti della Missione Speranza e Carita' di Biagio Conte, a Palermo, mentre un decimo contagiato risulta tra i migranti ospiti dell'hotspot di Lampedusa. Con 64 tra dimessi e guariti, il saldo finale degli attuali contagiati sull'isola e' di 2.412, di cui 230 ricoverati in ospedale e 16 in terapia intensiva. Tra ieri e oggi nelle nove province siciliane sono stati processati 6.039 tamponi. A Misilmeri, in provincia di Palermo, dopo gli ultimi sei casi di coronavirus chiuse scuole, sale giochi, sale scommesse palestre, impianti sportivi e scuole di ballo, divieto di accesso ai parchi gioco comunali, interdette le manifestazioni pubbliche di carattere culturale, convegnistico e artistico.

In Sardegna registrati 49 i nuovi casi di positività. Il dato porta a 3.405 i contagi complessivamente accertati dall'inizio dell'emergenza. i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Si registrano anche due nuovi decessi, una donna di 62 anni, ricoverata a Nuoro e residente nel sassarese, deceduta il 21 settembre ma inserita solo oggi nel report, e un uomo di 79 anni, ricoverato a Cagliari e residente nel sud Sardegna, morto questa mattina. Le vittime sono in tutto 145. In totale sono stati eseguiti 175.829 tamponi, con un incremento di 2.169 test rispetto all'ultimo aggiornamento. Sono invece 100 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale (+4), mentre resta invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva (21). Le persone in isolamento domiciliare sono 1.624. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.508 (+25) pazienti guariti, più altri 7 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 3.405 positivi complessivamente accertati, 550 (+14) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 336 (+3) nel sud Sardegna, 242 (+4) a Oristano, 374 (+14) a Nuoro, 1.903 (+14) a Sassari.

++ sezione aggiornata alle ore 17:56, clicca qui per aggiornare la pagina ++

Ecco infine le ultime notizie sulla pandemia raccolte nelle ultime 24 ore

Coronavirus, le ultime notizie

Se in Italia il ministro della Salute Roberto Speranza si dice fiducioso nel contenimento dell'epidemia anche grazie alla capacità di produrre 30 milioni di mascherine al giorno, nuove misure anti-Covid sono state prese in Francia, in particolare in diverse metropoli tra le quali Parigi, dove il nuovo coronavirus 'corre' in maniera impressionante. Il ministro della Salute francese, Olivier Ve'ran, presenterà una nuova mappatura dell'epidemia, che inserirà le varie città nella categoria "super-rosso" o "scarlatto" con una serie di nuove restrizioni sanitarie tra cui una sorta di coprifuoco a partire dalle ore 20:00.

Nel Regno Unito sono stati riportati  6.178 nuovi casi, il più alto incremento dall'1 maggio scorso. Stabile invece - alla vigilia dell'entrata in vigore delle nuove restrizioni annunciate ieri da Boris Johnson - la conta dei morti (37 nelle ultime 24 ore come ieri), nonché il totale dei ricoveri nazionali in terapia intensiva, fermo a 181. Circa 220.000, infine, i test quotidiani eseguit

Potrebbe arrivare a cavallo tra ottobre e novembre il prossimo picco della pandemia in Italia e più in generale in Europa. Due ricercatori italiani, Giacomo Cacciapaglia che lavora all'Institut de Physique des 2 Infinis, Villeurbanne, Francia e Francesco Sannino, Università della Danimarca meridionale, Odense, Danimarca, hanno elaborato un modello matematico per cercare di capire, sulla base dei dati rilevati, come potrebbe evolvere la pandemia. I risultati sono stati pubblicati su Nature Scientific Reports.

I risultati suggeriscono che una seconda ondata in Europa è possibile tra luglio 2020 e gennaio 2021 e che la tempistica precisa dei picchi dei tassi di infezione per ogni paese potrebbe essere controllata attraverso il distanziamento sociale, il controllo dei focolai locali e le misure di controllo delle frontiere. Utilizzando i dati della prima ondata, ma consentendo una variazione del 15% nei tassi di infezione, Giacomo Cacciapaglia e colleghi hanno dimostrato che la tempistica dei picchi della seconda ondata è fortemente dipendente dai tassi di infezione, con picchi più rapidi previsti per i paesi con tassi di infezione più elevati. Le misure di allontanamento sociale e il comportamento individuale responsabile, se implementati precocemente, possono avere un forte effetto sul momento in cui si verificano i picchi.

seconda ondata coronavirus quando-2

Tenendo conto della situazione attuale in Europa, dove dieci paesi - Belgio, Bosnia, Croazia, Repubblica Ceca, Grecia, Paesi Bassi, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Spagna - hanno mostrato l'inizio di una seconda ondata all'inizio di agosto, gli autori hanno modellato le dinamiche temporali di una seconda ondata per tutti i paesi in Europa e ha creato una simulazione video di quando è probabile che una seconda ondata raggiunga il picco in ciascun paese. I risultati mostrano che è probabile che si verifichino picchi tra luglio 2020 e gennaio 2021, mentre in Italia il possibile picco è stimato a cavallo tra ottobre e novembre, ma i tempi precisi per ciascun paese potrebbero essere potenzialmente controllati tramite il controllo delle frontiere e le misure di allontanamento sociale, nonchè il controllo dei focolai locali.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I 241 morti in un giorno spaventano la Spagna 

Il bluff del test che in tre minuti ti dice se sei positivo al coronavirus

Record di casi nel Lazio, l'allarme per le scuole e il rischio di nuove zone rosse

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di giovedì 22 ottobre: numeri vincenti e quote

  • Lele Mora senza filtri: "Alberto Matano e il suo amico speciale. Garko? Fui io a fargli vincere concorsi, poi lo portai da Tarallo"

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

  • Selvaggia Lucarelli choc: "Sono stata male 5 anni per un uomo, ho perso tutti i capelli. Misi in pericolo la mia vita"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento