Giovedì, 24 Giugno 2021
Le ultime notizie sulla pandemia

Coronavirus, il bollettino di oggi 30 novembre: 672 morti e 16.377 nuovi contagi

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi lunedì 30 novembre 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: aggiornamenti in diretta dalle regioni

Il bollettino coronavirus di oggi 30 novembre 2020

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi lunedì 30 novembre 2020 conferma il rallentamento della seconda ondata con più guariti che nuovi casi. Sono infatti 23.004 le persone che hanno superato l'infezione rispetto alle 16.377 persone che sono risultate positive al Covid test sui 64.252 sottoposti ad indagine diagnostica. In Itlaia si registrano oltre 7mila malati di Covid-19 in meno. Dopo che ieri erano ulteriormente calati i ricoveri anche in area critica, oggi si registra una minore occupazione di 9 posti in terapia intensiva ma una crescita di 308 ricoveri nei normali reparti. Purtroppo anche oggi si registrano oltre 600 decessi: i decessi causati dalla Covid nel mese di novembre (16.958 morti) hanno superato quelli del peggior mese della prima ondata, aprile (15.539 morti).

L'ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri domenica 29 novembre registrava 20.648 nuovi contagiati e 541 morti. In calo ricoveri (-420) e terapie intensive (-9). Il virus rallenta davvero.

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 30 novembre 2020??

I contagi di oggi sono i più bassi dal 22 ottobre (anche se non facevano cosi pochi tamponi dal 26 ottobre).

  • Nuovi casi: 16.377
  • Casi testati: 64.252
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 130.524
  • Attualmente positivi: 788.471
  • Ricoverati: 33.187, +308 rispetto a ieri
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 3.744, -9 rispetto a ieri
  • Totale casi positivi: 1.601.554
  • Deceduti: 55.576, 672 morti registrati nelle 24 ore
  • Totale Dimessi/Guariti: 757.507, +23.004 nelle 24 ore

articolo aggiornato alle ore 18:40 clicca qui per aggiornare la pagina 

Il bollettino coronavirus di oggi 30 novembre 2020

bollettino coronavirus oggi 30 novembre 2020-4-2

Quanto ai dati delle singole regioni oggi si registrano:

  • Lombardia: 407.791 casi totali (125.408 attualmente positivi) (1.929 nuovi)
  • Piemonte: 167.516 (74.943) (1.185)
  • Campania: 155.319 (104.527) (1.626)
  • Veneto: 145.592 (80.665) (2.003)
  • Emilia-Romagna: 123.073 (71.734) (2.041)
  • Lazio: 119.780 (90.201) (1.589)
  • Toscana: 103.441 (42.026) (893)
  • Sicilia: 63.686 (40.624) (1.138)
  • Puglia: 54.320 (38.772) (1.102)
  • Liguria: 51.684 (12.216) (236)
  • Friuli Venezia Giulia: 30.650 (14.515) (575)
  • Marche: 29.806 (17.916) (252)
  • Abruzzo: 28.024 (18.192) (556)
  • Umbria: 23.808 (8.235) (68)
  • P.A. Bolzano: 23.777 (11.322) (183)
  • Sardegna: 21.475 (13.528) (329)
  • Calabria: 16.714 (10.970) (270)
  • P.A. Trento: 15.733 (2.448) (176)
  • Basilicata: 8.142 (6.192) (92)
  • Valle d'Aosta: 6.510 (1.317) (47)
  • Molise: 4.713 (2.720) (87)

Quanto alle province più colpite singolare il dato di Roma che registra una contrazione dei positivi (-83). Buoni dati anche da Milano che scende sotto alla soglia dei mille nuovi casi (940) così come Napoli (922) e Torino (579).

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde.

Le zone rosse:

  • Valle d'Aosta: 47 nuovi casi su 231 testati. 4 i decessi. I ricoverati sono 135, di cui 11 in terapia intensiva. 
  • Alto Adige: 183 nuovi casi su 351 testati. Un decesso. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri +5 
  • Toscana: 893 nuovi casi su 3.742 testati. 40 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti stabili, ricoveri -6. 40.164 le persone in isolamento a casa.
  • Campania: 1.626 nuovi casi su14.286 tamponi. 42 i decessi di cui 24 registrati ma antecedenti. Sono 1.843 i nuovi guariti: oggi più guariti che nuovi casi. Saldo ospedalizzati: ti -1, ricoveri -24.
  • Abruzzo: 556  nuovi casi su 4184 tamponi. 7 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri +55

Di seguito le altre regioni

il plateau della seconda ondata-2

Nella immagine il "plateau" della seconda ondata

Le zone arancioni

  • Piemonte: 1.185 nuovi casi su 12.290 tamponi. 85 i decessi. Saldo ospedalizzati: ti +3, ricoveri +3.
  • Lombardia: 1.929 nuovi casi su 16.987 tamponi. 208 i morti. Saldo ospedalizzati: Ti  -1, ricoveri +33. Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 8.339 persone affette da SarsCov2 (32 in più rispetto a ieri). 
  • Friuli Venezia Giulia: 575 nuovi casi su 6980 tamponi. 21 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -2, ricoveri +13.
  • Emilia Romagna: 2.041 nuovi casi su 10.992 tamponi. 39 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +4, ricoveri +87.
  • Marche: 252 nuovi casi su 955 testati. Saldo ospedalizzati: Ti +2, ricoveri +12.
  • Umbria: 68 nuovi casi su 480 tamponi. 13 i decessi. Saldo ospedalizzati: ti =, ricoveri +12.
  • Puglia: 1101 nuovi casi su 4.151 testati. 30 i decessi. Saldo ospedalizzati: +14 ricoverati
  • Basilicata: 94 nuovi casi su 673 tamponi. 8 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3, ricoveri +11. Sono 282 i tamponi risultati positivi al Covid in Basilicata sui 2.119 processati tra sabato 28 e domenica 29 novembre. Nelle stesse giornate sono anche morte 11 persone e 134 sono guarite. 
  • Calabria: 270 nuovi casi. 14 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri +5.

Restano zone gialle:

  • Liguria: 236 nuovi casi su 2101 tamponi. 7 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +2, ricoveri +27
  • Trentino: 176 nuovi casi. 13 i decessi. I pazienti ricoverati nei reparti Covid degli ospedali sono 459, 44 dei quali in terapia intensiva 
  • Veneto: 2003 nuovi casi su 8985 tamponi. 34 i decessi. Saldo ospedalizzati: t.i +9, ricoveri +18. Zaia: "Il Veneto è entrato nella fase di stabilità della curva dei contagi e dei ricoveri, ma ha l'indice Rt tra i più alti d'Italia"
  • Lazio: 1.589 nuovi casi. 39 i decessi. Si tratta del dato più basso del mese di novembre mentre per la prima volta Roma scende al di sotto dei mille casi (947). 90.201 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 3.384 ricoverati, a cui si aggiungono 350 pazienti in terapia intensiva e 86.467 in isolamento domiciliare.  
  • Molise: 87 nuovi casi su 762 testati. Un decesso. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri +1.
  • Sicilia: 1.138 nuovi casi su 8.602 tamponi. 49 i decessi. Saldo ospedalizzati: ti -15, ricoveri +25.
  • Sardegna: 329 nuovi casi su 2.530 test. 8 i decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +1, ricoveri +26

Coronavirus, le ultime notizie

Tra sette giorni mezza Italia sarà in zona gialla. E a Natale praticamente tutto il paese si troverà con le restrizioni più leggere. Il pronostico prevede che in base al report dell'Istituto Superiore di Sanità che viene pubblicato ogni venerdì, domenica prossima in "giallo" arriveranno Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria. 

italia mappa zone covid-2

Tuttavia nel nuovo Dpcm del 3 dicembre ci saranno nuove regole stabilite dal governo per limitare i contagi in occasione delle festività di Natale. Il ministro della Salute Roberto Speranza illustrerà il provvedimento in Parlamento mercoledì 2 dicembre. Gli ultimi nodi dovrebbero essere sciolti tra oggi - quando è in programma un incontro con le regioni e i comuni - e domani durante l'ultimo colloquio con i capigruppo di maggioranza. Sui ricongiungimenti tra figli e genitori "c'è un confronto che andrà avanti, ma qui si tratta di dare priorità assoluta alla difesa delle reti sanitarie.

posti letto ospedale-2

Praticamente tutte le Regioni sono oltre la soglia critica per le terapie intensive.

Intanto dalla Cina, dove la circolazione del Covid-19 è stata contenuta - sono non più di 10-20 i casi di contagio al giorno quasi tutti in arrivo dall’estero - giunge l'accusa che il coronavirus non sarebbe partito da pipistrelli tenuti in gabbia nel famigerato mercato alimentare di Wuhan, dove i primi casi di polmonite anomala furono scoperti esattamente un anno fa, ma sarebbe arrivato con le derrate alimentari surgelate importate dall’estero e il mercato di Wuhan sarebbe stato solo un amplificatore del contagio. Per Mike Ryan dell’Oms una narrazione altamente speculativa e ipotetica. Anche perché gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità non hanno ancora potuto visitare il famoso e famigerato mercato alimentare di Wuhan.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di oggi 30 novembre: 672 morti e 16.377 nuovi contagi

Today è in caricamento