Giovedì, 28 Gennaio 2021
Italia

Coronavirus, il bollettino di martedì 6 ottobre: 2.677 nuovi casi e 28 morti, ecco la mappa dei nuovi focolai

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi martedì 6 ottobre 2020. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri in terapia intensiva: aggiornamenti in diretta dalle regioni

L'ultimo bollettino coronavirus di oggi 6 ottobre 2020

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi martedì 6 ottobre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2 che hanno portato il numero dei pazienti Covid oltre quota 60mila sui livelli di inizio maggio, ma allora l'onda era in diminuzione. In particolare oggi si contano ben 2.677 su 99.742 tamponi. Balzo dei ricoverati, 138 nuovi posti occupati in un solo giorno. Purtroppo aumenta il computo dei decessi, che oggi segna 28 nuovi morti di pazienti Covid. La regione con più casi è ancora la Campania (395), seguita da Lombardia (350), Lazio (275) e Piemonte (259). Nessuna regione a zero

L'ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri lunedì 5 ottobre ha mostrato il superamento di quota 36mila decessi mentre si registra un nuovo balzo delle terapie intensive. Calano i nuovi casi, 2.257, ma a fronte di un basso numero di tamponi, appena 60mila. Sempre in testa alle regioni con più casi la Campania (+431), seguita da Lombardia (+251), Lazio (+248) e Veneto (+230). 

Da ieri è stato riattivato il Comitato operativo della Protezione Civile: nessun cambiamento per il bollettino, i dati giornalieri saranno pubblicati tra le ore 17:00 e 18:00.

Vediamo ora nel dettaglio tutti i dati dell'ultimo bollettino. In coda all'articolo la sezione aggiornata con le ultime notizie in arrivo dalle regioni per far luce sui nuovi focolai di coronavirus e le ultime notizie sull'epidemia di Covid-19 in Italia 

Coronavirus, il bollettino di oggi martedì 6 ottobre 2020??

  • Attualmente positivi: 60.134 (+1231)
  • Deceduti: 36.030 (+28)
  • Dimessi/Guariti: 234.099
  • Ricoverati: 3.625 (+138)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 319 (-4)
  • Tamponi:  99.742
  • Totale casi: 330.263 (+2.677)
  • Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 

Il bollettino coronavirus di oggi 6 ottobre 2020 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 6 ottobre 2020-4

Quanto alle regioni oggi si registrano:

  • Lombardia: 108.666 casi totali (9.509 attualmente positivi) (350 nuovi casi)
  • Piemonte: 36.571 (3.582) (259)
  • Emilia-Romagna: 36.261 (5.154) (172)
  • Veneto: 29.043 (4.526) (189)
  • Lazio: 18.032 (8.290) (275)
  • Toscana: 15.973 (4.199) (209)
  • Campania: 15.163 (7.977) (395)
  • Liguria: 14.146 (1.925) (170)
  • Puglia: 8.423 (2.991) (106)
  • Marche: 8.200 (982) (35)
  • Sicilia: 8.007 (3.448) (198)
  • P.A. Trento: 6.264 (663) (40)
  • Friuli Venezia Giulia: 4.962 (908) (51)
  • Abruzzo: 4.655 (1.058) (48)
  • Sardegna: 4.380 (2.325) (63)
  • P.A. Bolzano: 3.679 (630) (17)
  • Umbria: 2.757 (748) (62)
  • Calabria: 2.109 (585) (23)
  • Valle d'Aosta: 1.351 (93) (5)
  • Basilicata: 938 (403) (4)
  • Molise: 683 (138) (6)

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni

In Campania sono 395 i nuovi positivi su 5.064 tamponi effettuati. Si registrano anche 2 decessi e 125 guariti. È allarme ospedali: sono occupati 47 dei 92 posti di terapia intensiva disponibili. 460 i posti letto di degenza disponibili su 555 disponibili. Entro le prossime 48 ore prevista l'attivazione di 600 posti letto di degenza, 200 di sub-intensiva e 200 di terapia intensiva. Da ieri è in vigore l'ordinanza del governatore De Luca che impone il coprifuoco per contrastare gli episodi di movida che possano generare eventuali focolai.

Sono 350 i nuovi positivi al Covid in Lombardia con 16.020 tamponi effettuati, per una percentuale pari al 2,1%. I guariti e dimessi sono 373, mentre scendono di 1 i ricoveri in intensiva e salgono di 15 quelli in altri reparti. Zero i decessi in Regione. I nuovi casi sono 153 a Milano, di cui 81 in città; 35 a Varese, 34 a Monza e in Brianza, 19 a Brescia, 17 a Como, 15 a Mantova, 12 a Pavia, 9 a Lecco, 8 a Sondrio, 2 a Lodi. 

In Veneto si registrano oggi 189 i nuovi casi di coronavirus . Cinque i decessi conteggiati dal pomeriggio di ieri. Diecimila gli isolamenti domiciliari. Degli isolati, 2.877 sono positivi e di essi 190 sono sintomatici. Gli attuali positivi al Coronavirus sono 4.526, 125 in più rispetto a ieri. Sale il numero di ricoverati nei reparti non critici degli ospedali, che sono 275 (+20), di cui 208 (+26) sono positivi. Diminuisce invece la pressione sulle terapie intensive, con 26 ricoverati (-3) di cui 15 (-5) sono positivi.

Boom di casi in Toscana dove oggi si contano 209 nuovi casi su 6.965 tamponi (125 identificati in corso di tracciamento e 84 da attività di screening). L'età media dei 209 casi odierni è di 42 anni circa e il 57% è risultato asintomatico, il 46% è un contatto collegato a un precedente caso. Gli attualmente positivi sono oggi 4.199, 145 i ricoverati (+1), di cui 28 in terapia intensiva (-4). Oggi non si registrano nuovi decessi. 

Nel Lazio su quasi 11 mila tamponi si registrano 275 casi - di questi 128 a Roma - 4 i decessi e 133 i guariti. Preoccupa la situazione del territorio della Asl di Latina dove sono quarantanove i casi e di questi quaranta sono casi con link familiare o contatto di caso gia' noto e un caso di rientro dalla Puglia. Nella Asl Roma 1 sono 56 i casi e si tratta di diciotto casi domiciliari o sono casi con link familiare o contatto di un caso gia' noto sedici sono casi con link a cluster noti dove è in corso l'indagine epidemiologica. Si registrano due decessi di 64 e 78 anni tutti con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 45 i casi e si tratta di un caso di rientro dal Bangladesh, quattordici i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale e dieci i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 3 sono 27 i casi e si tratta di sedici contatti di casi gia' noti e isolati e un caso di rientro dalla Lombardia. Nella Asl Roma 4 sono 11 i casi e si tratta di contatti di casi gia' noti e isolati. Nella Asl Roma 5 sono 37 i casi e si tratta di venticinque contatti di casi già noti e isolati. Sette i casi con link ad un battesimo dove e' in corso l'indagine epidemiologica. Nella Asl Roma 6 sono 39 i casi e si tratta di diciassette contatti di casi gia' noti e isolati, due casi di rientro dall'Albania, due dalla Romania, due da Malta e uno dalla Polonia. Un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl di Frosinone si registrano due casi e si tratta di casi isolati a domicilio. Si registra un decesso di anni 71 con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano otto casi e si tratta di quattro contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti si registra un nuovo caso ed e' un contatto di un caso già noto e isolato. Si registra un decesso di 91 anni.

++ sezione aggiornata alle ore 18:14, clicca qui per aggiornare la pagina ++

Qui di seguito le altre regioni.

In Piemonte sono 259, di cui 185 asintomatici, i nuovi contagi da Covid-19. Due i decessi. I ricoverati in terapia intensiva sono 15, non in terapia intensiva 293 (+20 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 3.274. Preoccupa il focolaio in una casa di riposo, la  'Vittorio e Cesare Alzona' di Villanova Monferrato (Alessandria) dove sono positivi 39 ospiti. Lo scorso 29 settembre, quando è stata resa nota l'esistenza del focolaio all'interno della struttura, erano 27 su 46 ospiti. Due persone sono ricoverate in ospedale a scopo precauzionale, mentre gli altri soggetti sono in discrete condizioni di salute all'interno della struttura. 

In Liguria si contanto 168 nuovi positivi: 12 in tutto l'imperiese, solo sette in provincia di Savona, nella Asl 3 genovese, in particolare nel centro storico di Genova, sono 138, tre nell'intero Tigullio e 18 in tutta la provincia di Spezia. 

In Trentino sono 40 i nuovi casi su 1.153 tamponi, quaranta sono i soggetti risultati positivi al tampone molecolare, cinque dei quali tra i 6 ed i 15 anni, ed altri cinque di età superiore ai 70 anni. Il totale delle persone risultate positive al coronavirus in provincia di Trento sale a 6.264. Salito in modo significativo anche il numero dei ricoveri, 22 (ieri erano 14) ma nessuno necessita delle cure della rianimazione. Sul fronte scolastico sono 31 (cinque in più rispetto a ieri) le classi per cui è stata disposta la quarantena.

In Alto Adige trovati 17 positivi su 1.002 tamponi. Resta stabile il numero dei pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri che sono 21, mentre nessuno è in terapia intensiva. I pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco sono 34. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.808, delle quali 34 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. 

In Emilia Romagna si sono registrati 172 nuovi casi di positività al Covid, di cui 81 asintomatici, e tre decessi nelle ultime 24 ore. Eseguiti 11.386 tamponi a cui si aggiungono anche 1.962 test sierologici.  Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Bologna (46), Parma (29), Rimini (25), Reggio Emilia (25), Modena (14), Piacenza (14) e a Forli' (11). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.929 (+107), il 96% dei casi attivi. I pazienti in terapia intensiva sono 13 (+2 rispetto a ieri), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 212 (-1).

Nelle Marche prosegue il trend di crescita del contagio: 35 i nuovi positivi su 905 tamponi: 10 in provincia di Macerata, 7 in provincia di Ascoli Piceno, 8 in provincia di Ancona, 4 in provincia di Fermo, 2 in provincia di Pesaro-Urbino e 4 relativi a persone non residenti nelle Marche; questi casi comprendono 8 soggetti sintomatici, 10 contatti in ambito domestico, 10 contatti stretti di casi positivi, 3 rientri da Romania e Tunisia, 2 casi riscontrati dallo screening realizzato in ambito scolastico e altri 2 casi in fase di verifica. Il totale dei casi finora accertati nelle Marche dall'inizio della pandemia sale cosi' a 8.200. Sempre ieri, sono stati effettuati anche 657 tamponi nel percorso guariti. Sostanzialmente stabile nelle ultime 24ore il quadro dei ricoveri per coronavirus nelle Marche: sono passati da 34 a 35 con un degente in più in Malattie infettive a Fermo (da 13 a 14). Restano sei i pazienti in Terapia intensiva (due ad Ancona, tre a San Benedetto del Tronto e uno a Marche Nord). Quanto ai ricoverati in reparti non intensivi, fa sapere ancora il Servizio salute della Regione, 11 sono ad Ancona (10 in Malattie infettive, una in Ostetricia e Ginecologia), 4 a Marche Nord e 14 a Fermo). Crescono in maniera sensibile invece sia il numero dei positivi in isolamento domiciliare (da 920 a 982) e sia quello degli isolati in casa per meri contatti con contagiati (da 2.767 a 3.159; 346 presentano sintomi, 98 sono operatori sanitari. Trend in crescita anche per i guariti (da 6.219 a 6.226) 

In Umbria sono stati individuati altri 62 nuovi positivi a fronte di 2.582 tamponi eseguiti. Crescono ancora i ricoverati in ospedale, da 47 a 50, cinque dei quali (stabili) in intensiva. Rilevati altri 20 guariti, 1.918, mentre non vengono segnalate altre vittime, 86 totali. Gli attualmente positivi passano quindi da 711 a 753.

In Abruzzo non accenna a diminuire la crescita dei nuovi casi: sono 48 i nuovi positivi su 1.548 tamponi eseguiti. Non va meglio sul fronte decessi: due quelli di oggi (un 62enne della provincia dell'Aquila e una 97enne della provincia di Pescara). Gli attualmente positivi sono 1058 (+41 rispetto a ieri). Sul fronte ricoveri il numero continua a salire: in ospedale si trovano in 81 (+9). Un paziente in meno, invece, in terapia intensiva dove restano in 6; sono 971 (+33) le persone in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 676 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+5 rispetto a ieri), 1106 in provincia di Chieti (+14), 1964 in provincia di Pescara (+17), 864 in provincia di Teramo (+11), 37 fuori regione (invariato) e 8 (+1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

In Puglia maxi focolaio in una scuola di Taranto dove 18 studenti dell'istituto superiore Principessa Maria Pia sono risultati positivi al Coronavirus. Diciassette (compreso un caso registrato nei giorni scorsi) sono della stessa classe e uno di un'altra sezione. 

Maxi focolaio in una scuola: "Le mascherine non bastano, per gli alunni ci vogliono le visiere anti-droplets"

In calo il numero di nuovi positivi al Covid -19 in Basilicata. Ieri sono stati processati 1.024 tamponi, di cui 4 sono risultati positivi. Lo fa sapere la task force regionale. Nella stessa giornata sono guarite 4 persone. I lucani attualmente positivi sono 317, di cui 288 in isolamento domiciliare. Sono 32, invece, i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane. 

La Regione Calabria segnala che dei 23 positivi di oggi 23 sono migranti.

La Regione Sicilia segnala che dei 198 nuovi positivi, si rilevano n.2 migranti

In Sardegna si registrano 63 nuovi casi su 2.319 test e il decesso di una donna residente nella provincia di Sassari, ricoverata in terapia intensiva. Sono invece 125 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+9 rispetto al dato di ieri), mentre resta invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva, 19. Le persone in isolamento domiciliare sono 2.181. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.865 (+48) pazienti guariti, piu' altri 33 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 4.380 casi positivi complessivamente accertati, 669 (+19) sono stati rilevati nella Citta' Metropolitana di Cagliari, 485 (+6) nel Sud Sardegna, 342 (+7) a Oristano, 666 (+18) a Nuoro, 2.218 (+13) a Sassari. 

--

Ecco infine le ultime notizie sulla pandemia raccolte nelle ultime 24 ore

Coronavirus, le ultime notizie

"In questo momento in Italia ci sono 58.900 persone che hanno riscontrato e registrato la positività al Coronavirus; il 6 agosto, quindi esattamente due mesi fa, le persone positive al Coronavirus erano 12.600. Quindi in due mesi c'è un significativo salto in avanti che non possiamo far finta di non vedere". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, riferendo questa mattina alla Camera sul contenuto dei provvedimenti di attuazione delle misure di contenimento del Covid-19.  

"Diventa decisivo insistere sull'utilizzo delle mascherine in tutte le occasioni in cui si incontrano persone non conviventi".

"I dati nelle ultime settimane - spiega il ministro - segnalano che il più alto livello di diffusione del contagio è fra le relazioni più strette, personali, familiari, amicali. Il messaggio deve essere quindi molto chiaro, molto netto: in ogni occasione in cui si può incrociare una persona con cui non si convive, è fondamentale l'uso della mascherina. È la prima arma che abbiamo per contrastare il virus", rimarca.

L'errore da non ripetere nella seconda ondata

Coronavirus e trasmissione per via aerea: "Il contagio può avvenire a più di 1,8 metri"

"Ci siamo giocati male l'estate, salviamo il Natale" ma andare a sciare sarà davvero difficile

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di martedì 6 ottobre: 2.677 nuovi casi e 28 morti, ecco la mappa dei nuovi focolai

Today è in caricamento