Lunedì, 15 Luglio 2024
L'incentivo

Il bonus trasporti 2023: chi ne ha diritto e qual è il limite di reddito

Firmato il decreto. Sono stati stanziati 100 milioni di euro per l'anno in corso

Via libera, dopo i ritardi dei mesi scorsi, all'operatività del bonus trasporti da 60 euro per chi nel 2022 ha avuto un reddito complessivo non superiore a 20.000 euro. I ministri Giancarlo Giorgetti (economia), Marina Elvira Calderone (lavoro) e Matteo Salvini (infrastrutture e trasporti) hanno firmato il decreto che disciplina le modalità di erogazione del contributo - fino a un importo massimo di 60 euro - previsto dal decreto legge sui carburanti, con stanziamenti per 100 milioni di euro per il 2023.

L'obiettivo è quello di sostenere contro il caro energia famiglie, studenti e lavoratori nell'acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, e per i servizi di trasporto ferroviario nazionale. La domanda va presentata entro il 31 dicembre 2023 attraverso il portale www.bonustrasporti.lavoro.gov.it.

L'incentivo, specifica il sito bonustrasporti.it.lavoro.gov.it alla sezione dedicata alle Faq, punta a sostenere il reddito ed è a contrasto di un potenziale impoverimento. Si tratta di una nuova edizione del bonus trasporti attivo fino al 31 dicembre scorso. In un primo momento questa agevolazione, varata lo scorso anno dal governo Draghi, poteva essere richiesta da persone fisiche con un reddito entro i 35mila euro. Tuttavia, in seguito il tetto di reddito è stato abbassato a 20mila dal governo Meloni (anche se sul portale rimane la vecchia soglia).

Il bonus deve essere utilizzato, acquistando un abbonamento, entro il mese solare di emissione. L'abbonamento può iniziare la sua validità anche in un periodo successivo. È possibile fare domanda per sé stessi o per un beneficiario minorenne a carico. Il richiedente accede con Spid o carta d'identità elettronica (Cie) e indica il codice fiscale del beneficiario (ad esempio il genitore può richiedere il bonus per il figlio minorenne).

Nei mesi scorsi, la misura aveva riscosso un buon successo. Al fondo iniziale di 79 milioni, il governo Draghi aveva aggiunto nuove risorse per arrivare a quota 180 milioni. La domanda può essere presentata sulla piattaforma tramite sito web fornendo le proprie indicazioni, come nome e cognome del beneficiario, codice fiscale e reddito complessivo.

Il bonus trasporti, "pur essendo un incentivo di piccolo importo e riservato ai cittadini con Isee inferiore ai 20mila euro, potrebbe rappresentare un aiuto per le fasce meno abbienti o i nuclei numerosi", ha spiegato il presidente di Assoutenti Furio Truzzi. "In base agli ultimi dati Istat - ricorda l'associazione - ogni giorno in Italia 26,8 milioni di italiani usano mezzi di trasporto per recarsi a scuola o a lavoro, il 45,4% della popolazione residente - analizza Assoutenti -. Di questi 5,4 milioni fanno ricorso al trasporto pubblico: 1,2 milioni usano il treno, 1,9 milioni tram e bus, 807mila la metro e 1,5 milioni pullman o corriere. La regione dove si ricorre di più al trasporto pubblico per raggiungere scuola o il luogo di lavoro è la Lombardia, 1.025.000 persone al giorno, seguita dal Lazio, con 773mila spostamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bonus trasporti 2023: chi ne ha diritto e qual è il limite di reddito
Today è in caricamento