rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cambio di programma

Massimo Cacciari fa la terza dose (a sorpresa): "Le leggi si rispettano"

Ha invitato "chi può" a procedere alla vaccinazione, perché "queste sono le leggi e finché non si ha la forza di cambiarle, bisogna rispettarle". L'annuncio ha colto di sorpresa l'opinione pubblica

Ha comunicato di aver fatto la terza dose del vaccino anti Covid ed ha invitato "chi può" a procedere alla vaccinazione, perché "queste sono le leggi e finché non si ha la forza di cambiarle, bisogna rispettarle". L'annuncio odierno di Massimo Cacciari ha colto di sorpresa l'opinione pubblica italiana che, dopo averlo visto ospite negli ultimi mesi di molti talk show ad esprimere le sue posizioni critiche nei confronti di vaccini e green pass, sembra essere rimasta piuttosto colpita dalla comunicazione del filosofo. Lunedì si è messo in fila per la terza dose davanti al centro vaccinale di Venezia e non è passato inosservato.

Il web non ha mancato di registrare la notizia con un misto di sarcasmo, indignazione, ironia: gli utenti hanno scritto sul tema decine di post tanto da far balzare il nome di Cacciari in testa ai trend topic del momento. "Dopo tutto quel casino che ha messo su, ora cambia idea?", scrive senza mezzi termini un utente. "Diamine, ma come è possibile, ma siete tutti schiavi?", si interroga un altro. "Che grande delusione -si lamenta un terzo- Lo vedete che questi vi prendono in giro??".

Ironia anche sulla citazione, da parte del filosofo, di Socrate e della sua condanna a morte. "I filosofi obbediscono alle leggi, anche quando le ritengono totalmente folli. Socrate insegna", ha detto Cacciari. "Cacciari fa la terza dose di vaccino e si giustifica citando Socrate. Beh, decisamente più originale di Robert Kennedy Jr. che ha dato la colpa alla moglie", ironizza un'internauta. "Ricordo a Cacciari che Socrate ha scelto di morire proprio per non abdicare al suo profondo credo etico, che gli imponeva la ricerca della Verità", puntualizza un altro .C'è anche chi - pochi, a dire il vero- lo difende: "Chi attacca Cacciari non ha capito nulla del suo discorso", azzarda un fan del filosofo. Chiude in bellezza un utente: "E' un grande comico, lo chiameremo Booster Keaton". In molti, più semplicemente, considerano la scelta di Cacciari una sconfessione delle sue teorie. Non manca la dietrologia politica: "È bastato che D'Alema tornasse nel Pd ed ecco Cacciari che si riallinea".

C'è un passaggio delle parole di Cacciari che non è andato giù a molti suoi ammiratori: "I vaccini vanno fatti, per carità. E hanno avuto effetti positivi. Ma perché questo accanimento? Perché non ci dicono quali sono i termini per uscire dall'emergenza?". Parole che, scrive oggi la Stampa, suonano come una presa di distanza dall'ala estremista del comitato DuPre, "Dubbio e Precauzione", quello dove insieme a Cacciari si trovano un altro filosofo, Giorgio Agamben, e il professore torinese Ugo Mattei. Per l'ex sindaco di Venezia "chi può deve andare a vaccinarsi. E chi non è d'accordo ci vada lo stesso. Perché queste sono le leggi e finché non si ha la forza di cambiarle, bisogna rispettarle".

Cacciari fa parte della cosiddetta "Commissione Dubbio e Precauzione" ma aveva disertato la manifestazione di sabato a Torino, organizzata contro il decreto per l’obbligo vaccinale agli ultracinquantenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo Cacciari fa la terza dose (a sorpresa): "Le leggi si rispettano"

Today è in caricamento