rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
La denuncia / Pisa

"Cari colleghi, cambio sesso": licenziata con un'email

La denuncia di una ragazza toscana che abita nella provincia di Pisa

Ha comunicato al suo datore di lavoro e ai colleghi di aver scelto di iniziare un percorso di transizione di genere, per cambiare sesso. Una ragazza transgender di circa trent'anni, geneticamente maschio alla nascita, è stata licenziata qualche giorno dopo, con un'email. È successo a Pisa, secondo quanto racconta oggi l'edizione fiorentina di Repubblica. Lei, impiegata fino al mese scorso in una ditta della zona, ha deciso di iniziare la transizione di genere e ha informato colleghi e datore di lavoro. Subito dopo ha ricevuto l'avviso di licenziamento a causa, ufficialmente, di un calo di produzione e di minore lavoro per l'azienda: queste le motivazioni del provvedimento, ha spiegato la ditta.

La ragazza transgender si è comunque rivolta a "Voice", uno sportello che opera in Toscana con l'obiettivo di combattere le discriminazioni rispetto all'identità di genere o all'orientamento sessuale. Ha raccontato che i colleghi non le hanno espresso solidarietà, e ora ha un avvocato con il quale pensa a come tutelarsi.

Mauro Scopelliti, presidente di Arcigay Firenze, ha spiegato: "Negli ultimi 10 anni c'è una fetta di popolazione che ha fatto coming out nel contesto lavorativo. Alcuni si sentono condizionati e ingabbiati: ci capita chi chiede supporto. Abbiamo accompagnato alcune aziende a fare accordi con i lavoratori per la discrezionalità e la privacy circa l'identità dei dipendenti. Una serie di tutele: assunzioni fatte con identità alias, tipologia di email aziendale, spogliatoio, cartellino. In passato anche progetti con le agenzie di reclutamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cari colleghi, cambio sesso": licenziata con un'email

Today è in caricamento