Giovedì, 13 Maggio 2021
In arrivo a metà maggio

La campagna di Figliuolo per convincere i no-vax a vaccinarsi

Cinque milioni di indecisi o refrattari all'immunizzazione. In arrivo gli spot con i testimonial. E da fine mese al via le iniezioni agli under 65

Ci sono cinque milioni di indecisi da convincere sulla scrivania del generale Francesco Paolo Figliuolo. Il numero deriva da un calcolo che parte dai 50 milioni di italiani over 16 che dovranno essere vaccinati a breve e dal fatto che il 10% di questi non si sta registrando per ricevere l'immunizzazione o si calcola che non lo farà. 

La campagna di Figliuolo per convincere i no-vax a vaccinarsi

Di una cosa la struttura commissariale è certa: non tutti questi cinque milioni sono per forza no-vax duri e puri. Ovvero nel computo totale ci sono anche indecisi o semplici refrattari impauriti dalle notizie di cronaca come il caso AstraZeneca. Nell’intervista rilasciata a Repubblica  due giorni fa lo spiegava lo stesso Figliuolo: "I no-vax nel Nord-Est del Paese sono il 18 per cento, nelle altre Regioni siamo al 10-12 per cento. Il fenomeno è statisticamente rilevante se sale sopra il 5 per cento. Quella differenza si può riassorbire...". 

Già, ma come? Soprattutto contando il fatto che l'ostilità non è direzionata soltanto nei confronti del vaccino anglo-svedese, ma investe anche Pfizer-BioNTech, visto che il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas ha detto che su 14 mila fragili e fragilissimi contattati per fissare un appuntamento per Pfizer, solo 3.800 hanno accettato. Eppure, proprio adesso che la macchina della vaccinazione comincia finalmente a muoversi secondo il ritmo delle 500mila inoculazioni al giorno, bisogna fare i conti con chi ha manifestato ostilità nei confronti del vaccino. 

Secondo i dati che ha in mano la struttura commissariale una certa tendenza no-vax si riscontra tra i sanitari (5-8%) e per questo l'obbligo via decreto va fatto rispettare pedissequamente. Poi ci sono gli “irraggiungibili”, ovvero persone che abitano in zone rurali e isolate, spesso anziani soli che hanno difficoltà con le piattaforme di prenotazione. Repubblica spiega oggi che gli over 80 in attesa della prima dose sono 692 mila. Il ministero della Salute si aspetta di veder calare la cifra nei prossimi giorni, ma non di molto: rimarrà un nutrito gruppo di anziani fuori dai radar, per i quali si dovrà capire — nel rispetto della privacy — se hanno bisogno di aiuto.

La campagna di sensibilizzazione

Per questo è in rampa di lancio una campagna di sensibilizzazione nella quale saranno coinvolti vip e personaggi dello spettacolo. Si gireranno spot promozionali e messaggi pubblicitari. Con l'obiettivo di affermare la sicurezza dei vaccini e spiegare quali sono le raccomandazioni della scienza. E poi ricordare che solo vaccinandosi si potrà tornare alla vita di prima. 

La campagna dovrà partire da metà maggio su tv e radio, oltre che sulla stampa. E arriverà al culmine quando i vaccini ci saranno per tutti. "A maggio avremo 15-17 milioni di dosi, tra il 5 e il 7 maggio arriveranno oltre 2.1 milioni di dosi Pfizer. Tra ieri e oggi ne sono arrivati altri tre milioni. Questo vuol dire che, a fronte di oltre 20,5 milioni di dosi gia' somministrate, abbiamo quasi 4,5 milioni di dosi da offrire, prontamente disponibili", ha detto ieri il commissario. Entro fine maggio si potrebbero fare le vaccinazioni a tutte le classi di età sotto i 65 anni, ovvero la campagna di massa e quella nelle aziende. 

E nel frattempo si lavora al piano di immunizzazione degli studenti, con allo studio l'ipotesi del vaccino anti-Covid a scuola come tanti anni fa, quando però allora si somministravano dosi contro il vaiolo. Intanto il valore della media delle somministrazioni - riflette in un'analisi il matematico Giovanni Sebastiani - comunque al momento è di 395mila dosi: questo significa che "per raggiungere l'obiettivo di almeno 15 milioni di dosi nel mese di maggio è necessario accelerare ancora". C'è ancora molto da fare. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La campagna di Figliuolo per convincere i no-vax a vaccinarsi

Today è in caricamento