Lunedì, 1 Marzo 2021
"Nessun pericolo per la nostra salute" / Bari

Il cane positivo al coronavirus, primo caso in Italia: "Contagiato dagli umani"

Si tratta di una barboncina che vive in casa con quattro persone a Bitonto, in provincia di Bari: "Ma non è in grado di infettare"

Un barboncino, foto di repertorio Pixabay

Primo caso di coronavirus su un cane in Italia. Una barboncina di un anno e mezzo, che vive a Bitonto (in provincia di Bari) con una famiglia di tre persone tutte positive e sintomatiche, è risultata positiva al tampone. Il cane non ha alcun sintomo. È stato Nicola Decaro, professore ordinario di malattie infettive degli animali all'Università di Bari e componente dell'executive board del College europeo di microbiologia veterinaria, a fare la diagnosi sul cagnolino, esaminando in laboratorio i tamponi eseguiti dagli stessi proprietari.

Il cane positivo al coronavirus a Bitonto: "Nessun pericolo per la nostra salute"

Lo scienziato, fratello del sindaco di Bari Antonio Decaro, sin dalla prima ondata studia le tracce di coronavirus nei cani e nei gatti, ma sinora si era imbattuto solo in animali positivi al test sierologico. Ora, dalle pagine di Repubblica, l'esperto invita tutti a non allarmarsi, spiegando che il cane sarebbe stato contagiato dagli umani e non sarebbe in grado di infettare: "Carica virale molto bassa. Gli animali non sono un pericolo per la nostra salute, al contrario bisogna proteggerli". Il virus, presente in quantità modeste, quindi, non permetterebbe al cane di infettare nessuno. Anche Pierluigi Lopalco, assessore alla Salute della regione Puglia, ha commentato: "La notizia non rappresenta un problema sanitario, da quanto è emerso fino ad ora i cani non sono ospiti in grado di diffondere il contagio".

Ora si procederà all'analisi del sangue del cagnolino, sottoponendolo a test sierologico. "Bisogna trattare gli animali esattamente come se fossero altre persone. Quindi, anche a tutela della salute dei nostri animali, è opportuno affidarli agli amici o parenti non positivi che possano prendersene cura, se possibile – ha spiegato il professor Nicola Decaro -. Si applica sempre il principio di massima cautela, pur sapendo che, ripeto, non sono un pericolo per la nostra salute. Il rischio di contagio dal cane o dal gatto è quasi zero. In tutto il mondo ci saranno una ventina di casi documentati".

Il cane vive in una famiglia con tre persone contagiate

La notizia viene confermata dall'Ansa sulla base di quanto appreso dal dipartimento di prevenzione della regione Puglia. Secondo quanto riporta l'agenzia di stampa, il dipartimento di prevenzione dell'Asl Bari ha inviato una nota al ministero della Salute per informarlo del caso. Come detto, il cane vive in una famiglia composta da tre persone, tutte positive al coronavirus e con sintomi. Il servizio veterinario ha eseguito il tampone anche sul cane, riscontrando "una bassa positività".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cane positivo al coronavirus, primo caso in Italia: "Contagiato dagli umani"

Today è in caricamento