Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Castelluccio di Norcia, l'invasione per la fioritura vista dal cielo

Carosello di macchine sugli altipiani di Castelluccio per godere della fioritura di Pian Grande. Tantissimi turisti ma anche tante polemiche: "In tanti se ne vanno delusi perché passano gran parte del loro tempo in macchina e non riescono a parcheggiare"

 

castelluccio norcia fioritura-2

"Un evento come quello della fioritura e un paesaggio di così straordinaria bellezza come quello del Pian Grande, del Vettore e dei Monti Sibillini giustamente attirano turisti da tutt’Italia, ma senza una regolamentazione chiara degli accessi diventa insostenibile la pressione turistica che tra giugno e luglio si riversa sugli altipiani di Castelluccio per godere della fioritura. Anche quest’anno si è arrivati colpevolmente all’emergenza senza che il Comune di Norcia, la Comunanza Agraria di Castelluccio e il Parco Nazionale dei Monti Sibillini abbiano trovato il modo di gestire e contingentare gli accessi".

Maurizio Zara presidente di Legambiente Umbria e Antonio Nicoletti responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente commentano quanto accaduto a Castelluccio di Norcia nello scorso fine settimana , con un carosello di macchine parcheggiate le aree di sosta individuate sui prati, lungo la strada o viste circolare senza controllo, lungo le strade sterrate.

"I prossimi fine settimana di luglio ci attende sicuramente una situazione ben peggiore – commentano i due esponenti di Legambiente - per questa ragione ci appelliamo alle istituzioni che hanno abbandonato qualsiasi idea di programmare per tempo il flusso turistico, che per fortuna continua a prediligere questo territorio, che va però accompagnato a scelte di mobilità sostenibile per garantire la conservazione di in uno degli altipiani più vasti dell’Italia centrale e al tempo stesso una delle zone più singolari e di qualità paesistica dell’Appennino dell’Italia Centrale".

castelluccio norcia fori-2

Video da Perugiatoday, foto di Massimiliano Donati

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento