Domenica, 14 Luglio 2024
La startup fondata da Musk / Stati Uniti d'America

Dopo i test sulle scimmie gli impianti cerebrali saranno sperimentati sull'uomo

L'annuncio di Neuralink: "Il primo studio clinico è stato approvato dalla Fda. Un passo importante che permetterà alla nostra tecnologia di aiutare molte persone"

Neuralink, azienda di neurotecnologie fondata da Elon Musk, ha annunciato di aver ottenuto l'approvazione della Fda, l'agenzia statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, per testare i suoi impianti cerebrali nelle persone. La società spiega in un tweet che la Fda avrebbe dato il disco verde "per lanciare il nostro primo studio clinico sull'uomo!". Si tratta, si legge, di "un primo passo importante che un giorno permetterà alla nostra tecnologia di aiutare molte persone". La notizia al momento non è stata confermata dall'ente regolatorio. Neuralink non ha specificato in modo dettagliato gli obiettivi dello studio e ha sottolineato che il reclutamento per la sperimentazione clinica non è ancora partito.

Il tweet di Neuralink

È noto però che l'azienda ha sviluppato un dispositivo inserito chirurgicamente nel cervello che dovrebbe essere in grado di decodificare l'attività cerebrale e comunicare i dati ai computer. L'obiettivo è nobile, ovvero sviluppare un sistema che possa aiutare le persone paralizzate o affette da malattie neurologiche a muoversi o comunicare di nuovo. 

Fino ad ora l'azienda ha condotto ricerche solo sugli animali, ma da tempo Musk ha in mente di poter testare il chip anche sugli esseri umani. Nel 2019 la società aveva pianificato di chiedere l'approvazione della FDA per i test sull'uomo e di poter iniziare già nel 2020. Già in 4 occasioni il fondatore di Tesla e Space X si era sbilanciato su un imminente via libera della Fda che però non era mai arrivato. Anzi, all'inizio del 2022 secondo Reuters l'ente regolario avrebbe bocciato la richiesta. Musk però non si è arreso.

 

"Siamo fiduciosi che il dispositivo Neuralink sia pronto per l'uomo, quindi i tempi sono in funzione del processo di approvazione della FDA", aveva fatto sapere l'imprenditore solo pochi mesi fa. L'azienda ha testato la sua tecnologia di impianto su primati non umani per diversi anni. Qualche mese fa Musk ha mostrato un video di "digitazione telepatica" di una scimmia a cui era stato impiantato un chip Neuralink. L'ambizione è ora quella di aprire cliniche in cui i pazienti possano farsi impiantare il dispositivo in grado di decodificare l'attività del cervello e comunicare con un device esterno attraverso il pensiero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo i test sulle scimmie gli impianti cerebrali saranno sperimentati sull'uomo
Today è in caricamento