Multe, autovelox e non solo: codice delle strada, cosa cambia da oggi

Entrano in vigore le modifiche previste dal d.l. Semplificazioni: dal divieto di sosta alle postazioni per il rilevamento della velocità, ecco le nuove regole

Foto di repertorio

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale da oggi entrano in vigore le modifiche al codice della strada previste dal d.l. Semplificazioni, convertito in legge nei giorni scorsi da entrambi i rami del Parlamento. Tra le misure previste spiccano (appunto) alcune novità che riguardano la circolazione. A cominciare dagli autovelox. La nuova legge prevede infatti la possibilità per i Comuni di installare, previa autorizzazione del Prefetto,  postazioni di rilevamento della velocità fisse anche su strade di quartiere e locali. Come accennato l’ultima parola spetterà al Prefetto che dovrà decidere se dare o no il via libera "attraverso un’analisi degli incidenti avvenuti e sulle loro cause, anche per tutelare i pedoni e gli utenti vulnerabili". 

Finora ai sindaci era negata la possibilità di installare autovelox sulle strade urbane: da oggi, con le modifiche previste dal d.l. circolazione, il divieto cade. E dunque sarà bene fare molta attenzione a non superare i limiti di velocità: la multa potrebbe essere (letteralmente) dietro l’angolo.

Divieto di sosta, occhio alle multe: cosa cambia da oggi

Altra novità importante riguarda le violazioni al divieto di sosta e di fermata. Nel testo si legge:

"Con  provvedimento  del  sindaco possono essere conferite funzioni di prevenzione  e  accertamento  di tutte le violazioni  in  materia  di  sosta  nell'ambito  delle  aree oggetto dell'affidamento per la sosta regolamentata o a pagamento,aree verdi comprese, a dipendenti comunali o delle società private epubbliche esercenti la gestione della sosta di superficie a pagamentoo dei parcheggi. Con  provvedimento  del  sindaco  possono,  inoltre,essere conferite a dipendenti comunali o a dipendenti  delle  aziende municipalizzate o delle imprese addette  alla  raccolta  dei  rifiuti urbani  e  alla  pulizia  delle  strade  funzioni  di  prevenzione  e accertamento di tutte le violazioni in materia di sosta o di  fermata connesse all'espletamento delle predette attività".

Insomma, d’ora in poi i dipendenti di società private e delle aziede municipalizzate potranno accertare le violazioni al divieto di sosta e di fermata e perfino elevare multe. Tale personale, si legge ancora, riveste in tal caso - previo "superamento di un’adeguata formazione" - la qualifica di pubblico ufficiale. In particolare viene specificato, per quanto riguarda le municipalizzate, viene "conferito il potere di compiere accertamenti di  violazioni in materia di sosta o di fermata in aree limitrofe a quelle oggetto dell'affidamento o di gestione dell'attività di  propria  competenza che sono funzionali, rispettivamente, alla gestione degli  spazi per la raccolta dei rifiuti urbani o alla fruizione delle corsie o delle strade riservate al servizio di linea”. Se ad esempio l’auto intralcia lo svuotamento di un cassonetto, i dipendenti della ditta che opera per conto del Comune avranno dunque il potere di accertare la violazione al codice della strada e decidere la rimozione forzata del veicolo.

codice della strada novita-2

novità codice strada-2

Arriva la strada urbana ciclabile: cosa cambia per auto e bici

Novità anche sul fronte della mobilità sostenibile. Con la nuova legge, viene istituita la così detta "strada urbana  ciclabile", ovvero una “strada  urbana  ad  unica carreggiata, con banchine pavimentate e marciapiedi,  con  limite di velocità non superiore a 30 km/h, definita da  apposita  segnaletica verticale ed orizzontale, con priorita' per i velocipedi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In queste strade i conducenti dei veicoli a motore dovranno dunque dare la precedenza alle biciclette che transitano o si immettono. L’automobilista inoltre, in caso di sorpasso, dovrà procedere con estrema cautela. Da sottolineare anche la novità del "doppio senso ciclabile" su strade cittadine ove il limite massimo di velocità sia inferiore o uguale a 30 km/h ovvero su parte di una zona a traffico limitato, le biciclette potranno circolare anche in senso opposto all’unico senso di tutti gli altri veicoli, lungo la corsia ciclabile per doppio senso ciclabile presente sulla strada stessa. La facoltà può essere prevista indipendentemente dalla larghezza della carreggiata, dalla presenza e dalla posizione di aree per la sosta veicolare e dalla massa dei veicoli autorizzati al transito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Il cittadino insospettabile che masturbava ragazzini in cambio di scarpe e spinelli

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento