rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Recensionista per un giorno

Quanto ho guadagnato con le recensioni online, tra truffe e influencer

Scrivere recensioni online o promuovere prodotti sui social non è sempre una cosa facile da fare, ma c'è chi riesce a farlo diventare un lavoro ben retribuito. Siamo entrati nel complicato mondo dei 'consigli per gli acquisti' sul web

"Salve avrei bisogno di qualcuno che recensisca gli hotel su Google Maps. Pagherò 8 euro, basta dare al nostro hotel un voto 5 e ti pagheremo, interessato?" (vedi foto sotto). Ricevo questo messaggio su WhatsApp da un personaggio a me sconosciuto e mi pongo la solita domanda, quella che si fanno un po' tutti di fronte a queste insolite proposte: sarà una truffa o è tutto vero? Ho scoperto che entrambe le opzioni sono possibili, vediamo perché.

Truffa delle recensioni online

Gli indizi per capire se vogliono rubarmi i dati personali…

Lo ammetto, di fronte a questo tipo di messaggi parto sempre prevenuta. Penso immediatamente a una truffa, a un nuovo modo per rubarmi i dati personali. Cosa probabilmente vera, anche questa volta. Non è difficile accorgersene. Prima di tutto vado a vedere il mittente. È una persona che non conosco, ma cercando il suo nome su internet scopro che al massimo potrebbe essere uno scrittore o un giornalista. Secondo poi non mi sono mai candidata per fare la recensionista, ovvero per scrivere recensioni su internet. Quindi se bussano alla mia porta per offrirmi un lavoretto extra penso subito che ci sia qualcosa sotto.

E poi perché dovrei per forza dare voto 5, il massimo? Potrebbe trattarsi di una di quelle agenzie indiane, russe o americane che arruolano persone online per scrivere recensioni finte allo scopo di migliorare o peggiorare la reputazione di alcune attività commerciali. Garantiscono a bar, ristoranti, alberghi e strutture ricettive recensioni di ogni tipo per Instagram, TikTok, YouTube, Twitter, pagando fino a 10 euro a commento. Si stima che nel 2023 siano state pubblicate 30,2 milioni di recensioni, il 4,4 per cento delle quali fake (Review Transparency Report di Tripadvisor). Quasi il 6 per cento di queste proveniva dall’Italia.

Avvocato recensioni false - Facebook

… o se è un’agenzia di recensioni fake

Il fenomeno delle recensioni false su internet è talmente diffuso che alcuni studi di avvocati specializzati in materia si pubblicizzano sui social assicurando sanzioni fino a 10milioni di euro (vedi foto sopra). Cifra enorme ma una cosa è certa, nel 2018 a Lecce c’è stata la prima condanna. Nove mesi di prigione e 8mila euro di spese e danni per un proprietario di un’agenzia promozionale di mezza età del Salento che vendeva pacchetti di recensioni false su Tripadvisor a titolari di ristoranti e hotel. Questo il suo tariffario: dieci recensioni fake a 100 euro,  venti a 170,  trenta a 240. Tornando al messaggio che ho ricevuto sul mio smartphone tutto sembra corrispondere, dal nome americano del mittente al prezzo offerto per recensione.

TripAdvisor, storica sentenza in Italia: carcere per chi scrive false recensioni

Eppure avevo sentito parlare di persone che riescono a guadagnare legalmente con le recensioni online. Scopro così che esistono moltissimi articoli su internet, libri, video tutorial e webinar sull’argomento. Però mi pare di capire che nessuno possa influenzare il mio giudizio sui prodotti da recensire e che il mio contributo stia proprio nell’essere il più sincera possibile. Così le aziende che producono beni e servizi avranno un feedback utile per migliorare la loro offerta e capire i bisogni di nuovi potenziali clienti. Ma come si diventa recensionista?

Come guadagnare online

Per chi vuole arrotondare con un lavoro online non servono competenze specifiche ma solo un computer e una connessione. L’importante è saper realizzare contenuti su internet, saper fare recensioni su prodotti, luoghi, libri, campagne pubblicitarie, film, oppure rispondere a semplici sondaggi. Ci sono addirittura delle specializzazioni, c’è chi scrive solo testi, chi fa solo video e chi preferisce i tutorial. Ma ci sono anche persone che puntano esclusivamente su un determinato settore, come le neomamme che scrivono o realizzano video su prodotti per neonati. Ma non è tutto facile come sembra.

Per lavorare come recensionista per Amazon, ad esempio, bisogna cercare di entrare a far parte di Amazon Vine, programma che invita i recensori più attendibili a pubblicare opinioni relative agli articoli offerti per aiutare i clienti a prendere decisioni di acquisto. In cambio i 'viner' ricevono prodotti gratuiti da recensire, di tutti i tipi, dal rossetto al televisore, beni che vanno dal valore di un euro a migliaia di euro. Ma attenzione, non è possibile iscriversi autonomamente al programma, è la società che contatta i migliori recensionisti del sito per offrirgli questa golosa opportunità. Per avere qualche chance non resta che scrivere molte recensioni sincere e obiettive, cercare di distinguersi e ottenere il maggior numero di voti utili possibili.

Marco Reviewer ce l'ha fatta, ha iniziato a recensire per hobby nel 2014, poi nel 2020 è entrato a far parte del programma di recensioni di Amazon. Sostiene di aver 'guadagnato' in 18 mesi una "cifra pazzesca" se si calcola il valore dei prodotti ricevuti gratuitamente. Ma non è tutto oro quello che luccica, perché è un lavoro che va fatto in modo accurato. Per testare i prodotti ci vogliono settimane, il che vuol dire togliere tempo alla famiglia e al lavoro.

Articolista quanto si guadagna - Textbroker

Non tutti i lavori online vengono pagati in prodotti da recensire, altri assegnano buoni regalo ma anche punti che possono essere convertiti in prodotti oppure semplicemente denaro. Come nel caso dei creatori di contenuti per il web, quelli che si iscrivono a piattaforme del tipo Melascrivi, Contents.com o Textbroker per lavorare come articolista, correttore di bozze e traduttore oppure per descrivere prodotti su siti di ecommerce. Quanto si guadagna? La paga è 15 euro per 1.000 parole se il livello di scrittura è abbastanza buono (vedi foto sopra).

Dalle opinioni degli utenti sul web, però, sembra che non tutte le piattaforme siano uguali. In alcuni casi i guadagni sono piuttosto bassi e si fa difficoltà a ottenere i testi da scrivere. "Se sei uno che scrive per questo sito, i casi sono 2: hai del tempo libero, hai fame", scrive un utente su un forum di opinioni, ma c'è anche chi la definisce "schiavitù". Eppure alcuni assicurano che si possono guadagnare "200 euro al mese, 500 se si è in classe A". Anche in questo tipo di lavoro, infatti, si può fare carriera.

Influencer e blogger

Non solo recensioni sul web ma anche 'consigli per gli acquisti'. Sono gli influencer e i blogger a fare pubblicità ai prodotti, assicurandosi generosi guadagni. Se si hanno decine di migliaia di follower questo può diventare un lavoro vero. Grazie ai programmi di affiliazione di grosse società come Google e Amazon si possono monetizzare le visualizzazioni dei post e dei video pubblicati sui social. L’obiettivo è recensire, ma soprattutto suggerire, migliaia di prodotti al proprio pubblico, guadagnando ad esempio "fino al 12 per cento per ogni acquisto". 

Ma anche questo tipo di lavoro non è per tutti, bisogna avere delle caratteristiche ben precise, a partire da un requisito essenziale: una valanga di follower (vedi foto sotto). 

Requisiti programma affiliazione Youtube - Google

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Today è in caricamento