Venerdì, 14 Maggio 2021
Come ai vecchi tempi / Spagna

Cinquemila persone ammassate a ballare e cantare: a un mese dal concerto solo due contagi

L'esperimento era andato in scena lo scorso 27 marzo al Palau de Sant Jordi di Barcellona. I partecipanti erano stati sottoposti al tampone e indossavano mascherine Ffp2

Foto Twitter @PalauSantJordi

Solo sei persone sono risultate positive al coronavirus nelle due settimane successive al concerto andato in scena lo scorso 27 marzo al Palau de Sant Jordi di Barcellona dove la band indipendente 'Love of Lesbian' ha suonato davanti a 5mila persone ammassate a ballare e cantare. I positivi sono tutti asintomatici o con pochi sintomi e 4 di loro non si sarebbero infettati nel corso della serata il che riduce a 2 il conto dei casi sospetti. Il concerto si era svolto nel rispetto di misure particolarmente rigide e sotto la supervisione dei medici  per verificare se fosse possibile svolgere tali eventi in sicurezza nonostante la pandemia.

Barcellona: il concerto con 5mila persone come ai vecchi tempi

Tutti i membri del pubblico erano stati sottoposti a un tampone in uno dei tre centri speciali prima dell'inizio dell’esibisione e indossavano mascherine Ffp2. All’interno del Palau de Sant Jordi, che normalmente ospita fino a 24.000 spettatori, erano state ammesse solo persone tra i 18 e i 65 anni, registrate con un smartphone in grado di ricevere i risultati del test, e che avevano acconsentito alla condivisione dei propri dati con il ministero della Salute. Gli ingressi erano stati separati in tre diverse zone e lo spazio in sala era particolarmente ventilato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto riportano i media spagnoli, solo in sei sono risultati positivi al Sars-Cov-2, ma a detta degli organizzatori quattro di loro non avrebbero contratto il virus all'interno del palasport. Insomma, l'esperimento può dirsi riuscito. Una speranza per tutti gli artisti e gli operatori del settore che in vista dell’estate possono contare su un "protocollo" già sperimentato e che ha dimostrato una discreta sicurezza.  

Il concerto del 2 maggio a Liverpool con 5mila spettatori senza mascherine

Un altro concerto test si terrà il prossimo 2 maggio al Sefton Park di Liverpool che ha una capacità di 7.500 spettatori e ne ospiterà 5mila. Si tratta di un evento-pilota del piano del governo britannico per uscire dalla pandemia. Le regole sono state annunciate dal Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport: gli spettatori dovranno sottoporsi a un test rapido sufficentemente affidabile, che dà il risultato in 30 minuti, in un centro allestito sul posto prima dell'ingresso. Ai partecipanti verrà anche chiesto di fare un tampone dopo il concerto e di fornire i dettagli di contatto al sistema sanitario nazionale (Nhs) per garantire di potere essere contattati nel caso di positività. A differenza del concerto di Barcellona, durante il live gli spettatori non saranno tenuti a indossare le mascherine né a rispettare il distanziamento. A suonare saranno i Blossoms, una band di indie-pop. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinquemila persone ammassate a ballare e cantare: a un mese dal concerto solo due contagi

Today è in caricamento