Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

Ordinanza Lazio, il coprifuoco da venerdì 23 ottobre: le regole e l'autocertificazione

Il provvedimento di Zingaretti e Speranza: vietato uscire da mezzanotte alle 5 se non per comprovate esigenze di lavoro o salute. Didattica a distanza per le università (75%) e le scuole superiori (50%)

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato insieme al ministro della Salute Roberto Speranza un'ordinanza che prevede la didattica a distanza per le scuole e il coprifuoco da mezzanotte alle 5 a partire da venerdì 23 ottobre (chi circolerà dovrà esibire un'autocertificazione). 

Ordinanza Lazio, il coprifuoco da venerdì 23 ottobre: le regole e l'autocertificazione

La didattica a distanza è prevista al 75 per cento nelle università, con esclusione delle matricole e dei laboratori scientifici, e al 50 per cento per i licei, tranne che per i primi anni. In sintesi, l'ordinanza prevede:

  • l’incremento di posti letto dedicati all’assistenza di pazienti affetti da COVID-19;
  • il coprifuoco a partire dalla notte tra venerdì 23 ottobre e sabato 24 ottobre, vietare gli spostamenti in orario notturno sul territorio della Regione, dalle ore 24:00 alle ore 5:00 del giorno successivo;
  • la didattica digitale integrata nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado e nelle Università

Scarica il modulo di autocertificazione(Pdf)

L'ordinanza prevede che "Ai fini del contenimento della diffusione del virus Covid-19, si ritiene necessario incrementare la dotazione di posti letto dedicati all'assistenza di pazienti affetti dal virus, identificando strutture pubbliche e private ulteriori rispetto a quella già inserite nella rete Covid, anche parzialmente dedicate e provvedere all'ampliamento dei posti di quelle già inserite in rete".

autocertificazione lazio 2-2-2

"Alla Direzione Salute e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, in coordinamento con l'Unità di crisi regionale, è demandato il compito di provvedere alla definizione dei trasferimenti dicattività tra nodi della rete, necessari all'attuazione del suo potenziamento come sopra ordinato, e conseguentemente al riassetto complessivo dell'attività assistenziale derivante dalle riconversioni di presidi, con correlata riallocazione, anche parziale, dei livelli di finanziamento assegnati. La Direzione Salute e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, in coordinamento con l'Unità di crisi regionale, disporrà l'eventuale e necessario adattamento dell'assetto complessivo dell'offerta assistenziale in linea con l'evoluzione dell'emergenza Covid-19". 

Significative, per la vita dei cittadini, le misure che riguardano il coprifuoco che prevedono "a partire dalla notte tra venerdì 23 ottobre e sabato 24 ottobre, vietare gli spostamenti in orario notturno sul territorio della Regione, dalle ore 24:00 alle ore 5:00 del giorno successivo, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze (a titolo esemplificativo, per i lavoratori, il tragitto domicilio, dimora e residenza verso il luogo di lavoro e viceversa), e per gli spostamenti motivati da situazioni di necessità o d’urgenza, ovvero per motivi di salute".

Coprifuoco anche a Roma e nel Lazio: si temono 3000 ricoveri in ospedale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordinanza Lazio, il coprifuoco da venerdì 23 ottobre: le regole e l'autocertificazione

Today è in caricamento