Domenica, 18 Aprile 2021
Italia

"Proteggete i vostri genitori e i vostri nonni con un atteggiamento di responsabilità"

L'appello ai giovani rivolto sui social da Francesco Vaia, direttore sanitario dell'Istituto nazionale malattie infettive Spallanzani di Roma, parte dalla constatazione di quanto l'età media dei contagiati si sia abbassata

Una barman all'old fashion celeberrimo ritrovo milanese riaperto dopo il lockdown

L'appello ai giovani rivolto sui social dal "Dimostrate di essere la parte migliore di questa società". Lo scrive Francesco Vaia, direttore sanitario dell'Istituto nazionale malattie infettive Spallanzani di Roma, in un appello pubblico in cui chiede ai giovanie di proteggere genitori e nonni "con un atteggiamento di responsabilità".

Un appello che parte dalla constatazione di quanto l'età media dei contagiati si sia abbassata. "Carissimi giovani - scrive su Facebook il direttore sanitario dell'Inmi - Guidate in prima linea questa 'guerra', che vinceremo sicuramente , anche e soprattutto dimostrando di saper applicare le regole con disciplina e senso del dovere. Usciremo da questa situazione anche grazie alla vostra forza e voglia di costruire insieme un mondo migliore. Da questa negatività tiriamo fuori il meglio di noi".

Tuttavia la minaccia coronavirus non riguarda solo i più anziani: lo ricorda uno studio dell'University of California di San Francisco che ha concluso come un giovane su 3 possa ammalarsi di Covid-19 in forma grave. La 'vulnerabilità medica' complessiva fra i giovani è del 33% per i maschi e del 30% per le femmine. 

Fermo restando che i pazienti over 65 hanno una probabilità di essere ricoverati in ospedale significativamente più alta rispetto ai giovani, dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie evidenziano - confrontando la settimana del 21-27 giugno con quella del 12-18 aprile - un aumento del 299% dei ricoveri per i giovani adulti, rispetto a un aumento del 139% dei ricoveri per gli anziani.

Coronavirus, le ultime notizie

Sono putroppo di queste ore le notizie che confermano come nel nostro Paese si registri un calo dell'attenzione nel rispetto delle misure di sicurezza introdotte per contrastare il contagio da nuovo coronavirus. Proprio oggi è stata infatti sospesa un'attività nel Foggiano che aveva ospitato una serata danzate con centinaia di giovani sorpresi dalla Polizia a ballare senza alcun rispetto del distanziamento sociale.

A Napoli è bastata l'inaugurazione di un nuovo negozio a richiamare tantissime, soprattutto giovanissime, che si sono assembrate in attesa di potervi accedere. Tanto che sono intervenute le forze dell'ordine a cercare di riportare la folla al rispetto delle regole. Il tutto con un finale surreale: il negozio è stato infatti chiuso dai vigili per via della folla accalcata a guardare le vetrine. "È stato multato un commerciante -  denuncia l'avvocato Angelo Pisani - responsabile della folla di giovani curioso che guardavano dall'esterno il suo negozio".

Zangrillo rilancia: "L'emergenza coronavirus è finita da due mesi"

Intanto dall'ultimo bollettino sull'epidemia di coronavirus in Italia sono giunte buone notizie: nell'ultimo giorno non sono stati registrati casi di contagio in Valle d’Aosta, Molise, Basilicata, Marche, Puglia, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Umbria, Calabria mentre da domani 15 luglio in Lombardia bisognerà indossare le mascherine all'aperto solo se non si potrà rispettare il distanziamento. Un lento ritorno ad una nuova normalità che occorre non interrompere. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Proteggete i vostri genitori e i vostri nonni con un atteggiamento di responsabilità"

Today è in caricamento