rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità Italia

Coronavirus, il bollettino di lunedì 4 maggio: 195 morti ma 5 regioni sono a "contagi zero"

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia con tutti i dati di oggi. I nuovi casi positivi, i casi totali, i guariti e i morti nei numeri della Protezione Civile di lunedì 4 maggio

Coronavirus, niente più conferenze stampa durante la fase 2 ma il bollettino dei dati epidemiologici con i casi di coronavirus regione per regione sarà aggiornato quotidianamente. Dopo giorni di allentamento della pressione sugli ospedali ora si attende anche una flessione della tragica curva dei decessi che, dopo i 170 morti di domenica conta oggi 195 nuove vittime superando il triste computo delle 29mila vittime. Come delineato dall'indagine Istat tuttavia ci sono enormi differenze nel paese. I dati della Protezione Civile riportano oggi ben 4 regioni senza casi e una, la Sardegna, con un incremento negativo di nuovi attualmente positivi.

Bollettino coronavirus di oggi lunedì 4 maggio

  • Attualmente positivi: 99.980
  • Deceduti: 29.079 (+195, +0,7%)
  • Dimessi/Guariti: 82.879 (+1.225, +1,5%)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 1.479 (-22, -1,5%)
  • Tamponi: 2.191.403 (+37.631)
  • Totale casi: 211.938 (+1.221, +0,6%)

Il totale delle persone che hanno contratto il virus è 211.938, con un incremento rispetto a ieri di 1.221 nuovi casi. Tornano sotto i centomila i pazienti covid: il numero totale di attualmente positivi è infatti sceso a 99.980, con una decrescita di 199 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi 1.479 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 22 pazienti rispetto a ieri. 16.823 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 419 pazienti rispetto a ieri. 81.678 persone, pari al 82% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.

Rispetto a ieri i deceduti sono 195 e portano il totale a 29.079. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 82.879, con un incremento di 1.225 persone rispetto a ieri.

Coronavirus, i dati regione per regione

Rispetto a ieri i maggiori incrementi di casi di contagio si registrano in Lombardia (+0,7%), Piemonte (+0,7%) Marche (+0,7%) e Liguria +0,6%. Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 37.307 in Lombardia, 15.562 in Piemonte, 8.984 in Emilia-Romagna, 7.234 in Veneto, 5.279 in Toscana, 3.508 in Liguria, 4.385 nel Lazio, 3.206 nelle Marche, 2.711 in Campania, 1.165 nella Provincia autonoma di Trento, 2.945 in Puglia, 2.202 in Sicilia, 1.050 in Friuli Venezia Giulia, 1.837 in Abruzzo, 636 nella Provincia autonoma di Bolzano, 181 in Umbria, 653 in Sardegna, 110 in Valle d’Aosta, 674 in Calabria, 173 in Basilicata e 178 in Molise.

  • Lombardia: 78.105 casi totali (37.307 pazienti covid attualmente positvi, +577)
  • Piemonte: 27.622 (15.562, + 192)
  • Emilia-Romagna: 26.175 (8.984, +159)
  • Veneto: 18.373 (7.234, +55)
  • Toscana: 9.601 (5.279, +38)
  • Liguria: 8.412 (3.508, +53)
  • Lazio: 6.847 (4.385, +38)
  • Marche: 6.363 (3.206, +44)
  • Campania: 4.498 (2.711, +14)
  • P.A. Trento: 4.258 (1.165, +11)
  • Puglia: 4.153 (2.945, +9)
  • Sicilia: 3.255 (2.202, +15)
  • Friuli Venezia Giulia: 3.076 (1.050, +4)
  • Abruzzo: 3.000 (1.837, +4)
  • P.A. Bolzano: 2.541 (636, +5)
  • Umbria: 1.394 (181, +0)
  • Sardegna: 1.317 (653, -2)
  • Valle d'Aosta: 1.143 (110, +1)
  • Calabria: 1.118 (674, +4)
  • Basilicata: 386 (173, +0)
  • Molise: 301 (178, +0)

bollettino coronavirus 4 maggio 2020-2

Quanto alle principali aree di contagio si registrano 20.254 casi totali in provincia di Milano, 13mila a Torino e Brescia, 11mila a Bergamo.

I casi di contagio da coronavirus provincia per provincia (Pdf)

In Lombardia anche oggi si registrano 577 nuovi casi di pazienti positivi al coronavirus (di cui 186 nella provincia di Milano) e 63 morti. Stabile il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva.

In Piemonte si registrano 22 decessi di persone positive al coronavirus, 161 i ricoverati in terapia intensiva, 2391 non in terapia intensiva, 13.010 le persone in isolamento domiciliare.

Dal Veneto arrivano dati rincuoranti per quanto rigurarda i ricoveri ospedalieri. Come sottolineato dal governatore Luca Zaia nella regione che ha fatto più tamponi d'Italia (383.442 tamponi) si contano 18.773 positivi (+34) di cui 6779 in isolamento, 51 in meno rispetto a ieri e 99 pazienti in terapia intensiva 4 in meno. 2703 sono in totale i pazienti covid dimessi, 9 in più da ieri; 1194 i decessi in ospedale 10 in più, mentre sono stati 1528 i morti in totale.

In Emilia Romagna si registrano 159 casi e 24 decessi, il report tra i più "bassi" dall'inizio dell'emergenza.

In Toscana sono 38 i nuovi casi di pazienti positivi al coronavirus (9.601 il totale su 152.447 test eseguiti) mentre crescono i guariti (3.441, +2,4%). Gli attualmente positivi sono oggi 5.279, lo 0,9% in meno di ieri. Si registrano 9 nuovi decessi: 5 uomini e 4 donne con un'età media di 82,4 anni.

Nel Lazio si registrano 38 casi positivi nelle ultime 24 ore e 16 decessi. Continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 1.938 totali. Buone notizie dalla provincia di Rieti: nessun nuovo caso di contagio da ben tre giorni.

In Campania si registrano due decessi di persone affette da Covid-19, cresce il numero dei guariti (1.421, +27). Tredici i nuovi casi di pazienti positivi al coronavirus.

Coronavirus, le ultime notizie

"Se dovessimo semplicemente guardare i numeri, è difficile immaginarsi un'accelerazione nella scomparsa del coronavirus Sars-CoV-2. Io credo che un aumento dei casi sia molto probabile". Questa la visione dell'epidemiologo Pierluigi Lopalco, professore di Igiene generale e applicata all'università di Pisa.

È chiaro che l'aumentato numero di flussi umani - persone che escono, riprendono il lavoro, si incontrano al lavoro e tornano a casa - aumenta il rischio. Se riusciremo a gestire questa situazione dipende dalla combinazione di due fattori: cittadini e soprattutto aziende responsabili, e un sistema sanitario che risponde velocemente. Se nelle prossime settimane non osserveremo una frenata, ma addirittura un aumento dei casi - spiega all'Adnkronos Salute - significa che non si è riusciti ad accompagnare questa fase."

"Certo ora non possiamo più permetterci di lasciare le persone con sintomi senza diagnosi e senza metterle in isolamento".

curva coronavirus-5-9

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di lunedì 4 maggio: 195 morti ma 5 regioni sono a "contagi zero"

Today è in caricamento